Caro amigo, el bel partìo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 90 modifica]
PER UNA PROPOSTA DI MATRIMONIO


CANZONE


Caro amigo, el bel partìo,
    Che ve sento a nominar,
    Me fà voggia, sì per Dio,
    4De volerme maridar;

La conscienza anca me chiama
    Farlo ancuò più, che doman,
    Quel servizio a quella Dama
    8Con licenza del Piovan;

Ma no sò, se starò forte,
    Perchè svolo col cervello,
    De star là fin alla morte
    12Con un muso, e sempre quello.

[p. 91 modifica]


Xe ben vero, che no son,
    Come certi Omeni scaltri,
    D'una certa inclinazion
    16De magnar la robba d'altri;

Ma pò sò, che'l maridarse
    Porta gran necessità
    De dover sempre privarse
    20Della cara libertà,

E de più me fa paura
    Per esempj, e libri letti,
    Che la Donna per natura
    24Xe un composto de diffetti;

E quel passo osservo tanto
    Che co Giobbe è stà tentà,
    I gà tiolto tutto quanto,
    28Ma la Donna i gà lassà.

[p. 92 modifica]


Da sto fatto dir convien,
    Che la Donna xe molesta,
    Che, se mai la fusse ben,
    32Ghe sarìa stà tiolto questa.

Non ostante in sto gran Mar
    Col to ajuto voi buttarme,
    E me voggio soddisfar
    36Anca a costo de negarme.

Sentì prima i me capitoli,
    E stè pur con attenzion,
    Che non voggio sangue, o titoli,
    40Che no voggio suggizion.

Mi no voggio pò per gnente
    Vecchie vedoe desgraziae,
    Che le lasso a quella zente,
    44Che suol tior le robbe usae.

[p. 93 modifica]


Voggio un muso, che me piasa,
    E che gabbia un pò de vezzo,
    Che no voi robba per casa,
    48Che me fazza del ribrezzo;

Ma per questo tanto bella
    Mi no voggio, che la sia,
    Perchè sò, che allora quella
    52No sarave tutta mia;

Perchè a certe gran bellezze,
    E savè, che no ve adulo,
    Tutti vuol farghe finezze,
    56Tutti vuol liccarghe 'l Culo;

E l'amor, che solo nasce
    Da un bel muso per natura,
    Se puol dir, che'l muor in fasce,
    60Perchè 'l bello poco dura;

[p. 94 modifica]


No la voggio pelle, e osso,
    Siben questa xe l'usanza,
    Perchè, co ghe vago addosso,
    64No me voi maccar la panza;

Anzi osserva, che 'l so muso
    Sia stampà sù d'un modello,
    Che me fazza vegnir suso,
    68Co desidero, l'Osello.

Mi no voi la sia de quelle,
    Che no stimo gnanca un' acca,
    Che se dà per parer belle
    72Quattro dei, e più de biacca.

Che a parlar co della zente
    Ho sentìo, che tutt'i dise,
    Che a comprar Donne depente
    76Tior bisogna la Cornise;

[p. 95 modifica]


Che se mai pò no l'avesse
    Certo spirito, nè brìo,
    Come certe Donne lesse
    80No la voggio nò per Dìo;

No voi gnanca chiaccolone;
    E no voggio Dottoresse,
    Perchè queste le xe Donne,
    84Che portar vuol le braghesse.

Ho imparà, che giera in cuna,
    Che l'onor pò al dì d'ancuo
    El xe un colpo de fortuna,
    88Che xe poco cognossuo.

Lasso a vù donca la cura
    De cercar esattamente,
    Se per razza, o per natura
    92La sia savia veramente.

[p. 96 modifica]


Ma sappiè, no vado a cazza
    D'una rustega Chiettina,
    Che'l Marìo dal letto scazza
    96Col rosario la mattina.

Mi no voi ste sgraffa santi
    Scrupolose de toccar,
    Che le vuol tastar coi guanti
    100Quel, che zà se puol palpar.

Che per far la congiunzion
    Le gà qualche renitenza
    Fin, che 'l Prete in confession
    104No ghe dà la so licenza.

Col prettesto poverette
    De volerse confessar,
    Tutto'l dì le và dal Prete;
    108Ma le và, Dio sà, a che far.

[p. 97 modifica]


Sto parlar spiritualmente
    Co sti certi bei Pretini,
    Al Marìo, che no sà gnente
    112Puol costar dei bei Zecchini,

Perchè alfin ste pìe persone
    Co ste sacre costumanze
    Oltre, che i ve tiol le Done
    116Ve tiol anca le sostanze;

E mi digo, che ste Done,
    E sustento el parer mìo,
    No le val, nè le xe bone
    120Nè per l'omo, nè per Dìo;

No voi gnanca, che in Convento
    Le sìa stae diversi anni,
    Perchè sò, ch'anca là drento
    124La malizia fà dei danni.

[p. 98 modifica]


E che quando le vien fuora
    Le xe tanto raffinae,
    Che le sà, ma de più ancora
    128Delle Donne maridae;

Tanto che la prima notte
    No credè, che le sia indrìo,
    Che le xe più franche, e dotte
    132Del cogion de so Marìo.

Da una vera onesta Dona
    Basta, che la sìa arlevada,
    Che ghe insegna d'esser bona;
    136E star salda in carrizada,

Perchè un dì no me succeda,
    Che i fioli de sta Mare
    Da bon Omo mii li creda,
    140E che pò no sia so Pare.

[p. 99 modifica]


Mi no son Caval ombroso,
    Perchè gò imparà ai me zorni,
    Che un Marìo che xe zeloso
    144Xe più esposto a aver i Corni.

No credè, che sia nemigo
    Dei spassetti, e che me piasa,
    Come quei del tempo antigo,
    148Che la staga sempre in casa;

Mi no digo, che la lassa
    El teatro, e gnanca el ballo,
    Basta, che la staga in cassa,
    152Co ghe canta qualche gallo.

Certi bassi discorsetti
    Fatti in recchia là per fianco,
    Se no i xe basi perfetti,
    156I xe quasi poco manco.

[p. 100 modifica]


Certe strette pò de man
    Mi no voi, che le sopporta,
    Perchè allor sarìa pian pian,
    160Che la barca andasse storta.

Sti serventi no me piase,
    E quà mi no parlo a caso,
    Co i se cazza in te le case
    164I vuol dar per tutto el naso.

Co'l respetto và da banda,
    E no i gà più suggizion,
    Xe pò allora, che i comanda
    168Assae più de chi è 'l Paron.

I và là stì innamorai,
    Come quei, che va alla giostra;
    E i ghe stà tanto taccai,
    172Che la manco parte è vostra.

[p. 101 modifica]


Mi no voi stì cavalieri,
    Perchè intorno a 'na raggazza
    I me par tanti guerrieri,
    176Che assaltar voggia 'na piazza,

E per quanto la sia forte,
    E costante al gran cimento,
    I ghe stà tanto alle porte,
    180Che un dì, o l'altra i sbrissa drento.

Se la xe una Donna ardita,
    Che no fazza mai la sciocca,
    I ghe stà tanto alla vita,
    184Che alla fin i ghe la imbrocca;

Se la xe una volpe vecchia
    A schivarse sempre pronta,
    I ghe batte tanto in recchia,
    188Che pò un dì suso i ghe monta.

[p. 102 modifica]


Se la xe una bona Dona
    D'un costume, che no falla,
    Tanto ben i ghe la sona,
    192Che bisogna, che la balla.

I Parenti boni amici
    Mi li voi, ma nò serventi,
    Perchè l'arme trà i nemici,
    196E quell'altro trà i Parenti.

Mi no voi gnanca quell'uso,
    Che gà tante del Compare,
    Che no voi, che vegnir suso
    200El ghe fazza un dì la mare.

Sò, ch'i dise, che 'na Dona
    Che xe senza Cavalier,
    La xe come una persona,
    204Che xe là senza mestier;

[p. 103 modifica]


Ma, che i diga, che la sìa
    Una scempia, una marmotta;
    Mi me basta, sì per Dìa,
    208Che gnessun no me la fotta.

Da chi è vecchio, che la sticca
    La farò accompagnar,
    Che se quello ghe la licca,
    212Altro alfin nol ghe puol far.

Se cussì me la trovè,
    Mi ve zuro da Cristian,
    Che co all'ordine la xè,
    216Mi la sposo anca daman,

Se cussì podè trovarla,
    E a sti patti la ghe stà,
    Mi m'impegno de sposarla
    220Colla Dotte, che la gà.