A che far me diseu, che son paron

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 271 modifica]
LAMENTO DELL'AUTORE COLLA MOROSA


SONETTO


A che far me diseu, che son paron;
    Che sto cuor, che sto corpo è tutto mio,
    Che son el vostro amante, el vostro zio,
    4E pò me neghè 'l Cul, che xe 'l più bon!

Diseme in grazia, chi ve fasse un don
    D'un superbo palazzo, e ben fornìo,
    E che volesse el cagaor in drìo,
    8Ve par, che stasse ben sta donazion?

Per vostra cortesla, per vostro amor,
    Vù me donè sto corpo, ch'è 'l palazzo;
    11E no hò d'esser paron del cagaor?

Voi farve un'obblazion da visdecazzo;
    Tiolè 'l palazzo in drìo, e per favor
    14Lasseme 'l cagaor senz'altro impazzo.