No voi più Donne, no voi più puttelle

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 115 modifica]
PROPONIMENTO.''


SONETTO


No voi più Donne, no voi più puttelle,
    Ma goder voggio la mia libertae,
    Zà vedo, che le xe tutte cagae,
    4Che le me caverave insin la pelle;

Che i diga pur, che le xe bone, e belle,
    Che a mi tutte in tel Cul le me xe andae,
    Che siele tutte quante buzarae,
    8E tutti quanti quei, che fà per elle.

No voggio in quella spuzza andar più drento,
    Dove no se ghe trova a parlar schietto,
    11Che pisso, che marchese, e scolamento.

Che vaga pur chi vuol in quel bruetto,
    Che mi, s'hò da isporcar el mio Strumento,
    Voi piuttosto ficcarlo in t'un Culetto.
                        15Cussì anderò più stretto,

[p. 116 modifica]


E 'l fresco goderò delle culate,
    Che veramente l'è un boccon da Frate,
                        18Dar quelle botte mate,

Sentirse quella carne sulla panza,
    E metterghe in tel Cul quel, che n'avvanza.
                        21Oh benedetta usanza!

Degna de lode, e degna de corona,
    Altro, che quella buzara de Mona!
                        24E pò ogni persona,

E Prencipi, e Prelati, e Gardenali,
    Tutti mette in tel Cul i so Cotali,
                        27No ghè se nò i coccali,

Che vaga in Mona, e i poveri facchini,
    I altri tutti và in Culo da sassini.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=No_voi_più_Donne,_no_voi_più_puttelle&oldid=54656"