Dopo, che tanti gà letto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 173 modifica]
SORA LA LETTURA DEI LIBRI OLTRAMONTANI.


CANZONE


Dopo, che tanti gà letto,
    E ch'i leze al dì d'ancuò
    Del francese el bel Dialetto,
    4E de qualche Paninbruò,

Se discorre, ch'in Natura
    Ghe dei mali quanti basta,
    Senza far, che la Scrittura
    8Sù ghe metta un'altra tasta,

Che bisogna divertir
    Oltre 'l corpo anca la mente,
    Perchè za s'hà da morir,
    12E de là no ghè più gnente;

[p. 174 modifica]


Che sto Diavolo, e sto Inferno
    Invenzion xe dei poeti,
    E sto starghe pò in eterno
    16L'è 'na zonta, ch'hà dà i Preti,

Che ste cose i gà inventà
    Per i Ladri, e Scavezzoni,
    E per quei, che ghe ne sà
    20Manco assae dei me cogioni.

Sti libretti Oltramontani
    Colla so filosofia
    I gà fatto tanti dani
    24Ai dì nostri in Sacrestìa;

Questi hà fatto, che gran zente
    Metta zoso la livrea,
    E ch'i mena allegramente
    28Una vita Epicurea.

[p. 175 modifica]


In ancuò chi chiapa chiapa,
    Delle Donne i fà barati,
    I gà in Culo infin el Papa,
    32E i so casi riservati;

Oltre che sti libri 'l lume
    Hà offuscà alla religion,
    I hà causà, che 'l bon costume
    36Vaga zoso a tombolon.

Se ghe xe 'na Dona soda,
    Ch'anca sappia de fallar,
    Perchè ancuò la xe la moda
    40La se gà da far chiavar,

Co sto lusso de vestir,
    Se l'intrada pò xe poca,
    Ghe convien per comparir,
    44Che le venda la so Coca;

[p. 176 modifica]


Come che i dispendi è grandi
    Anca chi gà un'intradona
    Ghe convien far contrabbandi
    48O del Cul, o della Mona.

Chi vuol tiorse pò solazzo
    De marchiar col Cavalier,
    De menarghe almanco 'l Cazzo
    52Le hà da far el bel mestier,

E, per dirla, xe ben giusto,
    Co le vuol mo sempre quello,
    Che le daga qualche gusto
    56A quel so pover'Osello;

Tanto, che se ben riffletto,
    O per bel divertimento,
    O per qualche regaletto
    60Tutte quante lo tiol drento;

[p. 177 modifica]


E le crede d'esser certe;
    Che gnessun sappia'l so vizio,
    Nè le crede esser scoverte
    64Gnanca'l zorno del Giudizio.

Più alla Predica in le Chiese
    No le và, nè all'Oratorio,
    E per vivere all'Inglese
    68Le cogiona el Purgatorio;

Le và in Chiesa, co xe festa,
    Nè le và in altra zornada,
    E le ascolta sù alla presta
    72Una Messa strapazzada;

Più dei Santi, e più dei Cristi
    Elle varda i Zerbinotti,
    E le và per far acquisti
    76De sti poveri merlotti;

[p. 178 modifica]


Le vorrìa la zoventù,
    E nò quelli, che xe flossi,
    E le osella sempre più
    80Quei, che gà i cogioni grossi.

In continnuo passatempo
    La so vita le mantien,
    E le dà in un contratempo,
    84Co 'l marchese no ghe vien.

I foresti le conforta,
    Le ghe dise, per vù moro,
    Ma le averze la so porta
    88A chi gà la chiave d'oro.

Che bel viver, che xe questo,
    No ghè più tanti riguardi,
    Chi gà bezzi chiava presto,
    92Chi xe al giazzo chiava tardi;

[p. 179 modifica]


Ma per altro tutti chiava,
    O per forza, o per amor,
    E la Donna se la cava,
    96E gà in Culo 'l Confessor.

Tutti pensa a far chiccona,
    E dar gusto al so corpazzo,
    Pensa i Omeni alla Mona,
    100E le Donne pensa al Cazzo.

Ogni Donna mi vorrìa,
    Ch'al so onor avesse mira,
    E sta cosa bramerìa,
    104Perchè ancuò più nol me tira.

Co gaveva la gran vogia
    De chiavarle tutte quante,
    Me toccava aver la dogia
    108De trovarle tutte sante.

[p. 180 modifica]


Ancuò, che no le gà più
    Tanti, e tanti pregiudizi,
    Che col nome de virtù
    112Elle chiama tutt'i vizi,

Che le porta scritto in cuor,
    Che le xe massime strambe
    Voler creder, che l'onor
    116Staga in mezzo delle gambe,

Che le sà come la và,
    Che le xe desmascherae,
    Che più d'ogni Santità
    120Elle stima do chiavae,

Mi bisogna, che la tegna,
    Quanto mai posso cantar,
    O a liccar, che me rassegna,
    124O de farme buzarar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Dopo,_che_tanti_gà_letto&oldid=45602"