Gran Dea, se sè propizia alla mia istanza

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 91 modifica]
VOTO ALLA MEDESIMA.


SONETTO


Gran Dea, se sè propizia alla mia istanza,
    Se i me voti esaudì, mi ve prometto
    D'innalzarve un Altar in quel boschetto,
    4Che la Donna gà in fondo della panza.

Un sacrifizio, come vuol l'usanza,
    Ogni dì ve farò del mio Oselletto,
    E, co poderò aver qualche Culetto,
    8Un dono ve farò de sta piattanza.

Ogni anno 'l di, ch'hò bù sto gran servizio,
    Un banchetto farò de Carne crua
    11In memoria del vostro benefizio.

Farò ballar più d'una Donna nua,
    E, perchè sia più bello el sacrifizio,
    14Ghe darò a tutte in ballo una fottua.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Gran_Dea,_se_sè_propizia_alla_mia_istanza&oldid=46499"