Morir voggio anca mi zà, che m'è morto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 133 modifica]
SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Morir voggio anca mi zà, che m'è morto
    El povero mio Cazzo all'improviso,
    Un fià da lù no posso star diviso,
    4Che 'l giera in ti me affanni 'l mio conforto.

In sto Mar della vita el giera 'l Porto;
    Che 'l sia andà abbasso, oppur in Paradiso,
    D'andar dove, che 'l xe, mi gò deciso,
    8A tutto costo no ghe farò torto.

Hò risolto cercarlo in terra, e in Cielo,
    In te l'Abbisso, e fin dove sta Pluto,
    11Perchè no voggio star senza de quelo.

Come, che senza Cazzo son destruto,
    Nè al Mondo trovo più gnente de belo,
    14Cussì col Cazzo starò ben per tuto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Morir_voggio_anca_mi_zà,_che_m%27è_morto&oldid=46515"