In t'un zardin, che giera molto belo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 73 modifica]
I DO AMANTI NEL ZARDIN.


SONETTO


In t'un zardin, che giera molto belo,
    Ho visto una Donnetta col so amante,
    Ella ghe fava delle grazie tante,
    4E lù ghe dava in man tanto de Oselo.

Pò vedo, ch'i se basa, e che bel belo
    Le cottole el ghe leva tutte quante,
    E puzandola addosso delle piante
    8La Mona el ghe toccava a contrapelo.

In quel zardin quell'Omo me pareva,
    Che 'l fusse Adamo, e che la bella Dona
    11Me pareva la fusse la so Eva,

E che sia vero; oh! che gran cosa bona,
    Che xe 'l chiavarse, sento, ch'i diseva;
    Cussì hò capìo, che 'l ghe l'hà messo in Mona.
                    15Damela buzarona,

[p. 74 modifica]


El ghe tendeva a dir; damela tutta.
    Oh! Cara, ti me par giusto una Putta;
                    18Tanto ti la gà sutta.

Ella diseva, nò buzaronazzo,
    Avanti dame tutto quanto 'l Cazzo,
                    21Fà pur de mi strapazzo,

Che ti me dà un gran gusto, e che me par,
    Che da ti me farìa anca buzarar,
                    24Vìa, tendime a fracar,

Che a forza de quei to cari spentoni,
    Chi no sà, che vaga drento anca i cogioni;
                    27E lù dei gran basoni

Ghe dava, ma de quei belli, che schiocca,
    E'l ghe diseva, dame la lengua in bocca;
                    30Oh Cara sta to Cocca!

[p. 75 modifica]


Oh Dìo, che vegno, zà no posso pì,
    Ella diseva, aspetteme anca mì,
                    33E tutti do cussì

In t'una volta i hà dà la so sborada,
    Perchè hò sentìo, ch'i ha dà una gran cigada;
                    36Ma pò no xe passada,

Al conto, ch'hò tegnù, un'Ave Marìa,
    Che xe tornà l'amigo a trottar vìa,
                    39E cussì de sta vìa

El xe andà drìo, m'impegno, più d'un'ora
    Sto buzaron avanti, che lù 'l sbora;
                    42El lo cavava fuora,

E pò ogni tanto drento el lo ficcava,
    E la Donna dal gusto scorrezzava,
                    45Quà, e là lù se buttava,

[p. 76 modifica]


Che mi credo, che in quelle ziravolte
    Ella gabbia sborà sette, otto volte.
                    48El gran far gaveva tiolte

Le forze, che credeva ogni momento
    La fusse per andar in svenimento;
                    51Lù ghe 'l tegniva drento,

El lassava, ch'i occhj la voltasse,
    E quanto, che la vuol, la scorrezzasse,
                    54El voleva, che la fasse,

Mi credo, la figura d'Aretin,
    Perchè 'l s'hà fatto sporzer el martin,
                    57E 'l l'hà fatto a passin;

Pò sento, che la crìa, ti hà fallà 'l buso,
    Oh Dìo, ti me fà mal! Oh Dìo stà suso:
                    60Lù no s'hà mai confuso,

[p. 77 modifica]


E per quanto la trasse, co fà un mulo;
    Lù andava disendo, oh che bel Culo!
                    63Stà savio, che me sculo,

Ella diseva; ti l'hà troppo grosso,
    Tirelo vìa, se nò te cago addosso.
                    66Petto de Dìo, no posso,

Sento, che 'l ghe risponde inviperìo,
    E pò, che 'l casca zò tutto sbasìo.
                    69Da questo mi hò capìo,

Che, per quanto criasse la ragazza,
    71El ghe l'hà messo in Cul senza spuazza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=In_t%27un_zardin,_che_giera_molto_belo&oldid=42050"