Sento a chiamarme un zorno, che andava via soletto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 178 modifica]
VIEN CHIAMÀ DA 'NA RAGAZZA.


MARTELLIANI


Sento a chiamarme un zorno, che andava via soletto
    Per una strada incognita, da un muso benedetto;
Me fermo, e ghe domando cosa la vuol da mi,
    La me responde in botta; vien suso, caro ti;
5Me preme de parlarte, in casa mi son sola,
    Fà presto, che gò voggia de dirte una parola.
Ella me tiol in fallo, ghe digo a questa quà,
    Perchè mai la gò vista, nè manco saludà;
Mi no sò chi la sia, ma se la vuol, che vegna,
    10Per dove hò da vegnir almanco la me insegna;
Ma no vorrìa per altro, che alcun se ne accorzesse,
    E che con ella sola quà in casa i me vedesse.

[p. 179 modifica]

No dubitar, la dise, gnessun zà gà che far,
    E prima de vegnir, con mi i hà da parlar,
15Vien pur liberamente, questa, ch'è quà è la porta,
    Onde mi vago franco senz'aspettar la scorta.
Per primo complimento la man sul pattelon
    Ella me mette, e subito me salta vìa un botton;
Perchè appena mi hò visto un muso cussì bello,
    20Cussì grazioso, e amabile, se m'hà indurìo l'Osello,
E de saltarghe addosso me xe vegnù 'l pronto,
    Ma hò pensà ben de starmene un poco ancora zito.
Gò domanda 'l motivo, perchè la m'hà chiamà,
    Aspetta, la me dise, che chiapa un pò de fià,
25Sentete quà, ch'intanto mi voggio, che bevemo
    Un paro de fiaschetti, e pò descorreremo.
Frà mi andava pausando, ma no podea capir
    Cosa, che sta ragazza la me volesse dir;

[p. 180 modifica]

Senza d'averme visto, nè mai parlà co mì,
    30Farme tante carezze, che no podeva pì;
A dir la verità mi me sentìa 'na voggia
    De darghe do chiavade a quella cara zoggia;
E fin, che dal Tinello i fiaschi la hà portà,
    Dal gusto, che sentiva, in braghe gò sborà;
35E dopo, che do gotti de vin mi gò bevù,
    Tegnir el Cazzo fermo no gò podesto più.
Questa la se n'accorze; la dise, cosa gh'è?
    Cos'è mò quella robba, che sotto vù gavè?
Mi da vergogna allora ghe digo gnente affatto,
    40Costù nol vuol star quieto, el xe deventà matto,
La lassa, che 'l se sfoga, che 'l fazza quel, che vuol,
    Perchè a vederla ella tegnirse più nol puol.
Ma la me diga un poco cosa la vuol da mì?
    Perchè la zente in casa la chiama ella cussì?

[p. 181 modifica]

45Senza saver chi sìa, perchè tal confidenza?
    Fermeve, la me dise, abbiè un pò de pazienza,
Tireve quà vesin, che mi ve dirò tutto,
    E intanto, che ve tocca, lasseme, caro putto;
Vù zà vedè, che semo do zovenotti a uno,
    50Che drento de sta casa no abita gnessuno;
Onde, se v'hò chiama no credo, che sia mal,
    Vedendo, che sè un Omo, e che non un coccal;
Anca mi qualche volta me piase de goder
    De quei, che per el più sà far el so dover;
55V'hò visto vù a passar, e giusto in quel momento
    La me spizzava, e subito v'hò dito: vegnì drento.
No credo, che per questo ve chiamerè affrontà,
    Che zà dell'altre ancora ghe n'averè chiavà.
Mo vìa, cosa diseu? E no parlè? Seu matto?
    60Cosa voleu, che diga? Son quà mi pronto affatto;

[p. 182 modifica]

Voleu, che andemo a letto? Anemo la se spogia,
    Che, se a ella la ghe spizza, ghe caverò la vogia;
Farò anca mi l'istesso; da brava scomenzemo,
    E i complimenti intanto da banda nù lassemo.
65Senza dir altro allora, quantunque fusse dì,
    Nua la s'hà despogià, l'istesso ho fatto mì;
Ghe chiapo in man le tette, l'abbrazzo, e la sculazzo,
    Le gambe la se slarga, e mi ghe metto 'l Cazzo;
Gran gusto, la me dise, xe questo, che xe quà,
    70Nè mai el so compagno mi certo gò provà;
Anemo vìa da bravo, la dise, spenzè sù,
    Che a forza del gran spenzer mi no podeva più,
Perchè l'avea una Cocca sta putta cussì stretta,
    Che 'na fadiga a entrarghe gò fatto maledetta.
75Dopo d'aver sborà l'Osello tiro fuora,
    Questa me dà un'occhiada, e dise, và in malora,

[p. 183 modifica]

Cussì presto avè fatto, contenta mi no son;
    Demene un'altra ancora, che vedo, che sè bon.
Lassè, che me reposa un poco, mi ghe digo,
    80E darvene dell'altre ve zuro, sì d'amigo;
Adesso xe a bon'ora, zà mi no vago vìa,
    Tutta sta notte insieme staremo, vita mìa.
Intanto, che ve varda, lassè, quanto voi mì,
    Perchè sè tanto bella, che dir no posso pì,
85Gavè do tette amabili, le carne delicate
    Bianche, come la neve, stè ben anca de culate;
In summa chi ve vede, quando, che sè despogia,
    Xe matto, se de fotterve a lù no vien la vogia.
Me vostu ben? la dise. Sì, cara, te voi ben:
    90Donca fotteme ancora, che 'l cuor me sbalza in sen.
Gò 'na voggia, che crepo de farme furegar,
    Se no ti me contenti, ti me farà malar.

[p. 184 modifica]

Collegheve, gò dito, slarghè quelle culate,
    Incappellà gò 'l Cazzo, che 'l par giusto un Frate,
95In man chiapelo subito, mettelo arrente 'l buso,
    Che mi darò 'na spenta, e ve lo paro suso.
L'è drento, vìa, stè quieta, e lassè far a mì,
    Gran gusto, che xe questo, no se puol dar de pì.
Sarè adesso contenta, hò fatto quel, che và,
    100Onde, co voi, mi posso andarmene de quà;
In sin doman hò dito de starmene con vù,
    Ma son spettà in t'un liogo, star quà no posso più.
Questa xe montà in bestia, la me volea copar,
    E mi zò per le scalle m'hò messo a caminar,
105La porta hò averta subito, e in strada son andà,
    Nè sò cosa d'ella mai più ghe ne sia stà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Sento_a_chiamarme_un_zorno,_che_andava_via_soletto&oldid=43790"