Una bellezza mi vorrìa lodar

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 39 modifica]
LODA UNA BELLEZZA.


SONETTO


Una bellezza mi vorrìa lodar
    De quelle se puol dir d'ultimo biondo,
    Ma no sò da che banda scomenzar,
    4Se dal naso, dal petto, oppur dal Tondo.

A dir, che un'altra Elena la par,
    Che venere con ella gà el secondo,
    I xe pensieri vecchj, co è 'l cagar,
    8E piuttosto mi taso, e me nascondo;

Ma qualcosa vorrìa dirghe de bello
    Per farghe quella lode, che ghe và,
    11E che affatto el pensier fusse novello.

Dirò, che la gà tante qualità,
    Che a vardarla la fà tirar l'Osello;
    Da questo argomentè la so beltà;
                    15Che se tanto la fà

[p. 40 modifica]


D'impression sora i corpi a sol vardarla,
    Cosa farala a quei, che puol toccarla,
                    18E pò anca chiavarla?

Ah! sì, che la gà un petto, un collo, un viso,
    Che tanti pezzi i xe da Paradiso;
                    21Tanto che mi ho deciso,

Che se ella fusse stada in quel momento,
    Che in terra xe vegnù tutto contento
                    24Giove per andar drento,

El s'averìa de questa buttà addosso,
    E el l'averìa chiavada a più no posso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Una_bellezza_mi_vorrìa_lodar&oldid=45418"