Dal Cielo el Dìo d'Amor hà dà un'occhiada

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 242 modifica]
INTROMISSION DEL BANDO DELL'ONOR.


SONETTO


Dal Cielo el Dìo d'Amor hà dà un'occhiada
    Al costume del secolo presente,
    E vedendo per tutto, che la zente
    4D'ogni Età fà una vita buzarada.

L'hà dito, dar bisogna una tagiada
    Al bando dell'onor subitamente,
    Perchè sto bando el fà insensibilmente
    8Un mal, che và crescendo alla zornada.

Dei Dei per questo lù xe andà al congresso,
    E là el gà fatto tante rifflession,
    11Che l'hà commosso turto quel consesso,

Tanto, che i gà segnà sto decreton,
    Che sia per el ben publico permesso
    Chiamar l'onor in via de realdizion,
                    15A sta proposizion

[p. 243 modifica]


Venere se gà opposto, e la s'hà fato
    Scontro a so fìo trattandolo da mato,
                    18La hà dito in quel Senato;

Come chiamar l'Onor? No xelo quelo,
    Che xe stà la rovina dell'Oselo?
                    21Co ghe penso, credelo,

Che se tornasse a veder sta figura
Me farìa dar sìe ponti alla Natura.
                    24Oh leze troppo dura!

Più no se vedaria la notte tardi
    Le Donne a spassizzar verso i Stendardi;
                    27No ghe sarìa sti lardi

De conversar con elle, e starghe appresso
    Anca quando ghe scampa per secesso,
                    30E i Omeni d'adesso,

[p. 244 modifica]


Quando, che mancasse sto trastulo
    No i saverìa dove puzar el Culo.
                    33Le Donne, e no ve adulo,

Co le avesse da viver sotto chiave,
    Dal gran velen le se la pelarave.
                    36Tutto se mudarave

El bel Mondo d'adesso, e tornarìa
    De Donne tanta, e tanta carestìa,
                    39Che i Omeni averìa

Necessità, siben no le xe sane,
    D'andar quanti, ch'i xe, tutti a puttane,
                    42Le pompe sarìa vane,

El lusso finirìa, e la Società,
    Che xe quel, che fà belle le Città,
                    45Cussì la gà parlà,

[p. 245 modifica]


Allora xe andà in renga el Dìo d'Amor,
    E, perchè i tagia el bando dell'Onor,
                    48L'hà parlà da Dottor,

L'hà dito, che lù hà fatto decretar,
    Che l'Onor vada a farse buzarar,
                    51Credendo de ben far;

Ma a veder, che la zente fà mal uso;
    Che tutto'l Mondo và col Cul in suso,
                    54Che a causa de sto abuso

La Mare no gà l'occhio più a so fìa,
    Perchè tutta la notte la stà vìa,
                    57E che da quella vìa,

Che stà fuora de casa la parona,
    La massera se fà grattar la Mona
                    60Da qualche pìa persona:

[p. 246 modifica]


Che'l crederìa per questo assae ben fato
    Repristinar l'Onor in tel so stato
                    63Che lù pò xe desfato,

Che lù più no colpisce coi so strali,
    E che 'l xe un Rè, che tutti i so vassali
                    66Xe tre, o quattro coccali,

Che, come no ghè più le zelosìe,
    La so cancellarìa fà le scarpìe;
                    69Che senza far pazzìe

In quiete tutti gà boni bocconi,
    E che lù stà grattandose i cogioni,
                    72Come, che fà i baroni,

Xe saltà sù el Dio Priapo in fretta,
    E l'hà messo anca lù la so pezzetta,
                    75Alla bona, alla schietta,

[p. 247 modifica]


L'hà dito, che lo sà sin i ragazzi,
    Che lù xe'l Nume tutelar dei Cazzi,
                    78Che nol vorrìa, gramazzi,

Co tornasse l'Onor a comparir,
    I gavesse pò allora da patir
                    81A segno de morir,

E co i volesse dar una chiavada
    Costar la ghe dovesse assae salada,
                    84Come l'Età passada,

Età, che sora delle so rovine
    Hà fatto dei gran bezzi le sgualdrine,
                    87E come, se in le spine

Dall'alto i fusse zò precipitai
    Fuora i vegniva cussì ben giustai,
                    90E cussì rovinai,

[p. 248 modifica]


Che bisognava alfin oltre i estrati,
    Che i se fasse tagiar, come bisati;
                    93Ve prego Dei Penati

Andè tutti in tel verde a sro decreto,
    Se nò i me Cazzi và tutti in brueto,
                    96Perchè, mi ve prometo,

Posso ben dal Priapismo liberarli,
    Ma dal morbo, che rode, come i tarli,
                    99No posso esenti farli.

Le dispute in sto modo hà terminà,
    E da Giove una parte è stà mandà,
                    102Utrum se in libertà

L'Onor s'abbia da metter, nec nè,
    E fu preso, che 'l staga, dove el xè.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Dal_Cielo_el_Dìo_d%27Amor_hà_dà_un%27occhiada&oldid=41544"