Poeti, ve lagnè continnuamente

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 263 modifica]
CONTRO LA SFORTUNA DEI POETI.


SONETTO


Poeti, ve lagnè continnuamente,
    Che per quanto, che fè dei bei Soneti;
    Tanto e tanto sè sempre povereti,
    4Che per quelli gnessun mai ve dà gnente;

Gavè rason, a dirla; veramente
    L'è un mistier buzarà quel dei Poeti,
    No se magna che applausi; e do paneti
    8Per mille versi no ve dà la Zente.

Ma pezo ancora xe la sorte mia,
    Che, se me metto a far qualche Sonetto
    11Per divertir la nobil compagnìa;

Nò solo i me dà gnente, povereto,
    Ma quel, che stimo, che desoravìa
    14I me và beccolando el mio sacchetto.