Avanti de morir mi voggio dar

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 75 modifica]
DÀ DEI AVVERTIMENTI PRIMA DE MORIR.


SONETTO


Avanti de morir mi voggio dar
    Un'occhiada alle cose de sto Mondo
    Per veder, se ghè gnente de giocondo,
    4Che me fazza a mi voggia de restar;

I onori nò, ch'assae i suol pesar,
    E i amici, quei, che gà saver profondo;
    Perchè la morte i robba, me confondo,
    8E coi cogioni mi no posso star.

Nò el ziogo, nò 'l magnar, nò l'orazion;
    Ghe sarave quel bel divertimento
    11D'andar in Mona, ma no son più bon;

Donca, co l'è cussì, moro contento,
    Ma prima voi per mia soddisfazion
    Lassar a tutti qualche avvertimento;
                        15Sentì 'l mio sentimento,

[p. 76 modifica]


Che le Donne sia bone coi so amanti,
    Se no le li vuol perder tutti quanti.
                        18Avviso sti galanti,

Che co drento d'un Mese no se chiava,
    Co 'na bella maniera, ch'i se cava
                        21Per no buttar la bava,

Perchè, se in sto frattempo no se fotte,
    Per lori xe sonà la mezza notte;
                        24Gnanca pò a ste marmotte,

Che no gà senso, no ghe corrè drìo,
    Perchè no farè gnente, nò per Dìo;
                        27Quelle, ch'in so marìo

Xe innamorae, infin, che l'amor dura,
    Vù buttè vìa seguro la fattura;
                        30L'è più dretta, e segura,

[p. 77 modifica]


Quando, che se gà voggia, e la più sana
    32Xe tior suso la so brava puttana;
                        Alla natura umana

La xe più confacente mi dirìa,
    Come quel, che gà fame, l'Ostarìa.
                        36Se paga, e se và vìa,

Impegni no ghe xe, nè suggizion;
    E no se fà 'na vita da cogion.
                        Questa è la mia opinion,

40Quando volè passar i dì felici,
    Viver in libertà co i cari amici;
                        Schivè ste incantatrici,

Perchè, se caschè drento in la so rede,
    44Farè, come i Oselli, che se vede,
                        Che de scampar i crede,

[p. 78 modifica]


Ma più, che de sbrigarse i se sfadiga,
    In te la rede più che mai i s'intriga;
                        48Co la lussuria ciga,

El buso tanto fà d'una strazzona,
    Come quello de qualche Zentildona;
                        51Zà la xe tutta Mona,

Anzi quella de qualche poveretta
    Per el più xe più sutta, e xe più stretta.
                        54Oh vita benedetta!

Magnar, co se gà fame, e sborar spesso
    Con tutte quelle, che ve vien per tresso.
                        57Questa, mi vel confesso,

Per viver ben la xe l'unica strada,
    Tutto 'l resto no val 'na buzarada.