Una razza de Donne s'hà introdotto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 182 modifica]
SORA LE VIRTUOSE DE TEATRO


SONETTO


Una razza de Donne s'hà introdotto
    Nel Mondo, che se chiama virtuose,
    De sora vìa le và vestìe pompose,
    4E tutte quante xe rotte de sotto.

Se le trova qualcun, che ghe sia cotto,
    Le se sustenta, e le se fà preziose,
    E con maniere scaltre, e maliziose
    8Fin sull'osso le pela el bon merlotto.

Per tutto in altri tempi se trovava
    Un numero de belle cortesane,
    11Che co un Zecchin, o do le se chiavava;

Adesso per toccarghe le roane
    No basta spender un granner de biava,
    E sì le xe più brutte, e più puttane:
                    15Fussele almanco umane,

[p. 183 modifica]


Le ga più umor assae delle Contesse,
    Con abiti le và da Prencipesse,
                    18E no le gà braghesse,

Siben, che questa xe una cosa bona,
    Perchè più facilmente ogni persona
                    21Puol toccarghe la Mona,

Una Mona, che tante a dirla schietta
    Donne, che sulla potta i Cazzi aspetta,
                    24La gà più sutta, e netta;

Ma xe noto con tutti i so ornamenti,
    Che xà le gà pettà ai so serventi
                    27Dei boni scolamenti.

Per altro le la porta assae cimada,
    Le dise, che gnessun ghe l'ha toccada
                    30Con aria buzarada;

[p. 184 modifica]


E pò se sà con tutto el so umoretto,
    Che tutte le l'hà tiolto anca in culetto,
                    33E per farse concetto

Le dise, che le gà el Prencipe tal,
    Che in Roma le gaveva un Gardenal
                    36Co tanto de cotal,

Che le xe stae a Bologna, e che le hà fato
    Dal gran amor quasi deventar mato
                    39Sin l'istesso legato.

No se sente, che borie, e margiassae,
    In credenza le fà mille bullae,
                    42Che siele buzarae;

E tutto questo per portarse avanti,
    E per cavarghe a sti so cari amanti
                    45Tutti quanti i contanti,

[p. 185 modifica]


E pò, co le và vìa de quel gramazzo,
    Che hà speso tanto, e che gà dà solazzo,
                    48No le ghe pensa un Cazzo;

E se 'l gavesse dà scettri, e corone
    50In Culo le lo gà ste buzarone.