Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo/Indice alfabetico

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
  1. A ben pensar da Omeni sul serio
  2. A che far me diseu, che son paron
  3. A cosa serve tante cose bone
  4. A dirla quà la Mona è un gran boccon
  5. A doperarlo tutto se frua
  6. A far el Cazzador in Padoana
  7. A quel, ch'i dise, el zorno del Giudizio
  8. A sentir, che do Donne innamorae
  9. A sto Mondo cos'hoggio più da far
  10. A sventolarse per sensa hà scomenzà
  11. A trovarme una Donna xe vegnua
  12. A Venezia è vegnù, amigo, un Monsù
  13. A Zorzi Baffo ghè saltà in pensier
  14. Ad Alessandro Magno un gran sapiente
  15. Addìo Mone, addìo Culi, i do bocconi
  16. Adesso, che Codemo è Confessor
  17. Adesso, che vù sè in quel Tribunal
  18. Ah! Preti, e Frati, Aneme buzarone
  19. Ai tempi antighi un Grego gà brusà
  20. Al congresso dei grandi della tera
  21. Al mio casin son stà con una Dona
  22. Al Tribunal d'Amor hò fatto un zorno
  23. Al Tribunal del Cazzo l'altro dì
  24. Alfin so Santità l'hà fatta bella
  25. Alla morte del Cazzon
  26. Alle putte meneghela
  27. Altri canta le Furie de Bellona
  28. Amici da quà avanti
  29. Amici tutti, che passè per strada
  30. Amici, la regata xe fenìa
  31. Amici, moro presto, ma sappiè
  32. Amici, son in Mona. Oh che gran gusto!
  33. Amici, ve domando perdonanza
  34. Amiga, l'altro zorno mi son stada
  35. Amigo caro, no se cogionemo
  36. Amigo caro, no ve desperè
  37. Amigo, del mio mal xe causa l'ira
  38. Amigo, ve podè ben figurar
  39. Amigo, voi contarve in t'un Sonetto
  40. Amor dopo, che tanto t'hò servìo
  41. Amor, co delle volte el se tiol ziogo
  42. Amor, questa è una Donna, che al Marìo
  43. Anca a mì me vien voggia de lassar
  44. Anca mi fussi morto in quel momento
  45. Anca st'anno della Sensa
  46. Ancora, amici, la gran lite pende
  47. Ancuò st'uso de Franza xe sortìo
  48. Andava 'l Papa al so Taulin studiando
  49. Apollo inamorà quanto xe un can
  50. Avanti de morir mi voggio dar
  51. Avanti, che le cose mi me lassa
  52. Avanti, che peccasse el Padre Adamo
  53. Avè do busi pronti
  54. Avendo i Tripolini rotto el pato
  55. Baffo ti, che ti è un Omo de gran testa
  56. Baffo, ghe xe in Venezia sì, o nò
  57. Baffo, savè, che quando se gà mal
  58. Barca, che no hà timon, no è in Mar sicura
  59. Ben fortunà se puol chiamar quel Cazzo
  60. Berti, se la Natura no me ingana
  61. Bisognerìa, che'l Cazzo
  62. Brava, avè fatto ben 'na cosa bona
  63. Bravissima v'hò visto, e con che gusto
  64. Buzare, buzare
  65. Cara Cattina mia
  66. Cara Mona, che in mezzo a do colone
  67. Cara Siora novizza, mi ve auguro
  68. Care Putte credeu forse, che a posta
  69. Care Tette, vù sè l'unica, e sola
  70. Caro amigo, el bel partìo
  71. Caro Cazzo, che in fondo della panza
  72. Caro Papa, no fè tanto schiamazzo
  73. Cartesio quel filosofo eccellente
  74. Caton, che xe stà un omo in pase, e in guera
  75. Cazzi forti, e robusti, compassion
  76. Cazzi onorandi, e venerande Potte
  77. Cazzo, stame lontan, nè mai più arrente
  78. Certe finezze
  79. Ch'a so piaser gavea mille, e più Mone
  80. Che 'l Mondo pur se sfoga in adorar
  81. Che bel combattimento, che xe quello
  82. Che bel Mondo sarìa, se se podesse
  83. Che bella cosa, se la Clementina
  84. Che buzara è l'onor
  85. Che buzara xe questa al dì d'ancuo
  86. Che buzara xe questa, o San Francesco
  87. Che Diavolo de moda xe mai questa
  88. Che gabbi pur la Donna un gran bel buso
  89. Che giova aver fortuna, aver onori
  90. Che gran bella fattura a dir el vero
  91. Che gran cogionarìa, che xe sto onor
  92. Che gran fatalità, che xe la mìa
  93. Che i Atomi abbia fatto el Mondo a caso
  94. Che i diga pur sti gran filosofoni
  95. Che leze buzarada xe mai questa
  96. Che moda buzarada, che xe quella
  97. Che Mondo buzarado xe mai questo
  98. Che ordeni mai deu Papa Clemente
  99. Che pensistu de far, o Cazzo mio?
  100. Che pretension gaveu donca cogiona
  101. Che quelle tante gran composizion
  102. Che rabbia, che me fà ste sfondradone
  103. Che vaga a farse ben buzarar
  104. Che vegna pur la morte, co la vuol
  105. Chi credeu, che sia 'l Papa? El xe un buffon
  106. Chi dise accidental combinazion
  107. Chi dise, che bisogna doperar
  108. Chi dise, che xe scritto per dies'ani
  109. Chi diseva, che Amor xe un puttelletto
  110. Chi dopo aver basà
  111. Chi è stà colù, che hà strapazzà quel letto?
  112. Chi hà strapazzà sto letto, e chi la testa
  113. Chi leze della gran casa Ottomana
  114. Chi no ve tenta
  115. Chi non sà cosa sìa cazzarse in letto
  116. Chi sente le parole
  117. Chi vuol far del so nemigo
  118. Chi vuol goder un nobile solazzo
  119. Chi vuol godere un Mondo allegro, e bello
  120. Chi xe questa, che balla in sù la Scena
  121. Chi xe stà mai le razze buzarone
  122. Co all'Inferno xe andà la Bavellera
  123. Co me vien un pensier fazzo un Sonetto
  124. Co mi incontro una bella ragazzetta
  125. Co mi penso a quel povero Marcello
  126. Co penso al Pittagorico argomento
  127. Co se xe vecchj, no se xe più boni
  128. Co semo gonzi
  129. Co sti vintitre soldi buzarai
  130. Co una Donna me capita da niovo
  131. Co una lirazza
  132. Co vedo quella schiava a far l'amor
  133. Col destin me lagno spesso
  134. Col rito della Santa Madre Chiesa
  135. Colla Morosa son andà una sera
  136. Colù, ch'in quella Casa fà chiassetti
  137. Come chi stà per veder qualche festa
  138. Come el Cervo desidera la fonte
  139. Come quel Cazzador, che dalla fame
  140. Come quel, che all'Inferno è condannà
  141. Come un nocchier in Mar senza timon
  142. Come, che a mi me piase assae la Mona
  143. Come, che ho sempre dito pan al pan
  144. Come, che l'Emo prova un gran contento
  145. Come, che v'hò promesso, o Doria mìo
  146. Come, che và incontro un picolo puttello
  147. Come, se dopo una gran longa piova
  148. Come, un Duca, che xe cussì pomposo
  149. Compare el mio Cotal me l'hà ficada
  150. Compare, l'è fenìa per nù, che semo
  151. Compare, vù sè drento, e mi son drento
  152. Comparme caro; mi me son sognà
  153. Con rason vive, e giuste a mi me par
  154. Con tutto quel poder, e quel schiamazzo
  155. Considerè col vostro alto giudizio
  156. Conta Petronio del gran Neron
  157. Conta Sant'Agostin quel Dottoron
  158. Corrè Frati, corrè col candelotto
  159. Correa per un Salon
  160. Cos'è sto amor? Più, che ghe penso suso
  161. Cos'è, per aver bù un pò de solazzo
  162. Cos'hà da far ste nostre Donne adesso
  163. Cosa badeu a buzare
  164. Cosa credeu, che voggia dir quei tanti
  165. Cosa fà tanta zente col martello
  166. Cosa feu, care putte, sto bordelo
  167. Cosa hoggio mai da far più quà a sto Mondo
  168. Cosa me fà da rider quando sento
  169. Cosa me fà peccà la spezie umana
  170. Cosa me piase quella Donna Ircana
  171. Cosa serve avvenenza, e cosa 'l brìo
  172. Cosa serve, che siè Donna d'inzegno
  173. Cosa sia l'Omo, e cosa 'l fazza quà
  174. Cosa voleu, che diga, caro Fìo
  175. Cosa voleu? Ghe digo un dì a 'na Dona
  176. Cosa xe mai sta buzara, che sento
  177. Cosa xe mai sta cosa, che 'l mio Cazzo
  178. Cosa xe mai sta Donna, sta magìa
  179. Cosa, che pagherave d'esser mì
  180. Credendo fussi morto all'improviso
  181. Credeu, amici, che con tutto'l Spazzo
  182. Credeva, Amor, che avessimo fenìo
  183. D'esser solo a sto Mondo mi gò in testa
  184. D'Eurisbe col favor vù sì, ch'in cima
  185. D'Istà, mentre la sua
  186. D'opinion mi sarave francamente
  187. Da 'na Madre Badessa al so Convento
  188. Da tante Donne mi son stà servìo
  189. Da un rustico Paese
  190. Dai occhj me defendo
  191. Dai pulpiti se sente una gran ose
  192. Dal Cielo el Dìo d'Amor hà dà un'occhiada
  193. Dal dir al far osservo ghè un gran tratto
  194. Dalla Mona, perchè m'aveu cavà
  195. Dame la Mona. Oh! Dio, zà vegno drento
  196. De chiavarve saveu, perchè me tegno?
  197. De negro và vestìe le nostre Dame
  198. De niovo son tornada in quel casin
  199. De no poder mai goder mi me lagno
  200. De Platon la dottrina giera questa
  201. De quattro lioghi, che de là n'aspeta
  202. De quei no me stupisso, che fà bezzi
  203. De tante Donne, che xe in sta Cittae
  204. De tre cose Platon continnuamente
  205. De una Donna me par de no pensarghe
  206. Dei Omeni ghe xe delicatini
  207. Dei stupendi miracoli se sente
  208. Del Decreto della Franza
  209. Del mio Cazzo me par sentir la vose
  210. Dell'Areopago i Giudici prudenti
  211. Della notizia, che dà San Zermen
  212. Della tal qual Sentenza, che xe nata
  213. Delle gran opinion, che ghe xe stà
  214. Delle volte me passa per la mente
  215. Depenzime, Pittor, un bel ragazzo
  216. Deventà Papa 'l vostro gobbo appena
  217. Dicearco, Asclepiade, Epicuro
  218. Dime, Cazzo baron, in sta maniera
  219. Dime, Ruffian, se chiava in tel Abbisso?
  220. Dio ghel perdona a quello, che xe stà
  221. Dirghe al mio Cazzo
  222. Dirghe cogion a un Omo vù credè
  223. Diseme, cosa xelo?
  224. Do Donne fà baruffa, e se strapazza
  225. Do Donne ho visto insieme, che ziogava
  226. Donca l'oggetto del mio amor più bello
  227. Donca la mia Morosa xe novizza!
  228. Donne credeu, che solo per pissar
  229. Donne graziose, che sè fatte apposta
  230. Donne no tarocchè, se per Città
  231. Donne, che co volè farve servir
  232. Donne, ve compatisso, se la Mona
  233. Donne, zà l'anno santo xe visin
  234. Dopo 'l dì del Giudizio co anderemo
  235. Dopo la cena
  236. Dopo, che Dìo colla so gran potenza
  237. Dopo, che per culìa mi ho tanto fato
  238. Dopo, che tanti gà letto
  239. Dopo, che ti gà buo tanto solazzo
  240. Dov'è quella Città cussì brillante
  241. Dove Diavolo putte seu cazzae
  242. Dove missier Cupido avè trovà
  243. Dove, che staga Dìo, a contemplando
  244. E chi questo agitò spergiuro letto?
  245. È morto 'l Baffo, è morto il gran Poeta
  246. El Baffo sà, ch'i Padri Gesuiti
  247. El buzaradonarve mia Parona
  248. El Cazzo darme in man! Nò, no la tegno
  249. El Dottor Sibiliato vuol, che scriva
  250. El Goldoni mi sento assae lodar
  251. El mio caro Pittor, no son contento
  252. El mio Cazzo xe morto, e mi no moro!
  253. El mio povero Cazzo dopo alquante
  254. El morir no me dà pena
  255. El negoziar el xe un gran bel mestier
  256. El Papa ne cogiona. Oh! che stupori
  257. El Papa s'hà volesto tior l'impazzo
  258. El puttanesmo, quel mestier sì belo
  259. El xe tempo per Dìo, buzaradona
  260. Epitaffio in morte dell'autor
  261. Erostrato per farse nominar
  262. Essendo necessario remediar
  263. Esser la causa mi dei to malani
  264. Estinguendo se và tanti ricconi
  265. Fà 'na leze el Senato Venezian
  266. Far della bocca un sacco
  267. Farse chiavar voleva una Puttana
  268. Fava do Amanti una grisonerìa
  269. Feve fotter, puttazze, allegramente
  270. Fin ai disdotto l'Omo hà da studiar
  271. Fottemo pur, fottemo allegramente
  272. Frà i gusti de sto Mondo a mi me par
  273. Frà le diverse sette ereticali
  274. Frà le fortune, che ghe xe a sto Mondo
  275. Frà le tante gran buzare, ch'i conta
  276. Frà tante, che cognosso, una me resta
  277. Frati becchifottui, chi hà mai sentìo
  278. Frati, e Puttane, che disgrazia è questa?
  279. Frati, mo la sarave buzarona
  280. Gavè rason de dirme, siora Mare
  281. Genova al gran Bonfadio rompiculo
  282. Ghè a Venezia un'allegrìa
  283. Ghè alcun, che da sti Frati buzarai
  284. Ghè de quei, che se vanta, e fà schiamazzo
  285. Ghè delle Mone coi bisatei
  286. Ghè delle Mone
  287. Ghe giera un ruffian solo in sta Città
  288. Ghe xe al Mondo certi siori
  289. Ghe xe do zentildonne in sta Città
  290. Ghe xe qualcun, che loda
  291. Ghe xe stà un'opinion famosa assae
  292. Ghe xe una leze disè, che no se fotta?
  293. Giera i Omeni un tempo tante fiere
  294. Giera là in quiete, e più no ghe pensava
  295. Giera un dì all'Ostarìa colla mia pippa
  296. Giera un dì in una calle, che pissava
  297. Giove gaveva fatto sotto i brazzi
  298. Gnessun puol concepir quant'allegrìa
  299. Gò una gran voggia de spiccar un volo
  300. Gò visto l'altro zorno 'na puttana
  301. Gò voggia de chiavar de quelle Done
  302. Gran belle cose hà fatto i Deputati
  303. Gran beni, che la Mona al Mondo fà
  304. Gran bestia, che xe l'Omo! lù defforma
  305. Gran che, che no se possa mai chiavar
  306. Gran Dea, se sè propizia alla mia istanza
  307. Gran desgrazia de chi xe in Prelatura
  308. Graziossima Dea Venere bela
  309. Hà da viver le belle, e le brutte
  310. Hà fatto con poetica licenza
  311. Hà pagà el so tributo alla Natura
  312. Hò alfin savesto la rason, perchè
  313. Hò fatto col mio Cazzo 'na scrittura
  314. Hò letto la risposta, ch'i hà fatto alla mia Critica
  315. Hò tanto pregà Amor, che 'l me soleva
  316. Hò toccà tanti Culi, e tante Mone
  317. Hò visto in sogno Amor, che se lagnava
  318. Ho visto l'altro dì 'na bella Dona
  319. Ho volsudo chiavar un dì a passin
  320. I amori xe dolori
  321. I dise, che valè, co val un Cazzo!
  322. I gran poeti dell'antichità
  323. I gusti del sborar, Missier Andrea
  324. I Omeni, e le Donne
  325. I se lagna, perchè ste nostre Done
  326. I teologhi dise, che de là
  327. I ve suppia in tel Cul, se ve neghè
  328. In alto son andà tanto svolando
  329. In Cielo Marte, e Amor s'hà messo al ponto
  330. In diverse maniere mi hò provà
  331. In fin o Frati, razze buzarone
  332. In frà i mestieri della vita umana
  333. In materia del senso gran cose s'hà sentìo
  334. In quei spileghetti
  335. In quel momento
  336. In queste fortunate alme contrade
  337. In sta Città quel, che me dà solazzo
  338. In t'un zardin, che giera molto belo
  339. In tel profondo Oceano della Potta
  340. In tempo, ch'i portava a sotterrar
  341. In un coro de Donne, e tutte belle
  342. In un paese
  343. Incauta la Natura nel formar
  344. Indosso ti te porti el to tesoro
  345. L'Accademia de Franza hà pur trovà
  346. L'altro dì caminando per l'ingresso
  347. L'altro zorno a un Caffè da certi Preti
  348. L'anema è un puro spirito, e mi'l credo
  349. L'anema umana, prima de vegnir
  350. L'anno niovo, bisogna confessarse
  351. L'è stada in fatti ispirazion divina
  352. L'Eresìa dei Quietisti a mi me par
  353. L'impareggiabil Potta in odio avesse
  354. L'Omo no gà da creder, se nò quando
  355. L'Omo se stima assae generalmente
  356. L'ultimo dì xe ancuò de Carneval
  357. La Bavellera quella brutta scroa
  358. La biaca è un negrofumo in paragon
  359. La bocca se retira
  360. La Concorrenza, amici, xe fenìa
  361. La Donna gà 'na cosa tanto bona
  362. La Giustizia dei Preti è buzarona
  363. La Grillo, e la Zaguri
  364. La Mona un dì rabbiosa, e indemoniada
  365. La Mona xe bona
  366. La xe ben una leze buzarona
  367. La xe opinion de quel famoso Frate
  368. Laura cosa te par dell'Anzoletta
  369. Le cene d'Eliogabalo
  370. Le Donne gà un tesoro
  371. Le Donne, che in fiera
  372. Le mie meditazion le xe in pensar
  373. Lodoli è morto, quel, che se stimava
  374. M'arrecordo 'l mio Cazzo poveretto
  375. M'hà parso ben de far al mio servizio
  376. M'hà parso de veder sù d'un balcon
  377. M'hò insognà l'altra notte un gran strambotto
  378. Madama forestiera, se credè
  379. Madre suor Cherubina
  380. Me despiase, per Dìo, Padre Santissimo
  381. Me domandè cosa doveva far
  382. Me domandè, se gò casin? ve digo
  383. Me lambico el cervello zorno, e notte
  384. Me par, che la politica no vogia
  385. Me par, che un altro Diogene sarìa
  386. Me tira el Cazzo, che 'l me và in malora
  387. Me vede una ragazza un dì a pissar
  388. Me vien voggia ogni tanto de menar
  389. Mi adoro 'l Sol, perchè mi trovo in quelo
  390. Mi credo, che sia stà la teologìa
  391. Mi dedico ste mie composizion
  392. Mi digo, che una brava Ballerina
  393. Mi no sò chi sia stà mai quel bravazzo
  394. Mi no sò per qual causa, ch'a spuar
  395. Mi no son un cogion, sior Baffo caro
  396. Mi no vorrìa aver fatto quel, ch'hò fato
  397. Mi stimo assae sto Duca per le tante
  398. Mi studio tutti i gusti delle Done
  399. Mi vardo, e me stupisso, ch'ogni Dona
  400. Mio Perini, se vedè
  401. Missier Cazzo baron xe tempo alfin
  402. Mo xela longa sta cogionerìa!
  403. Mo, che Diavolo feu, Madre Priora
  404. Mona che hà gustà el Cazzo
  405. Mona, cosa mai xestu, che ti hà tanta
  406. Mona, stame lontan per carità
  407. Mona, te lasso, no sperar, ch'attorno
  408. Monazze buzarone, avè fenìo
  409. Mondo beccofottù, buzaradazzo
  410. Mondo cogion, canagia buzarona
  411. Mondo fottù, canagia buzarona (2)
  412. Mondo fottù, canagia buzarona
  413. Mondo, da ti me parto, e me la batto
  414. Mondo, tirete in là, tirete in drìo
  415. Morir voggio anca mi zà, che m'è morto
  416. Muneghe se la mena
  417. N'occorre dir, che quella
  418. Nel boschetto della Diletta mìa
  419. Nell'Isola di Baffo
  420. Nemighe dei Omeni
  421. Niove Mistri s'hà messo a far la Potta
  422. No chiamè 'l Mondo razza buzarona
  423. No digo, che no sìa gusto a toccar
  424. No digo, che no sìa gusto el magnar
  425. No ghe voi più pensar, sto pò de resto
  426. No intendo cosa sìa sta onnipotenza
  427. No manca de parola quella Dona
  428. No me posso tegnir; una ruffiana
  429. No patisse cussì chi gà la gotta
  430. Nò per veder el Popolo Roman
  431. No podendo soffrir chi me strapazza
  432. No se puol dir, che 'l Re Prussian no sìa
  433. No se sà dove ancuò più praticar
  434. No sò, chi s'abbia tiolto mai la briga
  435. Nò tanto a mi me diol, perchè 'l peccà
  436. No voggio scriver più cogionarìe
  437. No voi più Donne, no voi più puttelle
  438. No voi scriver più sonetti
  439. Nò, no se trova più Potte innocenti
  440. Non occorre stupirse, caro amigo
  441. Nù semo nati tutti alla ventura
  442. Nù, amigo, semo do, che componemo
  443. O che no ghè più gnente all'altro Mondo
  444. O tu, che sopra il sasso sepolcrale
  445. Odoardo fradel del Rè di Inglesi
  446. Oè, veder mi me par el Giustinian
  447. Ogni cosa me par sia ben intesa
  448. Ogni Omo, che sìa Prete, e Confessor
  449. Ogni tanto riffletto alle ricchezze
  450. Ogni volta mi dago in scandescenza
  451. Oh Bus del Cul, che tra do Colinette
  452. Oh che bel Cazzo! Oh siestù benedetto!
  453. Oh che gran caldo; No se puol più; giusto
  454. Oh come dà la vita!
  455. Oh Dìo, xe morto l'Emo! Oh Dìo, che testa
  456. Oh Dìo! che caldo, no se puol magnar
  457. Oh Dìo! Cosa xe mai sto corpo uman?
  458. Oh Dìo! mio ben, no posso più, oh Dio! moro
  459. Oh Dìo! Quella Città cussì famosa
  460. Oh poffardìo, me tira tanto el Cazzo
  461. Oh Sommo Giove, che 'l celeste coro
  462. Oh, se gavesse tante Doppie in Cassa
  463. Oh! Bella figurina, che lontana
  464. Oh! Caro Cazzo duro
  465. Oh! Caro, oh! bello istà, se mi podesse
  466. Oh! Estu ti quel bravo visdecazzo
  467. Oh! Mona in frà le cose delicate
  468. Oimè! No posso più, mi gò un gran mal
  469. Osservè l'Ostarìa, che bella casa
  470. Osservo, che sti Santi vien depenti
  471. Padre, m'hà tirà 'l Cazzo, e l'hò menà
  472. Padre, mi ve confesso 'l mio peccà
  473. Padre, sappiè, ch'a mi le cose umane
  474. Per aver scritto mi certe Poesìe
  475. Per cosa fali mai tanti Poeti
  476. Per el più niove mesi gà da star
  477. Per mì zà xe fenìo l'orbis terrarum
  478. Per ordinario
  479. Per promover la susta del Cazzo
  480. Per quanto delle Donne voi pensar
  481. Per quell'istessa causa, per la qual
  482. Per quella sfesa
  483. Per trovar drappi, maschere, e baute
  484. Per tutto dove son, e dove vago
  485. Per un poca de Mona, che gavè
  486. Perchè no ziro più, ti te lamenti?
  487. Perchè sò ve sarà d'aggradimento
  488. Perchè tanto se critica, e se crìa
  489. Perchè, caro el mio ben, se vù gavè
  490. Pian, pian, o Padre, un pò de discrezion
  491. Pianta un Dilemma, che hà le so eccezion
  492. Pianzè pur Mone, e vù pianzè pur Cazzi
  493. Più, ch'in Potta Real in Concubina
  494. Piuttosto se puol dar, che 'l Sol no lusa
  495. Podemo ben ruzar quanto volemo
  496. Poder senz'altri affanni
  497. Podessio almanco in sto gran Mar de pianti
  498. Podeu dar più superba cogionada
  499. Poeti, ve lagnè continnuamente
  500. Povera matta, bestia buzarona
  501. Povere Muneghette abbandonae!
  502. Preti becchifottui, Preti bardazze
  503. Preti, e Frati, canagie buzarae
  504. Puttana buzarona, oh che brusor!
  505. Puttana buzarona! Chi hà sentìo
  506. Puttana buzarona! Più no posso
  507. Puttane ancuò xe terminà la festa
  508. Puttane, quante sè, ve dago parte
  509. Puttazzi, vù
  510. Putte, zà, che sè bone
  511. Puttello una volta
  512. Quà drento xe sepolto quel Fratazzo
  513. Qualche cogion, che dise
  514. Quando lezo quel passo de Scrittura
  515. Quando lezo sul nuovo Testamento
  516. Quando me trovo in qualche recreazion
  517. Quando se xe per trar l'ultimi peti
  518. Quando sento sti gran Predicatori
  519. Quando son solo colle mie raise
  520. Quando volè sborar, come, che và
  521. Quando, che della Baffa i tradimenti
  522. Quando, che quella tisica indiscreta
  523. Quanti stolidi mai, ch'i s'hà ridotto
  524. Quanto i Decreti vostri imperscrutabili
  525. Quanto più m'avvisino alla vecchiezza
  526. Quanto putte da ben ve compattisso
  527. Quattro chiavae
  528. Quei colpi secreti
  529. Quel Baffo, che stà in campo a San Maurizio
  530. Quel bardassa d'amor m'hà cogionà
  531. Quel Cazzo spietato
  532. Quel gran speculativo de Platon
  533. Quel grand'Omo, quel spirito elevato
  534. Quel scagazzà de Lodoli Fratazzo
  535. Quel vostro pedantismo assae me stracca
  536. Quella Donna, che mai se fà chiavar
  537. Quello, che vedo, odoro, gusto, e sento
  538. Querini, della to sorte tirana
  539. Questa sì, che xe Mona intelligente
  540. Qui giace di colui chiamato Baffo
  541. Qui giace el pover mio Sior Pare
  542. Qui giace un uom della Natura amante
  543. Ravviva in un momento le persone
  544. Resister no posso
  545. Respondo in do parole a quei gramazzi
  546. Roma no gà più azion de reclamar
  547. Ruffiani buzaradi, che sè andai
  548. S'alza da per se stessa la gonnella
  549. S'hà cercà immortalarse chi hà brusà
  550. S'opera, e tutto d'un'intelligenza
  551. Sabo de sera un Frate se despogia
  552. Sangue de Bacco, oh dura condizion!
  553. Sant'Antonio de Padoa sì famoso
  554. Sarielo un caso
  555. Satirico, che fè tanto da bulo
  556. Saverè, che m'è stà scritto
  557. Saveu, amigo, perchè son in Occa
  558. Savio è in Colleggio Paulo Contarini!
  559. Se a mio modo podesse comandar
  560. Se al Mondo no ghe fusse più la Mona
  561. Se Amor xe fìo d'un Dìo
  562. Se comandasse mi liberamente
  563. Se credesse, Signor, che ghe pensessi
  564. Se de pissar la voggia v'è scampà
  565. Sè dell'istessa pasta
  566. Se Dio xe solo, come ghe xe tante
  567. Se dispor podesse el Mondo
  568. Se fa novizzo un certo zentilomo
  569. Se fusse vero quel, che dise tanti
  570. Se fusse vivi i vecchj, e ch'i vedesse
  571. Se ghe fusse qualcun, che dei stupori
  572. Se lagna, e se scontorze un certo tal
  573. Se mi fusse Imperator
  574. Se mi fusse l'autor della Natura
  575. Se nate Zemelle
  576. Se nò che della Potta 'l gran podere
  577. Se no l'avè puttazze ancora rotta
  578. Se no me fussi amigo, sior frascon
  579. Se paonizzava in specchio un dì Isabella
  580. Se pensa a riformar solo 'l privato
  581. Se qualche putta in strada xe a pissar
  582. Se quando, che la testa hò messo fuora
  583. Se sia la calamita, o el ferro sìa
  584. Se spiana i Monti
  585. Se stasse a mi de fabbricar un Mondo
  586. Se stasse in mio poder, se mi a toccasse
  587. Se ti gavessi un pò de raziocinio
  588. Se volè, Amici, tiorve un bel solazzo
  589. Se xe stà i nostri vecchj cussì boni
  590. Se xe, che per la Mona è fatto el Cazzo
  591. Semo in ancuò a 'na dura condizion
  592. Semo pronte a mostrar e Culo, e Mona
  593. Sentì cosa vorrìa, cara parona
  594. Sentì mo, che bell'arte, e che dottrina
  595. Senti, buzarona, abbi giudizio
  596. Senti, cogiona, se ti me desprezzi
  597. Sentì, come che pensa sto Mondazzo
  598. Senti, come el me tira, Anema cara
  599. Senti, Nina, sta notte m'hò insognà
  600. Senti, Pittor, depenzime 'na Dona
  601. Sento a chiamarme un zorno, che andava via soletto
  602. Sento a dir, che no se fà
  603. Sento a dirme
  604. Sento, che ghè qualcun, che se stupisse
  605. Sento, che l'opinion d'un gran soggetto
  606. Senza starve a cantar d'arme, e d'amor
  607. Senza, che mi me porta alla lezion
  608. Sessanta volte 'l Sol hà zirà tuto
  609. Sette Donne vorrìa per mio solazzo
  610. Sì, che 'l volevi, che quel furegarve
  611. Sia benedetto pur el tempo, e 'l liogo
  612. Sier Cupido avè fatto un bel giudizio
  613. Siora Perina mia, se la gavè
  614. Siora Perina
  615. Sò, che assae ti disaprovi
  616. Sò, che chi hà fatto mi senza de mì
  617. Socrate in tempo, ch'i ghe desligava
  618. Sodoma è sta brusada per Decreto
  619. Sol tormento le xe, solo dolore
  620. Solo, e pensoso notte, e dì zirando
  621. Son stà col far sonetti allegramente
  622. Son stà in Mona jer sera allegramente
  623. Son stà veder un zorno un bel Convento
  624. Son tanto innamorà d'una ragazza
  625. Son tanto stracco, e sazio della Dona
  626. Son tutto de fuogo
  627. Son vecchio, l'è fenìa, ghe vuol pacienza
  628. Sora de tutti voggio lodar quello
  629. Sora la bocca della mia diletta
  630. Spiritual, oppur corporeo sìa
  631. Sta Baffa la xe stada 'na gran Dona
  632. Sta notte, amiga, gò bù un gusto mato
  633. Stando sul balcon de notte dopo cena
  634. Ste Dame, che stà assae sul so decoro
  635. Sto aver d'andar in letto, co xe sera
  636. Sto no pensar ad altro, che a chiavar
  637. Sto Papa fà le gran buzararìe
  638. Sto scriver sempre buzare me par
  639. Sù 'na sacra schiavina stravaccà
  640. Sù i sessanta una bona Cameretta
  641. Sù i trenta, che 'l se trova 'na morosa
  642. Su, puttane, a penitenza
  643. Sul testamento vecchio un zorno hò letto
  644. Sull'erba una Villana zovenotta
  645. Sulla riva d'un fiume spassizzava
  646. T'hò pur trovà sul letto
  647. Tasi là, buzarona, no parlar
  648. Te ne incago, Natura malandrina
  649. Tette fatte de latte, e de zonchiada
  650. Ti fotterà, se ti averà giudizio
  651. Ti m'hà servìo con tanta pulizìa
  652. Torna, amigo, el Diluvio universal
  653. Tre soli gusti, e veri a mi me par
  654. Tre volte sole
  655. Tutte ste nostre Dame, che gà brìo
  656. Tutto me fà da pianzer a sto Mondo
  657. Un amigo filosofo alla moda
  658. Un arrecordo voggio darve, amici
  659. Un bel Cazzo, ma duro, che fotta
  660. Un bon Cazzotto
  661. Un Cazzo no xe bon per diese Mone
  662. Un Cazzo sè chiamà! Saveu, ch'al Mondo
  663. Un certo amigo un dì m'hà domandà
  664. Un certo Cavalier orbo da un occhio
  665. Un certo Ipocondrìaco innamorà
  666. Un della mia famegia per Levante
  667. Un dì giera in campagna, e da lontan
  668. Un dì, ch'in trono Amor giera sentà
  669. Un Frate desgrazià con mio contento
  670. Un Frate m'hà dito
  671. Un Frate, che fà fritole a ogn'ora
  672. Un gran gusto, che hò bù veder a brazzi
  673. Un gran zorno, che xe Venere santo!
  674. Un mortal accidente a un Senator
  675. Un zorno me son messo a spassizzar
  676. Un zorno mi m'hò tiolto un gran spasseto
  677. Un'altra bella Donna mi vorrave
  678. Una bellezza mi vorrìa lodar
  679. Una certa puttana buzarona
  680. Una cosa vù fè contro Natura
  681. Una Donna del popolo de Dìo
  682. Una Donna mi ho visto, che la giera
  683. Una Donna no ghè, che più me piasa
  684. Una gran compagnia d'Omeni doti
  685. Una gran ingiustizia buzarada
  686. Una putta hò tentà con arte, e bezzi
  687. Una ragazza un dì la so Cocchetta
  688. Una razza de Donne s'hà introdotto
  689. Una volta se dise no le andava
  690. V'andè lodando d'aver Morose
  691. Vago filosofando, come mai
  692. Vago pensando al tempo, che gò perso
  693. Vardè, ch'un Frate d'una compagnìa
  694. Vardeme pur in ciera co destrutto
  695. Vardo Roma coi occhj della mente
  696. Ve dago parte, amigo, in t'un sonetto
  697. Ve prego, sior Piovan, per carità
  698. Vecchia rabbiosa, frusta, cariolada
  699. Vedarè 'l mio ritratto, o gran Frugoni
  700. Vedarìa volintiera un Cazzo duro
  701. Vedo un zorno alla finestra
  702. Vegnì pur, sior paron, che mi ve avviso
  703. Venere, a vù riccorro, a vù, che sè
  704. Venere, che xe furba
  705. Via buzarone, cos'è sto bordello?
  706. Via, cara, no me far più sospirar
  707. Vìa, caveve dalle Dame
  708. Vìa, fenìla, sier Cazzo: abbiè giudizio
  709. Vien quà subito, porca buzarona
  710. Vien quà, Tonina, senti una parola
  711. Viva cà Zon, e viva la novizza
  712. Voi dir in primo liogo del contento
  713. Voleu fiorissa l'arti, e le fatture
  714. Voleu, che 'l Cazzo
  715. Vorrave cavalcar, ma poffar Bacco
  716. Vorrave, cari amici benedeti
  717. Vorrave, mia bellissima parona
  718. Vorrìa saver da vù, se interessada
  719. Vorrìa saver, Parona, 'l vostro intento
  720. Vostro fradello ancuò Procurator
  721. Vuoi tu saper, o legitor, chi sìa
  722. Xe certo un bel veder i drappi d'oro
  723. Xe da lodar in quel Sonetto assae
  724. Xe falso quel principio, che la Dona
  725. Xe fenido Carneval
  726. Xe stà causa Tonina
  727. Zà che avè curiosità
  728. Zà, ch'ancora me trovo san de mente
  729. Zà, che 'l vento, e la piova me fà star
  730. Zà, che per grazia de Domenedìo
  731. Zà, che s'hà da morir, mi no vorrìa
  732. Zà, che son zonta ai ultimi confini
  733. Zà, che ti m'hà, Pittor, con gran bon sesto
  734. Zente, che per el Cielo s'hà castrà
  735. Zonta là in Ciel, dove s'imparadisa
  736. Zonti del fiume Lete in sulla sponda
  737. Zonto a Venezia el Duca, tutte quante
  738. Zonto all'Inferno quel terribil Frate
  739. Zorno, e notte la testa me zavaria
  740. Zoroastro all'Inferno un dì xe andà
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo/Indice_alfabetico&oldid=54676"