Col destin me lagno spesso

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 42 modifica]
LAMENTO DELL'AUTORE PER ESSER NATO PRESTO.


CANZONE


Col destin me lagno spesso,
    Ch'in un tempo mi sia nato,
    Che de quel, che se fà adesso,
    4No ghe giera gnente affato.

A1tri tempi, che xe questi,
    Quando zovene mi giera,
    Ghe voleva i cinque sesti
    8Per parlar co 'na massera;

Se un gran studio se metteva
    Per parlar a sta cogiona,
    Pensè cosa ghe voleva
    12Per parlar colla Parona.

[p. 43 modifica]


Giera un Mondo assae diverso,
    I marij giera più scaltri,
    E zà giera tempo perso
    16El tentar le Donne d'altri.

Ogni Donna del so onor
    Stava in guardia, e ben difesa,
    E volerghe far l'amor
    20Bisognava andar in Chiesa;

Bisognava per parlarghe
    Aspettar qualche fonzion,
    E gran sorte giera 'l darghe
    24In tel Culo un pizzegon.

Gnanca in barca andar con ella
    No vegniva in tel pensier,
    E ghe fava sentinella
    28O una serva, o 'l Camarier.

[p. 44 modifica]


Farghe aver qualche viglietto
    La so vita se rischiava,
    E dei dodese el sacchetto
    32Per el messo no bastava.

Se le andava qualche zorno
    In campagna a divertirse,
    Per zirarghe un poco intorno
    36Bisognava trasvestirse.

Me sovvien pò, che ste Done,
    Oltre tanta suggizion,
    Giera piene de corone,
    40De officietti, e devozion.

Le diseva la corona
    Anca i zorni de laorar,
    E ogni Santo, ogni Madona
    44Le se andava a confessar.

[p. 45 modifica]


Tutto quel, che le lezeva,
    Giera libri de moral,
    E de lezer ghe piaseva
    48Qualche bon Quaresimal;

Per aver qualche indulgenza
    De portar giera l'usanza
    Sempre al Collo la pazienza,
    52La centura sulla panza.

Le spendeva in sti suffraggi
    Per notarse in ogni Santo,
    E le fava i so passaggi
    56Per aver el perdon santo.

O dell'Orco, o del Folletto
    Da paura le tremava,
    E la sera andando a letto
    60Mille crose le se fava.

[p. 46 modifica]


In ancuò no ghè più tante
    Devozion, ne rosarierti,
    Nò più al Collo cose sante,
    64Nè più el Carmine sù i petti.

No ghè più ste scrupolose,
    Che al so letto tegna Santi,
    In ancuò no ghè altre Crose,
    68Che la crose de' diamanti.

I Suffraggi xe meschini,
    Perchè più no le se nota,
    E quei santi botteghini
    72Tiolto suso hà na gran bota.

No le tien più sù i scabelli
    Sti librottoli devoti,
    E mì credo, che con quelli
    76Le se fazza i papiglioti.

[p. 47 modifica]


In adesso el so mestier
    Xe de lezer per morbin,
    Oltre i libri de Volter,
    80La puttana d'Aretin.

Tutte xe filosofesse,
    Le stà assae sul material,
    E a calarse le braghesse
    84No le crede, che sia mal.

Elle adora el Tempio bello
    In ancuò del Dìo Priappo,
    Ma le adora solo quello,
    88Che xe grosso, e no xe fiappo.

El più bel divertimento,
    Che ghe giera in sta Cittae,
    Giera far in t'un Convento
    92I morosi alle Pelae.

[p. 48 modifica]


Che bel gusto giera quello
    Far l'amor con una Dona;
    Che no puol mai tior l'Osello,
    96Nè ve puol mai dar la Mona?

Andar dopo bisognava
    A puttane per sbrigarse,
    Siben anca se rischiava
    100Ogni volta d'impestarse.

Lo sà 'l povero mio Cazzo
    Cosa gà toccà a provar,
    Ch'ogni tanto poverazzo
    104El se fava medegar.

De barbarie i giera i tempi,
    No ghe giera pulizìe,
    Consisteva i passatempi
    108Tutti quanti in bullarìe.

[p. 49 modifica]


Un cogion, un visdecazzo
    Giera quello in sto paese,
    Che no aveva sotto 'l brazzo
    112La puttana, e 'l pistolese.

No se giera cortesani,
    No s'entrava in tel bel coro,
    Co no se gaveva Cani
    116O sia d'arme, o sia da Toro,

Chi no andava in battelletto
    A vogar da barcarioli,
    O no andava da Isachetto
    120A impegnar i ferrajuoli.

Le botteghe da Caffè
    Giera, come tante stalle,
    No gh'andava, che Lacchè
    124Co per man le so Cavalle.

[p. 50 modifica]


Mille sordide laidezze
    Nei teatri i recitava,
    E ghe giera le gran fezze
    128Dei baroni, che fumava.

Se ziogava da per tutto
    Sin t'i Palchi, e in Carampane,
    E un gran nìo giera 'l Redutto
    132De Ruffiani, e de Puttane.

Tutto ancuò s'hà regolà;
    La Comedia, e'l Carnoval,
    Le ve par per onestà
    136Tante scuole de moral.

Le botteghe da Caffè
    Le xe ancuò tutte pulite,
    E al Redutto più no ghè
    140Tante bestie fatte, e dite;

[p. 51 modifica]


No ghè più tanti bullezzi
    D'aver arme, Cani, e Tori,
    S'hà cambià tanti strambezzi
    144In Casini, e dolci amori.

No se vede più Puttane
    A torzion col Cavalier;
    Cussì và le cose umane,
    148Xe cambiado sto piaser.

In ancuò perde 'l concetto
    Quel, che và colla Puttana,
    Ma violar un altro Letto
    152La xe un'opera cristiana;

Come un dì giera cogion
    Chi no andava colla Siora,
    Cussì ancuò xe un gran baron
    156Chi co quella salta fuora.

[p. 52 modifica]


Chi vuol far bona figura,
    Co se vuol tegnir la stradaerrata corrige originale
    De servir qualche Creatura,
    160La vuol esser maridada.

Ghe ne xe pò un precipizio
    De ste Donne; ch'hà la mira
    De trovar al so servizio
    164Un Servente, che 'l ghe tira;

E de questi ghe n'è assae,
    Che 'l ghe tira anca in braghesse,
    Ch'i darìa do, o tre chiavae
    168Ogni zorno, se i podesse.

Più del Diavolo paura
    No le gà, nè de' sconzuri,
    Tutta quanta la so cura
    172Xe trovar dei Cazzi duri.

[p. 53 modifica]


No le vuol più sti perdoni
    De sti Frati Francescani,
    Le vuol Cazzi bei, e boni,
    176Che le ingroppa, come Cani.

Per cavarse ogni trastulo
    Ghe servìa l'onor d'impazzo;
    In ancuò le 'l gà in tel Culo,
    180Nè le stima altro, che 'l Cazzo.

Me despiase sto rilasso,
    E de veder sto bordello;
    Ma perchè tiorme più spasso
    184Mi no posso coll'Osello.

Co gaveva bona schena
    De saziarle tutte quante,
    Me toccava aver la pena
    188De trovarle tutte sante.

[p. 54 modifica]


Ma gaveva sto contento,
    E trà mi la discorreva,
    Che, se mi no vago drento,
    192Gnanca i altri no fotteva.

Questo è quel, de che me doggio,
    Ch'in ancuò per mio tormento
    Molo hò 'l Cazzo, come l'oggio,
    196Che nol puol andar più drento.

In ancuò che tutto è bello,
    Che se magna più polito,
    No me tira più l'Osello,
    200No me serve l'appetito.

Co gaveva la gran fame
    Malamente se magnava,
    Nè gaveva tante Dame
    204Quando'l Cazzo me tirava;

[p. 55 modifica]


Questa xe 'na gran desdita,
    Digo sempre in tel mio interno,
    Che mi son, a far sta vita,
    208Come Tantalo all'Inferno;

E son, come quel gramazzo
    Fatto erede dai Parenti
    In un tempo, che più 'l Cazzo
    212No ghe serve, e gnanca i denti.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Col_destin_me_lagno_spesso&oldid=46160"