Ghè a Venezia un'allegrìa

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 200 modifica]
I PIACERI DE VENEZIA


CANZONE


Ghè a Venezia un'allegrìa,
    E ghè un far cussì giocondo,
    Che no credo, che ghe sìa
    4Altrettanto in tutto 'l Mondo.

Ghe xe mille morbidezze,
    Ghè maniere dolci, e tenere,
    E alle tante gran bellezze
    8La Città la par de Venere.

No ghè più, come una volta
    Quella gran rusticità,
    In ancuò tutte ve ascolta,
    12Da per tutto ancuò se và.

[p. 201 modifica]


No ghè più quel gran ritiro
    Delle Donne maridae
    In ancuò tutte và in ziro
    16Notte, e dì per la Cittae.

Le và sole coll'amigo,
    E in ancuò no ghe và drio;
    Come fava al tempo antigo
    20Quel cogion de so Marìo.

Se và ancuò liberamente
    A trovarle fina in letto,
    E el Marìo o nol sà gnente,
    24O se 'l sà, lù vive quieto.

Tutte gà una gran pretesa
    De portar un bel concier;
    E pulite fina in Chiesa
    28Ella và col Cavalier.

[p. 202 modifica]


Una volta in le botteghe
    No ghe andava Zentildone;
    Ma ghe andava solo sbreghe
    32Colle so gran buzarone.

In ancuò và Cittadine,
    Và Mercanti, e và le Dame,
    E le povere sgualdrine
    36Tutte quante muor da fame.

Per andar la sera in piazza
    Le vien vìa da casa soa,
    E ghè Donne d'ogni razza,
    40Che menando và la coa.

Con un'aria, e con un brìo
    Le camina sul liston,
    Che de darghe, sì per Dìo;
    44Le fà voggia un pizzegon.

[p. 203 modifica]


Veramente sto paese
    Xe più assae nobilità;
    Tutti veste alla francese,
    48Tutti magna quel, che i gà.

Ghe xe in summa un gran corteggio;
    Ghe xe cento mille inviti;
    Che no sò cosa de meggio
    52Far podesse i Sibariti.

In tripudj, zioghi, e canti
    Se stà sù le notti intiere,
    E in sto tempo dai so amanti
    56Se fà fotter le massere.

El gran lusso, e la gran moda
    De sti tanti bei Casini,
    Fà, che tutti quanti goda,
    60E che i spenda dei Zecchini.

[p. 204 modifica]


Più, che 'l soldo quà, e là zira,
    La Città più se fà bella,
    Ma l'è el vizio quel, che tira
    64Fora i bezzi de scarsella.

Tutti i Artisti allora quando
    No ghe fusse gnessun vizio,
    I starìa tutti de bando,
    68E i anderave in precipizio.

Se la gola, e i dolci amori
    No ghe fusse, e l'ambizion,
    Come sassi i gran tesori
    72I starave in t'un canton.

El mal xe, che in sta Cittae
    Ghe xe puoche puttanelle,
    Ma le Donne maridae
    76Le supplisce ancuò per elle.

[p. 205 modifica]


La puttana de mestier
    Xe una robba remenada,
    Ma dei altri la muggier
    80Xe una Cazza reservada.

L'è altro gusto l'andar drento
    Dove, che no ghe và tanti,
    Sparagnar un scolamento,
    84E no dar fuora contanti.

Aver senza mantegnir
    Una Donna sempre drìo,
    E a quei fioi, che puol vegnir,
    88Che ghe pensa so Marìo.

Aver palchi, aver casin,
    Andar fuora anca con ella;
    E saziar el so morbin
    92Del Marìo colla scarsella.

[p. 206 modifica]


Quel, che stimo, che ogni tanto,
    Co i xe stuffi, i se destacca,
    E i ghe fà el so bell'impianto;
    96E co un'altra pò i se tacca;

E con quella i fà l'istesso,
    I la serve notte, e zorno,
    Co i se giazza a starghe appresso;
    100I se scalda a un altro forno.

Ma fà ben sti gran scambietti,
    Cussì a tutti ghe ne tocca,
    E se puol co sti confetti
    104Raddolcir più d'una bocca.

Ghè pò tante virtuose,
    E de musica, e de ballo,
    Cavalline spiritose
    108Da montarghe sù a cavallo.

[p. 207 modifica]


Per quel so bell'esercizio;
    E a quel far cussì grazioso,
    Mi me par, che quel servizio,
    112El deventa più gustoso.

El mal xe, che la virtù
    Le fà star sul so decoro;
    E perchè le se tien sù;
    116Le ve costa pò un tesoro;

E un pericolo ghe xè,
    Se la Donna è bella, e brava,
    Che con ella vù spendè,
    120E che i altri ve la chiava;

E se puol de più anca dar,
    Che la xe pò cosa amara,
    Una musica incontrar,
    124Che ve brusa la capara.

[p. 208 modifica]


Cantatrici, e Ballerine
    Queste ancuò fa un gran schiamazzo,
    Queste quà xe le Regine,
    128Che trionfa sora el Cazzo.

Veramente le xe Done,
    Che sull'Omo hà gran possesso,
    Le gà un far da buzarone,
    132E le xe l'onor del sesso.

Le gà un vezzo, che innamora,
    No le gà gnente de rotto,
    Se le xe nette de sora,
    136Le xe nette più de sotto.

Un gran gusto a far con queste,
    Mi per mi gò zà deciso,
    Che, se no fusse la peste,
    140L'è un chiavar da Paradiso.

[p. 209 modifica]


Oh! Che vita deliziosa,
    Oh! Che amabile contento
    A sentir 'na virtuosa,
    144Che ve canta a tiorlo drento,

Come pur a dirla schietta
    El xe un gusto molto bello
    A sentir la so diletta
    148A ballar sotto l'osello;

Ma per altro assae godibile
    Xe la so conversazion,
    Se la Donna è pò fottibile
    152No ghe xe comparazion.

No sò cosa sia la Franza,
    Cosa i fazza in Allemagna,
    De chiavar a crepa panza
    156Sò, che quà xe la cuccagna.

[p. 210 modifica]


Me stupisso, che ne vogna
    Forestieri in quantità,
    Perchè quà chi no xe tegna
    160Se la gode, come và.

Una volta i se partiva
    Da contrae assae lontane;
    E a Venezia pò i vegniva
    164Per un poco de puttane.

Finalmente no ghe giera,
    Come ancuò sta libertà,
    Bisognava in quella sfera,
    168Che i zirasse sempre là.

In ancuò quando i sà far,
    E che i gabbia un poco d'arte;
    Ogni sfera i puol zirar,
    172E de Venere, e de Marte.

[p. 211 modifica]


Viva donca sta Città,
    Che xe 'l centro dei piaseri;
    Che assae gode chi stà quà,
    176E anca gode i Forestieri.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Ghè_a_Venezia_un%27allegrìa&oldid=41726"