Anca st'anno della Sensa

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 127 modifica]
SORA LA FIERA DELLA SENSA.


CANZONE


Anca st'anno della Sensa,
    Sì, per Dìo! semo arrivai;
    Presto, ladri, desmissieve,
    4Cosa feu là indormenzai?

Quest'è 'l tempo de far prova
    Chi nell'arte xe perfetti
    Col levar dalle scarselle
    8Tabacchiere, e fazzoletti.

Via, Ruffiani, scampè in Ghetto,
    Magnapotte soprafini,
    Corrè presto a far baratti
    12De Tabarri, e d'Abitini.

[p. 128 modifica]


Impegnè quelli d'Inverno,
    Despegnè quelli d'Istae;
    Questo xe per vù altri'l plico
    16Con Cambiali de chiavae.

Puttanazze, allegramente,
    Quest'è 'l tempo, poffardìo,
De far bezzi colle man,
    20Colla Mona, e col Dadrìo.

Quest'è 'l tempo de reffarse,
    Se sofferto avè del danno,
    Per rason del Giubileo,
    24Che a Venezia xe stà st'Anno.

Osservè, che gran bel liogo
    Sol per vù altre xe stà fato
    Sulla forma d'un bel vovo;
    28Sul disegno d'un Steccato.

[p. 129 modifica]


Ben coverto acciò, che mai
    Danneggiarve no podesse,
    Se mai fosse tempo fosco,
    32Se la Sera mai piovesse.

Tutto ben illuminà
    Acciò, che podè vardar
    Quello, ch'hà più bezzi in borsa,
    36E ve puol meggio chiavar.

Gran raziro de Puttane,
    Che la Sensa è sempre stada,
    Perchè zà quà d'altre cose
    40Poco, o gnente se ghe bada.

Tutti pensa a far chiccona,
    A dar gusto al so corpazzo,
    Pensa i Omeni alla Mona
    44E le Donne pensa al Cazzo.

[p. 130 modifica]


E sta cosa, me ricordo,
    Me 'l disea mia Siora Nona,
    Che xe stà de quelle Donne,
    48Che gà piasso tiorlo in Mona.

Ma ritorno all'argomento,
    Che per far st'annottazion,
    Son andà zoso de trotto
    52Del mio filo a tombolon.

Care Frine, compatime,
    Se me son lassà straviar,
    Ma son quà, che presto torno
    56A quel vostro Lupanar.

Lupanar el giera un liogo
    In Atene ben piantà,
    Dove stava le Puttane,
    60E Solon l'avea inventà.

[p. 131 modifica]


L'opinion, puol dar, che falla,
    Ma me par certo a mio gusto,
    Ch'alla Sensa de Venezia
    64El sia Epiteto ben giusto.

Cosa serve, che là vada
    Con chincaglie i Cortelleri,
    Con Burrò quel dai Remessi,
    68Con gran Chiocche li Specchieri!

Quei da seda, che ghe sìa,
    Quei da tela, e quei da lane,
    Ladri, Spioni con Ruffiani,
    72Magnapotte con Puttane!

Questi è capi da comercio,
    Che tirar fà bezzi assae,
    Vadagnai senza fadiga
    76Con le semplici chiavae.

[p. 132 modifica]


Là no è rischio maritimo,
    Là no s'usa far credenza,
    Chi gà bezzi presto fotte,
    80Chi i ghe manca resta senza.

No le soffre, che un malano,
    Che ghe xe dei contrabbandi,
    Perchè osservo sulla Piazza
    84De caccao molti mercandi;

E, per dir la verità,
    Anca Elli fà dei bezzi,
    Perchè troppo no i ghe bada,
    88Se ghe và anca 'l Cul in pezzi.

A vardarli i par Narcisi,
    Tanti Adoni, poffardio,
    E pò i tocca, come i Fioli,
    92Fuora 'l fià và per Dadrìo.

[p. 133 modifica]


E sti Siori col so Culo,
    Le Puttane colla Mona,
    Ai Specieri, e ai Chirurghi
    96I fà fare gran chiccona.

Qualchedun da sta stagion
    Tappa ben, e svegia i denti,
    A tagiar delle panocchie,
    100A sugar dei scolamenti;

E qualch'altro maledise;
    Quando i pensa i tratti affabili;
    Perchè adesso no ghè caso
    104D'andar gnanca a' incurabili.

Se podeva dar de pezo,
    L'Ospedal hà da falir?
    Un diseva l'altro zorno,
    108Perchè no possa guarir.

[p. 134 modifica]


Ma vardè, che gran Cuccagna
    Giera a un tempo sto Paese,
    Fin un liogo destinà
    112Per guarir el mal Francese.

Dove Diavolo de meggio
    Ghe puol esser? Ve lo zuro,
    No pensava cussì ben
    116Gnanca un Diogene, o Epicuro.

El chiavar i permetteva,
    Ma qualcun, se s'impestava,
    Medesine, nè Chirurghi,
    120Per Dìo Santo no i pagava.

Oh! Paese benedetto,
    Dove tutto giustamente
    Regolà xe con saviezza,
    124Che stà ben tutta la Zente.

[p. 135 modifica]


Quà stà ben el galantomo,
    El baron quà se sbabazza,
    Quà le Donne xe in trionfo,
    128Osservele per la Piazza.

Quelle poco ben vestie
    Con fazzioli, e boccassini,
    La xe robba della Bragola
    132Per Manuali, e per Facchini;

E quell'altre in Zendaetto
    Mantegnue con polizìa
    La xe robba sostentada
    136Da un Garzon de Merzerìa,

Da un Agente d'un negozio,
    Che ben scortega el Paron
    O da qualche Reverendo,
    140Ma el lo fà per devozion.

[p. 136 modifica]


Devozion con le Puttane!
    Questa xe la Teologìa,
    Che studiè, Becchifottui,
    144Nella vostra sacrestìa?

Xeli questi i Santi Padri,
    O le Prediche, e Sermoni,
    Che studiè, Teste de Cazzo,
    148Pù ignoranti dei Cogioni?

Ve incastrè per ogni Casa,
    E per tutto avè l'accesso,
    Perchè quello xe compare,
    152Con quell'altro xe permesso.

Vù altri fè da precettori,
    E col vostro finto zelo
    Pensè sol alla comare
    156De pararghe sù l'Oselo.

[p. 137 modifica]


Questi e quei, che gà giudizio,
    E che a tutti no xe noti,
    E con finta ipocrisìa
    160I par Santi Sacerdoti.

Quelli pò, che hà rotto'l fronte,
    I se trà colle Puttane,
    I và in Cale del carbon,
    164Al Lion rosso, in Carampane.

E siccome, che de tutto
    No i le puol zà sostentar,
    Le se inzegna, poverazze,
    168Le và a farse buzarar.

El vadagno de custìe,
    Ve lo digo netto, e schietto,
    In tre parti l'hò diviso,
    172E la prima xe del Ghetto.

[p. 138 modifica]


La seconda dei Ruffiani,
    Gran colone de quest'arte;
    Anca i Sbirri gà carato,
    176Questa xe la terza parte.

Capirè, ch'anca costori
    Vuol andar ben gallonai
    Con Tabarri de scarlato
    180Coi so gran capei bordai.

Qualcheduno sarà in filo
    Con da Istà gran Abitazzi,
    Perchè adesso più del solito
    184Ghe xe in ziro mille Cazzi.

Qualchedun, ch'andasse in Sensa,
    E no avesse la so Tapa,
    Xe l'istesso andar a Roma,
    188Senza mai veder el Papa.

[p. 139 modifica]


Zà ghe n'è da tutti i prezzi
    Per qualcun, che n'hà pochetti,
    Ghe xe quelle del da trenta,
    192Quelle ghè dai do traretti.

Onde, allon, Puttane, attente
    Alla balla per far bezzi,
    Feve dar ben in te i fianchi,
    196Feve trar la Porta in pezzi.

Quest'è 'l tempo più prezioso,
    Vù altri ladri, e borsarioli,
    Per smaltir le vostre prede
    200Gavè pronti i Strazzarioli.

Anca i Oresi gavè pronti
    Capitando l'Anelletto
    De diamanti, o scattolletta
    204De biancume, o Relogietto.

[p. 140 modifica]


È ben vero, che no i puol
    Mai comprar robba robbada,
    Ma ghè sempre 'l bon Cristian,
    208Che zà dà la so sbrissada.

Nell'arzento la bubbana
    No se conta la fattura,
    Tralassar de sti negozi,
    212Oh repugna la Natura!

Tocco dei orbi de Milan
    A toccar certi cantini,
    Con un soldo Elli prencipia,
    216A finir i vuol Cecchini.

El fondacchio de sta buzara
    Per vù altri è poco bon;
    Ma sappiè, che son risolto
    220Metter zoso el Cannacchion.