Via, cara, no me far più sospirar

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 167 modifica]
DIALOGO AMOROSO.


SONETTO


Via, cara, no me far più sospirar;
    Cosa vustu Tonin? Parleme schietto.
    Vorrìa, cuor mio, che ti vegnissi in letto.
    4In letto! E gnente manco? A cosa far?

Inteso esser vorrìa senza parlar,
    In amor esser timido è un diffetto;
    Lo dirò donca, caro quel visetto,
    8Varda, che 'l digo; te vorrìa chiavar.

Cosa xe sto chiavar? Parla alla bona.
    Piu chiaro l'ho da dir, voi dirte, o cara,
    11Che 'l Cazzo vorria metterte in la Mona.

Se de più no ti vuol, Tonin, impara,
    Co la vuol ben cosa, che fà 'na Dona;
    14Sù vìa nel despoggiarse andemo a gara;

            Despireme sto busto,

[p. 168 modifica]

            16Oh che tette, oh che gusto!
            Mi te le voi basar.
            18Mo vìa lassele star,
            Ti l'hà basae, che basta.
            20Gastu paura forse, che le guasta?
            Nò, ma ti hà troppa fretta,
            22Che siemo in letto aspetta:
Varda, se a despogiarme presto fazzo.
24Cosa vedo, Tonin caro sto Cazzo!
            Te lo voggio basar.
26La to Mona anca mi voi strucolar.
Vustu, che la Camisa se cavemo?
28Sì, sì, che voggio, che se la godemo.
Sotto le coltre andemo in compagnìa
            30Sì, cara anema mìa,

[p. 169 modifica]

Chiapessimo ben stretti a brazzacollo.
32Cosa vuol dir, che ti ga 'l Cazzo mollo?
No saverìa; sò, che un tremor me sento,
34Che me par d'andar quasi in svenimento.
Eh! No me far el matto, abbi cervello,
            36Dame quà quell'Osello.
Che sì, che 'l te vien duro in t'un momento.
38Bettina, oh Dìo che gusto, oh che contento!
Care ste tette, cara sta Monina,
            40Dame la to lenguina.
Ah! Che no posso pì, te monto addosso,
            42Più resister no posso,
            No me dir, più, ch'aspetta,
44Slarga le gambe, e lassa, che tel metta.
Damelo pur, ben mio; caro quel muso!

[p. 170 modifica]

46Con le mie man voi presentarlo al buso,
            Puzete sul mio sen,
            48Mettelo drento ben,
Fraca, spenzi, trà forte, mena presto.
50Oh Dìo! Bettina mia, che gusto è questo.
            Ah! Dal piaser mi moro,
52Betta, no posso più, senti, che sboro.
Ah! Can, no me tradir, tien duro ancora,
            54Se no ti vuol, che mora,
            Caro, daghe de schena,
            56Fracheghe ben, e mena.
Spessega, Tonin, spessega, ch'addesso...
            58Sboro anca mì, per Dìo,
Che dal gusto, e piaser mi son sbasìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Via,_cara,_no_me_far_più_sospirar&oldid=43784"