No sò più cosa dir, che hò dito tanto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 1 modifica]
L'AUTOR NO PUOL CAMBIAR STIL.


SONETTO


No sò più cosa dir, che hò dito tanto
    In materia de Cazzo, e de chiavar,
    D'andar in Culo, e farse buzarar,
    4Che mi no gò più vose per sto canto.

Vorrìa dir qualche buzara ogni tanto
    Sù sto ponto per farmela passar,
    Ma no sò da che banda scomenzar,
    8Che quel, ch'hò bù da dir, tutto l'hò spanto.

Bisognerìa toccar un altro ton,
    Ma mi no incontrerò l'universal,
    11Perchè fuora de questo sò un cogion.

El mio forte xe star sul natural,
    E tanto fà, che rompa 'l cannacchion.
    Quando, che al Cazzo gò da dir Cotal,
                    15Canterò sempre mal,

[p. 2 modifica]


Farò, come fà tanti poetoni,
    Che dà le gran seccade de cogioni
                        18Co quei so iperboloni

De monti d'alabastro, e bianco late
    Per no dir do bellissime culate;
                        21Che buzare strafate!

Per descriver do Tette, e la Natura
    Dir do colline, ed una valle oscura.
                        24Per mi la xe segura,

Che se vorrò cantar per mio solazzo
    26Dirò Mona alla Mona, e Cazzo al Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=No_sò_più_cosa_dir,_che_hò_dito_tanto&oldid=42559"