Oh Sommo Giove, che 'l celeste coro

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 165 modifica]
APPELLAZION A GIOVE.


SONETTO


Oh Sommo Giove, che 'l celeste coro
    Per fotter delle Donne avè lassà,
    E a segno tal ve sè desnaturà,
    4Che per Europa ve sè fatto in toro

Ve sè cangià per Danae in piova d'oro,
    E per Leda in un Cigno trasformà.
    Deh! Se tanto 'l chiavar v'hà delettà
    8No ve sdegnè, se'l vostro brazzo imploro.

Saverè la sentenza buzarada,
    Che hà fatto Amor, e com'ingiustamente
    11Venere vostra fìa l'hà confermada.

A vù, che podè tutto intieramente,
    Una strazza gò dà de querelada
    Acciò, che la tagiè assolutamente.
                    15Giudice incompetente

[p. 166 modifica]


Digo, che sia la Donna, e no podesse
    Persona giudicar, che gà interesse;
                    18Date le mie premesse,

Mi in ordine propono, che sto spazzo
    Per cento, e più rason no val un Cazzo;
                    21Qual visazzon de Cazzo

Ghe darà mai gnessuna esecuzion
    A ste do buzarade condizion?
                    24Chi sarà quel cogion,

Che spender voggia, e aver anca pazienza?
    De Venere, che hà fatta sta sentenza,
                    27Dove xe la conscienza?

Ghe xe un, che hà bezzi, ma no xe paziente,
    No poderà mai questo buscar gnente?
                    30Un altro no se sente

[p. 167 modifica]


In stato mai de spender co una Dona,
    No poderà mai questo andar in Mona?
                    33Che leze buzarona!

Vù me dirè, che chi gà sto divieto,
    El se puol divertir in tel Culeto
                    36De qualche ragazzeto,

Ch'anca vù l'avè fatto, e chi nol crede
    Ghe lo dimanda al Cul de Ganimede,
                    39Che lù ghe farà fede;

Respondo, che se tutti da drìo vìa
    S'andasse, presto 'l Mondo fenirìa;
                    42No l'è la causa mìa.

Ma, caro Giove, sia con vostra pase,
    Parlo per quei, che 'l Culo no ghe piase
                    45Questi è quei, che no tase;

[p. 168 modifica]


Se almanco l'una, o l'altra vù tagiessi
    De sto do condizion, vu vedaressi
                    48Nel Mondo i gran progressi;

Ma, co volè la sia eseguida in tuto,
    Dei Cazzi no podè veder el fruto,
                    51Doneghe 'l vostro agiuto,

Che vedarè da lori maravegie,
    Che i farà tanto crescer le famegie,
                    54Ch'innarcherè le cegie.

Allora el Sommo Giove, Giove Amone,
    D'avanti l'hà chiama tutte le Done,
                    57E 'l gà dito; Patrone,

Sull'istanza dei Omeni hò pensà,
    Che'l giudizio de Venere tagià
                    60Voi, che 'l sia per metà,

[p. 169 modifica]


Vorrìa Natura, e tutte le rason,
    Che i Omeni chiavasse a discrezion
                    63Senz'altre condizion;

Ma sentì, dove và la mìa clemenza,
    Voi, che ve fè vù altre la sentenza,
                    66Voleù bezzi, o pazienza?

Allora a dir da tutte s'hà sentìo,
    Bezzi, bezzi, e 'l tioremo anca da drìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Oh_Sommo_Giove,_che_%27l_celeste_coro&oldid=54673"