Xe fenido Carneval

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 270 modifica]
PER EL PRIMO DÌ DE QUARESIMA.


CANZONE


Xe fenido Carneval,
    Che zornada, che xe questa!errata corrige originale
    Tutti sente qualche mal,
    4Chi in tel Cul, chi in te la Testa.

Tutte quante le Contrade
    Xe deserte, abbandonade,
    Nè s'incontra per le strade,
    8Che pitocchi, che impestade;

No s'avverze, che le Chiese,
    No se sente, che campane,
    Par, che morte sia in Paese
    12Tutte quante le puttane.

[p. 271 modifica]


Oh! Che strana mutazion
    Dalla sera alla mattina,
    Par, che sia vegnù un Sion,
    16Ch'hà mandà tutto in rovina.

Xe fenìe tutte le Feste,
    No ghe più quell'allegrìa,
    Par, che sia vegnù la peste,
    20Ch'abbia tutto portà via;

No ghè più soni, nè canti;
    I Teatri xe serrai,
    Ballerine, e Comedianti
    24Xe marmotte deventai.

Par, che un Mago sia vegnù,
    Ch'abbia tutto rebaltà,
    E voltà col Culo in sù
    28Tutta quanta la Città.

[p. 272 modifica]


Ma saveu, che Mago è questo,
    Che fà ancuò tanto malano?
    El xe un, ch'hà puzà el cesto,
    32O sia'l Cul in Vaticano.

El xe un, ch'hà la chiavetta
    Del secreto molto bella,
    Basta el batta la bacchetta,
    36Che fà tutti andar in cella.

Nol vuol più, che se marenda,
    Nè se magna più pottacchio,
    Perchè 'l vuol, che ben se venda
    40I bisatti da comacchio.

Nol vuol più, che chi hà l'impresa
    Dei Teatri, ch'i vadagna,
    Tutto'l vuol, che vada in Chiesa,
    44E che i Preti, e i Frati magna;

[p. 273 modifica]


Come no? Se ghè ogni tanto
    Doppie cerche, e più Casselle,
    E chi vuol el perdon santo
    48Gà da monzer le scarselle;

Questo vuol, che tanti spassi
    Sia reduti tutti in cenere,
    E che i Omeni sia sassi
    52In tel Ciel de Dea Venere.

Ma che vedo! Zà scomenza
    A levar suso la zente,
    E de niovo zà se pensa,
    56Come star allegramente;

Se prepara una gran cena,
    Che deventa un baccanal
    Per sentir manco la pena,
    60Che sìa morto Carneval.

[p. 274 modifica]


Dago intanto pò un'occhiada
    Alle Chiese tutt'intorno,
    E gran zente desperada,
    64Che mi numero in sto zorno.

Par sia stà un combattimento,
    E che 'l Diavolo la rotta
    Abbia dada in un momento
    68Tanto al Cazzo, che alla Potta.

Quà una Donna se lamenta,
    Che hà la Mona infistolìa,
    E là un Omo se tormenta
    72Col tagiargheerrata corrige originale el Cazzo vìa,

Chi se lagna, che la sera
    Perso i gà la so mesatta,
    E una Putta se despera,
    76Ch'i gà rotto la pignatta.

[p. 275 modifica]


Questi quà xe tutti i frutti
    Del passà Carnevalazzo,
    E chi sà a quanti patti
    80Ghè stà rotto el taolazzo!

Cussì pur se vedarìa
    Visitando sti Conventi
    Quanti Frati da drìo vìa
    84Gà chiappà dei scolamenti;

Ghè chi fà lunarj in letto,
    Perchè i gà la borsa sutta,
    E chi pensa andar in Ghetto
    88A impegnarse la Bautta.

Chi sospira per la Dona,
    Perchè perso hà l'occasion
    De toccarghe più la Mona
    92Al Reduto in t'un canton.

[p. 276 modifica]


Vedo pò tante persone
    Desperae per la Città,
    Che no puol andar a Done,
    96Quando in maschera no i và.

De massere pò un flagello
    Vedo a far pianti dirotti,
    Perchè più menar l'Osello
    100No le puol in t'i casotti.

Ma se pensa, come hò dito,
    A una cena strepitosa,
    E se fà d'amici invito
    104Per far corte alla morosa;

Se stà arrente alla so vaga,
    E se fà boni bocconi,
    E se lassa pò, che vaga
    108Alla Predica i cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Xe_fenido_Carneval&oldid=46030"