Amigo, voi contarve in t'un Sonetto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 234 modifica]
AL MEDESIMO.


SONETTO


Amigo, voi contarve in t'un Sonetto
    La mia gran bella vita buzarada,
    Tutta la notte vado per la strada,
    4Ma vado per tastar qualche Culetto.

Se urto a caso in qualche bel caetto
    Ghe dago la mia bona calumada,
    Se la vedo a star salda in carrizada,
    8All'Osto, o in qualche Malva ghe lo metto;

Ma prima, che mi fassa sto strambotto,
    Mi voggio un poco el Cul, che la me licca,
    11Oppur, che la me sona de subiotto;

Dopo in mezzo alle gambe el se ghe ficca,
    Oppur el se ghe mette in tel Daotto,
    14E cussì, caro Amigo, se la sticca.