Conta Petronio del gran Neron

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 23 modifica]
SIMILE IN DIVERSA MANIERA


CANZONE


Conta Petronio del gran Neron
    Quella stupenda nobile azion,
    Che lù gà fatto sul delizioso
    Lago d'Agrippa tanto famoso:
    5Sora un vascello lù xe montà
    D'avorio, e d'oro tutto incastrà;
    I remiganti giera de quelli,
    Ch'in le laidezze giera i più belli.

L'hà pò fatto sul vascello
    10Un banchetto cussì bello,
    Che i preziosi cibi, e i vini
    Fin dai ultimi confini
    Della terra l'hà volesto,
    Che i portasse per far questo.

[p. 24 modifica]


15El gà messo delle Done
    Dame illustri, e buzarone:
    Da una parte delle Dame,
    Che cavasse ben la fame
    A quei duri, e forti Cazzi
    20Dei più nobili puttazzi,
    E dall'altra le puttane,
    Tutte nue in forme strane,
    Che in diversi atteggiamenti
    Fasse i Omeni contenti.

25Cosa mai doveva far
    Là custìe per far sborar!
    Me figuro in quella scena
    De veder quella, che mena;
    Chi puzada a una colona

[p. 25 modifica]

    30Stà menandose la Mona,
    Chi sbassada un pochettin
    La lo tiol drento a passin,
    Chi con belle parolette
    Ghe lo mena frà le Tette,
    35Chi se mette un deo nel vaso,
    E ghe 'l da pò sotto el naso,
    Chi per darghe più trastulo
    Dalla Mona casca in Culo,
    Chi per darghe più diletto
    40Tiol in bocca l'Oselletto.
    Là ghe giera sin de quelli,
    Che sborava in te i cavelli.

A pensarghe seriamente
    In veder tutta sta zente

[p. 26 modifica]

    45A sborar con questa, e quella
    Sarà stà 'na cosa bella.

Con sto gusto tutto el zorno
    Hà zirà Neron intorno,
    E co 'l Sol s'hà sconto in Mar
    50El gà fatto illuminar,
    Perchè ben se ghe vedesse
    E le case, e le barchesse.

L'hà volesto soni, e canti,
    Che cantasse tutti quanti
    55Delle belle canzonette
    Sulla Mona, e sulle Tette.
    Da per tutto rimbombava,
    Viva quelli, che più chiava;
    E po l'Eco dai palazzj

[p. 27 modifica]

    60Respondeva: Evviva i Cazzi.

Per corona de st'azion
    Hà volesto pò Neron,
    Che da femena i lo vesta,
    E i ghe metta el velo in Testa;
    65E del Popolo al cospetto
    El xe andà co un Omo in letto,
    E senz'altro più pensar
    El s'hà fatto buzarar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Conta_Petronio_del_gran_Neron&oldid=41508"