Vedo un zorno alla finestra

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 5 modifica]
LA FINTA SANTITÀ GIOVA AL FOTTER.


CANZONE


Vedo un zorno alla finestra
    Una Putta parigina,
    La saludo sù alla presta,
    4E me volta ella la schina.

Sto so far cussì sprezzante
    Acquistar me fà concetto;
    Voi saver chi xe l'amante
    8De sto viso benedetto.

Lo domando a 'na visina,
    Che ben presto me risponde;
    Esser questa 'na chiettina,
    12Che dai Omeni se sconde.

[p. 6 modifica]


Che no tratta mai gnessun,
    Se nò Frati in quantità,
    Che ghe predica 'l dezun,
    16L'innocenza, e castità.

Nel sentir tutte ste cose
    Ghe credeva poco, o gnente,
    Perchè mi sò, che le Tose
    20D'esser sante le gà in mente.

Che zà queste quasi tutte
    Le gà gusto esser amae,
    E se anca le xe brutte
    24Le gà molta vanitae.

Sto principio me pareva
    Tanto giusto quanto vero,
    E sul punto me metteva
    28D'aderir al mio pensiero.

[p. 7 modifica]


Me sentiva trà de mì
    Una voggia buzarona
    De poder a questa un dì
    32Por el Cazzo in la so Mona.

Mentre stava sul partir
    Per tentar pò la mia sorte
    Da lontan vedo vegnir
    36Sta ragazza molto forte.

Mi me fermo, e con modestia
    Ghe dimando, come stà?
    Come mi fussi 'na bestia,
    40Gnente questa m'hà badà.

Me vien subito un'idea
    De veder dove l'andava,
    Cosa mai nascer podea
    44Dall'averla seguitada.

[p. 8 modifica]


Per un pezzo la camina
    Senza mai voltarse in drio,
    Ma ghe giera zà alla schina,
    48E la sento dir: oh Dìo!

Sto sospiro all'improviso
    Me fà audace, e coraggioso
    Fin a dar sù quel bel viso
    52Un basetto spiritoso.

La vien rossa, come el fuogo,
    La me chiama impertinente;
    Ma mi franco; zà in quel liogo
    56No ghe giera alcun presente.

No me perdo de coraggio,
    Me sbottono i me bragoni,
    E per segno del me omaggio
    60Mostro el Cazzo, e anca i cogioni.

[p. 9 modifica]


La volea de là partir,
    Ma la chiappo per un brazzo,
    Nè gà valso zà 'l so dir,
    64Che in le man gò messo 'l Cazzo.

Questa tutta in un momento
    La se muda d'opinion,
    E la mostra aver contento,
    68Che la chiava, ma in scondon.

Mi de sasso son restà
    Nel sentir 'na tal mudanza,
    E a veder, che questa quà
    72Lo tioleva drento in panza.

Scomenzava a farse scuro
    E cresceva in me l'amor,
    Me la puzo franco al muro
    76Senza aver alcun timor.

[p. 10 modifica]


Tra le gambe la gaveva
    Un Monin grazioso, e bello;
    Che a vardarlo el me pareva
    80Fatto giusto col pennello.

Mi gaveva pronto 'l Cazzo,
    E me metto in positura,
    Onde subito l'abbrazzo,
    84E ghel ficco in la fissura.

Che la fusse stà chiavà
    Altre volte no credea,
    Mentre questa in verità
    88Una putta supponea.

Ma m'hò accorto, che fallava,
    E formava idee ben strambe,
    Perchè mentre la chiavava
    92La strenzeva assae la gambe.

[p. 11 modifica]


Ella giera alquanto averta,
    La gavea larga la Mona,
    Sicchè allora l'hò scoverta
    96Una bella buzarona.

Pur sentiva esser contento,
    Perchè 'l Muso giera bello,
    Alla fin ghe sboro drento,
    100E me sugo pò l'Osello.

Ghe regalo do lirazze,
    Questa franca le ricusa,
    Perchè sol colle porcazze,
    104La me dise, a farlo s'usa.

No son putta de quel far,
    Ma me preme anzi l'onor,
    E se m'hò fatto chiavar
    108Lo gò fatto per amor.

[p. 12 modifica]


Se volè dormir co mì
    Questa notte, sè paron,
    E faremo fin à dì
    112Molte cose, ma in scondon.

Se hò da dir la verità,
    Sò 'na putta poveretta,
    E col finzer santità
    116Fazzo vita benedetta.

Tiogo donca 'l bon partìo,
    Ma con patto, che la tasa;
    La camina, e mi da drìo
    120L'accompagno fin a Casa.

Arrivai corremo in letto,
    E me metto a cavalcarla;
    Me mostrava questa affetto,
    124Quando giera per chiavarla.

[p. 13 modifica]


La gaveva do Tettine,
    Che faceva innamorar,
    E quantunque pichenine
    128Pur le giera d'ammirar.

Per un pezzo so' stà in Mona,
    E provà gò un gran trastulo,
    E pò dopo a sta parona
    132Mi ghe l'hò cazzà in tel Culo.

In prencipio renitente
    Verso mi la s'hà mostrà,
    Gò anca fatto varie stente,
    136Ma la gò pò buzarà.

Levo suso la mattina,
    E me vesto per andar;
    Ma 'na doggia avea in la schina,
    140Che stentava a caminar.

[p. 14 modifica]


Pur risolvo d'andar vìa,
    E ringrazio la Sioretta,
    Che con tanta cortesìa
    144La m'hà dà la so Cocchetta.

Caminando vìa bel bello
    Hò pensà sù sta chiettina,
    E hò scoverto, che l'Osello
    148La tiorrìa sera, e mattina;

Che la giera questa quà
    Buzarona assae sfrontada,
    E che sìa la verità,
    152L'hò fottuda, e buzarada.