Se a mio modo podesse comandar

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 52 modifica]
EL TEMPIO


SONETTO


Se a mio modo podesse comandar,
    In vece d'una Chiesa alla Madona,
    In onor mi vorrave della Mona
    4Un Tempio famosissimo innalzar.

La so festa vorrìa solennizzar,
    Co xe quella caldana buzarona
    Affin, che tanto l'Omo, che la Dona
    8Sempre sborasse avanti del so Altar.

Esponer mi vorrave in quel sacrario
    De tutte le Città all'adorazion
    11Dei peli della Mona un reliquario;

Che le Donne disesse l'orazion
    Col Cazzo in man in vece del rosario
    Menandose la Mona in zenocchion:
                    15Finìa l'esposizion,

[p. 53 modifica]


Che a brazzacollo tutti se chiappasse
    Omeni, e Donne, e che i se sculazzasse,
                    18Che dopo tutti andasse,

Come, che i Frati i và in te la cella,
    In tei busi de questa, e pò de quella;
                    21E per farla più bella

In tempo, che un davanti ghe 'l mettesse,
    Da un altro per da drìo la lo tiolesse,
                    24E cussì, che i facesse

Quanto xe longo, e largo quel Chieson
    De Cazzi, Culi, e Mone un sol cordon.
                    27Quel, che no fusse bon

D'andar in Culo, oppur d'andar in Cocca,
    Ghe fusse chi ghe lo tiolesse in bocca
                    30In sin, che 'l Cazzo sbrocca,

[p. 54 modifica]


E se pò per andar in tel daotto,
    Per quanto le sonasse de subiotto
                    33O 'l ghe stasse bazzotto,

Oppur, che nol gavesse troppa lena,
    Un'altra ghe ne sìa, che ghe lo mena
                    36Oh che gran bella scena!

A veder tanti, e tanti fottidori,
    Puttane, mena Cazzi, e sboradori,
                    39Altro, che gladiatori,

Che teatri, e spettacoli de fiere
    Veder Dame, Pedine, e Camariere,
                    42Come tante guerriere

Colla targa del Culo, e della Mona
    Combatter la Massera, e la Patrona;
                    45Quella pò più buzarona,

[p. 55 modifica]


Che la pizza a più Cazzi ghe smorzasse,
Vorrìa, che quella la s'incoronasse,
                    48Che attorno i la portasse

Sora d'un carro, e che gh'andasse a drìo
    50Tutti quei Cazzi, che la gà sbasìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Se_a_mio_modo_podesse_comandar&oldid=42783"