Padre, m'hà tirà 'l Cazzo, e l'hò menà

Da Wikisource
Salta a ła navigasion Salta a ła riserca
EPUB   MOBI   PDF   RTF   TXT
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 112 modifica]
DIALOGO TRÀ CONFESSOR, E PENITENTE.


SONETTO


P. Padre, m'hà tirà 'l Cazzo, e l'hò menà.
C.     Figlio, fin quì non commettesti errore.
P.     In Culo a un bel ragazzo l'hò ficcà.
4C.     Male non v'è, dove non v'è dolore.

P. El Cazzo hò tiolto in Cul, e hò vadagnà.
C.     Crepi colui, che non te 'l diè di cuore.
P.     Col Cazzo in Culo pò anca mi hò sborà.
8C.     Bene facesti a disfogar l'ardore.

P. Padre, possio chiavar?   C. Che maraviglia!
P.     Una Putta hò chiavà. C. Non mi dispiace.
11P.     Donca posso chiavar? C. Chi ti sconsiglia?

P. Posso donca chiavar?     C. Quanto ti piace.
P.     Posso chiavar la Mare? C. Anche la Figlia.
14P.     Padre, el tioressi in cul? C. Vattene in pace.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Padre,_m%27hà_tirà_%27l_Cazzo,_e_l%27hò_menà&oldid=45467"