Se ghe fusse qualcun, che dei stupori

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 4 modifica]
PROTTESTA


SONETTO


Se ghe fosse qualcun, che dei stupori
    Fasse, perchè mi scrivo dei Sonetti,
    Dove drento ghe xe dei potacchietti,
    4E tutti al natural senza colori,

Ghe dirave, che i leza tutti i Autori;
    Che gà scritto de Donne, e de Amoretti;
    E i vederà, che sotto ai bei fioretti
    8Ghe stà nascosti i più lascivi Amori.

Sora tutti el Petrarca hà bù vittoria,
    Eppur no l'hà parlà, che d'una Dona;
    11E gnanca el l'hà lassada star in gloria.

Gran che! Mi averò biasmo, e lù Corona,
    Lù gà scritto un Romanzo, e mi un'Istoria;
    14Lù hà dito Laura, e mi ho dito Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Se_ghe_fusse_qualcun,_che_dei_stupori&oldid=42802"