Donca l'oggetto del mio amor più bello

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 51 modifica]
L'AUTORE ABBANDONÀ DALLA SO MOROSA.


SONETTO


Donca l'oggetto del mio amor più bello,
    Quella, che hò sospirà per tanti zorni,
    Co se suol dir, me farà addesso i corni,
    4E se farà chiavar da un altro Osello!

Che buzara xe questa, che martello,
    Che provo, quando passo in quei contorni!
    E pur a chi è l'oggetto dei me scorni
    8Bisogna, che ghe fazza de capello.

Mi ho fatto la fadiga, e lù gà el frutto,
    Mi la so Mona no l'ho mai toccada,
    11E lù ghe metterà l'Osello tutto.

Dopo, che mi l'ho tanto coltivada,
    Sto aver pò da restar a muso sutto
    14La xe una gran sentenza buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Donca_l%27oggetto_del_mio_amor_più_bello&oldid=45464"