Saverè, che m'è stà scritto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 264 modifica]
AD UN AMIGO SULLO STESSO ARGOMENTO.


CANZONE


Saverè, che m'è stà scritto
    Da un poeta un'insolenza,
    Senza che mi gabbia ditto
    4Mai a lù un'impertinenza.

Quel, che stimo, che lù giera
    In tel rolo dei me amici,
    E de quei, che volontiera
    8Ascoltava i me caprici.

Vedo adesso, e me despiase,
    Ch'in quel tempo, che lù fava
    Tanti elogi alla mia frase,
    12Giusto allora el cogionava.

[p. 265 modifica]


Tanto che no sò più gnente,
    Co me loda una persona,
    Se 'l me loda veramente,
    16O se pur el me cogiona.

Mì per altro me compiaso
    Del mio dir, e me trastulo,
    E me daga pur de naso
    20Quei, che vuol, tutti in tel Culo.

Fazza pur chi vuol fracasso,
    Ch'i me versi xe cogioni,
    A mi basta, ch'i abbia piaso
    24Al Vicini1, ed al Frugoni;

E tanti altri gran poeti
    Letterati i più famosi
    Per aver i me soneti
    28Tutti quanti xe voggiosi.

[p. 266 modifica]


Par, che tutti gabbia fame
    De sentir la robba mia,
    Cavalieri, Savj, e Dame
    32Per averli i se trà via.

Ma, che tutti me cogiona,
    Questo mai no se puol dar;
    La xe donca robba bona,
    36Quando ognun la vuol cercar.

Non occorre quà mentir,
    L'estro mio xe assae giocondo,
    E i me versi, basta dir,
    40I xe andai per tutto 'l Mondo.

Del mio Critico no vedo,
    Che gnessun gabbia un Sonetto,
    E s'alcun l'hà bù, mi credo,
    44S'abbia fatto un fazzoletto.

[p. 267 modifica]


Ghe voleva gran virtù,
    E dei doni rari, e tanti,
    Per trattar da turlulù
    48Un, ch'hà piasso a tutti quanti.

S'anca un Omo el sà, che son,
    Che no gà scienza gnessuna,
    El doveva sto cogion
    52Respettar la mia fortuna;

Ch'anca questa xe 'na Dea,
    E chi in so favor la gà,
    A sto Mondo se recrea,
    56E da tutti xe adorà.

El mestier far dei poeti
    No conseggierave mai,
    Se xe sempre povereti,
    60E pò ancora cogionai.

[p. 268 modifica]


Ma stà in petto d'ogni matto
    Criticar una persona,
    Ma è da veder, se de fatto
    64Quella critica xe bona;

Perchè quando no l'è giusta,
    E da Musa, che sia grata,
    Tutta quanta quella frusta
    68Casca addosso a chi l'hà fata.

Vù dirè, ne son seguro,
    Che mi troppo la pretendo,
    Ma a quel brutto muso duro
    72Cussì parlo, e me defendo.




Note a cura de Wikisource
  1. Giovanni Battista Vicini, abate e poeta (1709 - 1782)
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Saverè,_che_m%27è_stà_scritto&oldid=55941"