Sò, che chi hà fatto mi senza de mì

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 113 modifica]
GHE VUOL L'AGIUTO DIVINO PER SALVARSE.


SONETTO


Sò, che chi hà fatto mi senza de mì
    No me vuol mi senza de mi salvar;
    Cossa donca de mi possio sperar,
    4Quando no fazzo ben più de cussì?

Quelo, che fazzo ancuò, fazzo ogni dì,
    E fazzo quello, che no devo far,
    E, per quanto vorrave in drìo tornar,
    8Mi continnuo sto viazo sempre pì;

Se 'l tempo, e la razon forza no gà
    De far sì, che mi supera sta giostra,
    11Qual'altra forza mai trionferà?

Signor alla mia mente, che se prostra;
    Fè veder, che mi sia tutto cambià,
    14E che l'è stada tutta guerra vostra.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Sò,_che_chi_hà_fatto_mi_senza_de_mì&oldid=45468"