Vorrave, mia bellissima parona

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 47 modifica]
PIATTANZA GRATA ALL'AUTORE.


SONETTO


Vorrave, mia bellissima parona,
    E questo ve lo digo ben sul sodo,
    Che me lassessi far un pan in brodo
    4In la scudella della vostra Mona.

Oh? Che gusto averìa, Dìo mel perdona,
    Solamente a pensarghe mi me godo,
    Gnessun cogo, mi credo, che a mio modo
    8Me farìa una piattanza cussì bona.

Altro, che torte, e soppe alla francese!
    E de più mi vorrìa, che me mettessi
    11Per condimento un poco de Marchese.

Dopo per degerir, che me lassessi
    Andar a spassizzar in tel Paese
    14Del vostro cul quando, che vù caghessi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Vorrave,_mia_bellissima_parona&oldid=45426"