Se fusse vivi i vecchj, e ch'i vedesse

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 218 modifica]
SORA I USI MODERNI.


CAPITOLO


Se fusse vivi i vecchj, e ch'i vedesse
    Cosa, che deventà xe sto paese,
    3Che i Omeni xe tante Mone lesse,

Che no se fà l'amor più in te le Chiese;
    Che no se và a liccar più in t'i Conventi,
    6Che no i gà più la targa, e 'l pistolese,

Che per i oziosi, e per i malcontenti
    No ghè più Lupanari, nè Scolette;
    9Ne più Biscazze da ziogarse i denti,

Che no ghè più battelli, nè barchette,
    Che per canal quando, che xe la notte,
    12No ghè più serenade, nè cenette,

[p. 219 modifica]


Che i nobili xe ancuò tante Marmotte,
    Quando una volta, come tanti Orlandi,
    15I caminava su ste piere cotte,

Che no se fà più azion d'Omeni grandi;
    Ma solamente scherzi, e bizzarìe,
    18Nè se studia, che 'l libro d'arte amandi,

Che derelitte xe le malvasìe,
    Perchè i gà buttà zoso i Camerini,
    21E quel, che stimo, ancora l'Ostarìe,

Ch'in t'i Campieli no ghè più festini,
    E che consiste tutti i nostri spassi
    24A star tutta la notte in t'i Casini,

Ch'i Zoveni d'ancuò xe stracchi, e lassi;
    Perchè la notte i vegia in fin l'Aurora,
    27E 'l zorno i dorme, co fà tanti Tassi;

[p. 220 modifica]


Se chi xe morti pò i vedesse ancora,
    Che no se puol andar più in le botteghe,
    30Nè se se puol sentar gnanca de fuora,

Che xe proibide tutte la careghe,
    Che i nobili no puol andar in piazza,
    33Quando ghe puol andar tutte le sbreghe;

Oh! che vita, i dirìa, buzaronazza,
    Sia benedetto 'l tempo, co se andava
    36Per tutto colla so gran Puttanazza.

D'ogni erba fasso tutti allora fava,
    No ghe giera i riguardi, che ghè adesso,
    39E le buzare presto se aggiustava,

No se spendeva, come ancuò, all'eccesso,
    E, come và le Dame, all'altra zente
    42No ghe giera 'l vestir cussì permesso,

[p. 221 modifica]


Con pochetto se stava allegramente,
    Ma tutti ancuò vuol far gran smargiassae,
    45E ognun la vuol sticar d'Omo opulente;

S'andava a far l'amor colle Pelae,
    E sta cosa la fava bon effetto,
    48Perchè i lassava star le Maridae,

No i portava alle Chiese gran respetto
    Facendo i Cicisbei, ma che hà da far,
    51S'ancuò le Donne i và trovarle in letto?

Ghe giera cento lioghi da ziogar,
    Ma alfin viveva tanta povertà,
    54Perchè 'l soldo quà, e là solea zirar.

Ghe vuol dei passatempi in le Città,
    Che 'l popolo cussì se divertissa,
    57E no senta 'l so stato el desperà,

[p. 222 modifica]


E se in bottega nasce qualche rissa,
    Giustizia vuol, che quello se castiga,
    60E chi no ghe n'hà colpa no patissa.

Quei Giudici mi vardo, che s'intriga
    In quelle cose, che no val un bezzo,
    63E de quel, che val più, no i se tiol briga;

Che l'arti venda tutto a caro prezzo,
    Che 'l lusso vesta fuora de misura,
    66Ste cose no ghe fà gnessun ribrezzo;

Se sfratterà una povera creatura,
    Che dà dei gusti a tante gran persone;
    69E vìa quei no se manda, che fà usura;

I pensa a mandar vìa le buzarone,
    Che xe d'impedimento a tanti mali,
    72E no i pensa all'onor dell'altre Done;

[p. 223 modifica]


Per ste cose i dà in colere bestiali,
    E no se dise gnente pò de quelli,
    75Che del Prencipe magna i capitali;

E se studia de bandir tutt'i bordelli,
    Che costa poco, e pò no se dà bando
    78A' pranzi d'Eliogabali novelli,

Al mal i cerca andar a remediando
    Col far tior sù le Donne per le strade,
    81Che per magnar vuol far un contrabbando;

Se nasce un pezo mal pò no se bada,
    Perchè l'è un dir, levando le puttane,
    84Ch'in Cul delle Bardasse tutti vada;

No se tollera ancuò le colpe umane
    In materia de senso, e se sopporta,
    87Ch'i Dazieri pò fazza azion tirane.

[p. 224 modifica]


Se fà un gran caso, s'un batte alla porta
    D'una puttana, e s'un và drento in casa
    90D'una, che ga Marìo, gnente gh'importa.

I vuol in summa, che 'l passà despiasa,
    E siben, che le cose andava meggio,
    93Quelle, che corre adesso, i vuol, che piasa.

Le puttane no gà più privileggio,
    L'è scazzae da per tutto, perchè i vuol,
    96Ch'abbia le Maridae tutto 'l corteggio.

Sentarse in piazza ancuò più no se puol,
    E gnanca in le botteghe le più belle,
    99Ma in te le Case a scuro no ghe diol;

E là no ghè ferali, nè candelle,
    Come ghè in le botteghe, e in conseguenza
    102I puol far delle belle cosarelle;

[p. 225 modifica]


Assae più facilmente una licenza
    I se puol tior in t'una Casa a scuro,
    105Che d'una lume chiara alla presenza;

Ma per quanto i voggia tegnir duro,
    Ch'in bottega no vaga più le Done,
    108Gnente no i farà mai, ve l'asseguro.

El creder anca, che deventa bone
    Le femene a tegnirle in sta maniera,
    111Co le xe per natura buzarone,

El xe quanto supponer, ch'una fiera
    La perda 'l so furor, co l'è ligada,
    114Ch'anzi la vien più indomita, e più fiera.

Una, ch'a farse fotter la sia usada,
    Co no la puol andar in gnessun liogo,
    117Per Dìo, la se fà fotter per la strada,

[p. 226 modifica]


La so natura zà vuol far sto sfuogo,
    E 'l volerlo impedir l'è giusto quanto
    120Buttar dell'oggio per stuar el fuogo,

In cao dell'anno zà gà d'esser tanto
    Numero de chiavae, nè serve gnente
    123Farle in una bottega, o in campo santo.

Volesse pur el Cielo, che la zente
    Altro mal no facesse mai, che questo,
    126Che tutti chiavarìa più quietamente,

Nè sarìa 'l conversar cussì molesto;
    Se filosofo fusse chi presiede
    129Tutto caminarìa co più bon sesto;

Perchè lù a certe buzare nol crede,
    Nè a chi s'hà fatto romper la pignata
    132Sì facilmente nol ghe presta fede,

[p. 227 modifica]


La so mente 'l la stende, e 'l la dilata,
    Nol la tien ferma a certe bagattelle,
    135Nè 'l fà per una Mona 'na chiamata,

Se querellà vien qualche bona pelle,
    Quando, che no le sia cose essenziali,
    138El ghe sbrega sù i occhj le querelle;

Lù no fà novità, che porta i mali,
    Perchè 'l sa ben, ch'in te le società
    141Le novità le xe pregiudiziali,

El lassa 'l Mondo, come el l'hà trovà,
    E se 'l fà gnente, el fà 'na cosa bona,
    144Che no reduse l'omo desperà.

Questi, che no puol veder, che la Dona
    La vaga in le botteghe, nè per strada,
    147Convien dir, ch'i sia astemj della Mona,

[p. 228 modifica]


O che la so natura xe fruada,
    Che del meggio, e del bon, che ghe xe in tera,
    150No i ghe n'hà voggia più 'na buzarada.

In Casa i le vorrìa tutta la sera
    In un tempo, ch'i xe de sta natura
    153Ch'in casa no stà gnanca la massera.

Come, che tutte cerca la ventura,
    Per questo quà, e de là sempre le zira,
    156E a farghe opposizion le se snatura.

Sulle povere Donne se delira,
    Ch'i vorrìa, che le stasse in un feral,
    159E no i rifflette quando la ghe tira,
    O quando le gà voggia de Cotal.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Se_fusse_vivi_i_vecchj,_e_ch%27i_vedesse&oldid=45824"