El mio povero Cazzo dopo alquante

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 105 modifica]
RICERCA SUFFRAGGIO AL CAZZO MORTO.


SONETTO


El mio povero Cazzo dopo alquante,
    Ch'a sto Mondo l'hà fatto, opere bone,
    E lo puol attestar ste buzarone,
    4Senza de mi l'è morto in un istante.

Donne, preghè per ello tutte quante,
    E diseghe ogni dì delle corone,
    Che v'assicuro, che le vostre Mone
    8Acquisterà delle indulgenze tante.

Vorrìa, che tutte quante le fatture,
    Che lù gà fatto, a coro le cantessi,
    11E tutti i so capricj, e le bravure;

Che sull'arca la Mona ve menessi,
    Perchè, chi sà, che colle sboraure
    14La vita eterna a quello no ghe dessi?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_mio_povero_Cazzo_dopo_alquante&oldid=46511"