Al congresso dei grandi della tera

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 278 modifica]
BANDO DELLA NATURA


SONETTO


Al congresso dei grandi della tera
    El gran capo xe andà dell'impostura,
    E 'l gà fatto veder, che la Natura
    4Ghe farà sin, ch'i vive, eterna guera;

E che come la crìa mattina, e sera,
    E zà la crierà sin che la dura,
    Se i vuol, che la so vita sia segura,
    8Bisogna farla star, come una fiera.

Co i Prencipi hà sentìo, che no serviva
    Nè religion, nè forza in so sostegno,
    11Quando, che la Natura no i bandiva;

I hà decretà con el più forte impegno,
    Che'l so gran Cancellier el bando scriva,
    E che'l sia publicà per tutto'l regno
                    15Zà, che Natura a segno

[p. 279 modifica]


No vuol star, ne l'intende la rason,
    Xe vegnù chi comanda in opinion,
                    18E in deliberazion

Da tutte quante le Città esiliarla,
    E trà le selve, e i monti confinarla,
                    21Sentì, come la parla:

Cosa xe mai sti Prencipi, e Vassali?
    Vegnui nù semo al Mondo tutti eguali,
                    24Semo tutti mortali,

Cos'è sta distinzion della Divisa?
    Nascemo tutti pur senza camisa,
                    27Chi l'hà cussì divisa?

L'Omo all'altr'Omo gà da sottostar,
    E quello, che hà più forza, hà da far star?
                    30Lecito s'hà da far

[p. 280 modifica]


Tutto quel, che giova, e che ghe piase,
    E poveretto quello, che no tase?
                    33Oh! Benedetta pase,

Che se godeva in quella prima union
    Dove, che tutto giera in comunion.
                    36Chi è stà quel buzaron,

Ch'hà introdotto nel Mondo el too, e'l mio?
    L'hà fatto dei gran danni, sì per Dìo!
                    39Chi sarà mai quel fìo,

Che diga, che le parte xe ben fate,
    Se un veste ben, e un mostra le culate?
                    42Chi hà ricchezze spietate,

E puol mantegnir più d'una Dona,
    E chi un bezzo no gà d'andar in Mona;
                    45Chi smagnazza in poltrona,

[p. 281 modifica]


E chi gà per magnar da lambicarse,
    Nè ghe resca, che 'l Culo da sentarse?
                    48Perchè abbiemo a quietarse,

E perchè i nostri mali sopportemo,
    I vuol pò, che a una leze nù credemo,
                    51Siben no la intendemo.

No bastava quei gran Filosofoni
    Senza, che pò vegnisse i bigottoni
                    54A seccarne i cogioni,

E a tiorne, come và, la libertà?
    Debotto anca a cagar se fà peccà;
                    57Che viver buzarà!

Dei Omeni stà meggio assae i cani,
    Almanco no i xe esposti a tanti dani,
                    60Nè i gà tanti malani;

[p. 282 modifica]


I trova la so chizza per la strada,
    E i ghe dà la so gran bona chiavada,
                    63E gnessun no ghe bada;

I và drento quà, e là per ogni banda,
    Nè el Papa, nè gnessun no ghe comanda;
                    66Questa xe grazia granda.

Nù, se volemo metterghelo drento,
    Ghe vuol del matrimonio el complimento.
                    69Sto bel divertimento,

Che la Natura semplice n'hà fatto,
    I ne l'hà rovinà co sto contratto.
                    72L'Omo se vuol desfatto,

Perchè è quanto piccarlo per la gola
    Voler, che 'l tegna quella Donna sola;
                    75Se n'altra ghe fà gola

[p. 283 modifica]


Nò solamente nol la puol roccar,
    Ma gnanca nel so cuor desiderar.
                    78Ello questo un bel star?

Ah! Le cose xe in tanto precipizio,
    Che se chiama vertù quel, che xe vizio,
                    81Lo sà ben chi hà giudizio,

Se tutto 'l bello, e 'l bon della Natura
    Ne l'hà tiolto la forza, e l'impostura.
                    84Oh lezze iniqua, e dura!

Per questi, e tanti altri gran lamenti,
    Che la Natura fà tutt'i momenti,
                    87Hà decretà i Potenti,

Che 'l so bando per tutto el sia stampà;
    Ma per altro sicura ella la stà,
                    90Perchè la s'hà cazzà

[p. 284 modifica]


In tel cuor dei Filosofi, e in la testa,
    Dove la se la gode, e la fà festa.