La Donna gà 'na cosa tanto bona

Da Wikisource
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
EPUB   MOBI   PDF   RTF   TXT
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 13 modifica]
SORA LA MONA


SONETTO


La Donna gà 'na cosa tanto bona,
    Che tutti la vorrìa, tutti la brama,
    Co tanti varj nomi la se chiama,
    4Ma 'l più bello de tutti xe la Mona.

Oh! Come ben sto nome in bocca sona;
    A solo nominarla el cuor s'infiama,
    Questo fà, che la Donna tanto s'ama,
    8E che dell'Omo la se fà parona.

La gà rason, se la la tien sì stretta,
    E come una reliquia ben coverta,
    11Perchè la xe una cosa benedetta.

E quei, che la vuol veder descoverta,
    O che i voggia toccarghe la Sfesetta,
    14Bisogna, che i ghe fazza la so offerta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=La_Donna_gà_%27na_cosa_tanto_bona&oldid=42111"