Zà, ch'ancora me trovo san de mente

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 293 modifica]
TESTAMENTO DELL'AUTOR.


SONETTO


Zà, ch'ancora me trovo san de mente,
    Considerando, che la morte è certa,
    E che de questa l'ora è sempre incerta,
    4Voi disponer del mio colla presente,

Scritta da man amiga, e confidente,
    E sigillada da persona esperta,
    Perchè a so tempo, e liogo la sia averta,
    8Ed eseguida inviolabilmente.

Rivoco, annullo, e casso ogn'altra mìa,
    Disposizion, e intanto ordino, e vogio,
    11Che l'ultima de tutte questa sìa;

Ma prima de disponer mi me dogio,
    Se avesse fatto mal, che no vorrìa
    Sperando 'l Porto urtar in qualche scogio.
                        15Quando, ch'hò fenìo l'ogio,

[p. 294 modifica]


Perchè de là no posso portar gnente;
    Erede universal lasso la zente,
                        18Che vive allegramente.

Item le zoggie mie più rare, e bone;
    Voggio dir le mie care buzarone,
                        21Che colle so gran Mone

M'hà dà a sto Mondo tanto gran solazzo,
    Le lasso tutte a chi ghe tira 'l Cazzo.
                        24A qualche bon gramazzo,

Che la vita vuol far dei chiettinoni,
    Ghe lasso, che 'l se gratta i so cogioni.
                        27A certi satraponi,

Che vuol tutte le mode criticar,
    El mio Osello ghe lasso de menar.
                        30Item per no privar

[p. 295 modifica]


I Frati, acciò de mi no i se scordasse,
    Ghe lasso tutte quante le bardasse.
                        33Le rime mie più grasse

A quelli, che s'hà tiolto più trastulo,
    Mi ghe le lasso da forbirse 'l Culo;
                        36E se mai qualche Mulo,

Perchè mi gò fottù de quà, e de là,
    Vegnisse a domandar l'Eredità,
                        39Lasso per carità,

Che tutti quei, che 'l trova per la strada,
    Ghe daga la so bona buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Zà,_ch%27ancora_me_trovo_san_de_mente&oldid=46671"