Nell'Isola di Baffo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 160 modifica]
VENERE, E ADONE


CANZONE


Nell'Isola di Baffo
    Abitava la Dea Madre d'Amor,
    Quando in t'un delizioso
    Zardin col so moroso
    5Buttada sull'erbetta
    La ghe cantava un dì sta canzonetta.

Se no fusse el sugo amabile
    Del to Cazzo, Adon mio caro,
    La mia Mona, che xe fragile
    10Proverave un stato amaro.

[p. 161 modifica]


Sù via donca, o mio diletto,
    Del to Cazzo benedetto
    Dame el sugo prediletto,
    Che più assae del moscatello
    15Stimo el sugo del to Osello.
    Che vaga al Diavolo
    Quei, che no fotte,
    Che i possa deventar tante marmotte.
    All'incontro sia lodà
    20Celebrà
    Incoronà
    Chi è stà 'l primo, che hà chiavà.

Allora el bell'Adon alla so Diva
    Gà messo drento tutta la so piva;
    25Nell'atto, che i fotteva,

[p. 162 modifica]

    Col cuor, e colla bocca el ghe diseva,
    Oh! Cara, Oh! Benedetta
    Danie anca tì l'acquetta,
    Che fà la to Cocchetta.
    30Più assae dei rosolini
    Me piase quei to nini,
    Che l'acqua vite,
    Che elixir vite,
    Che acqua della Regina!
    35Per la freve d'amor questa è la China.
    In sto momento
    Me par, che in Cielo
    Dal gran contento
    Gabbia l'Oselo.
    40Zà me sento un gran furor,

[p. 163 modifica]

    Che vien d'amor.
    Oh cara sta to cocca!
    Del so liquor
    Vìa damene un bon gotto,
    45Che beverne ghen voi, finchè son cotto.

Mi vaggo in estasi
    De mi son fuora,
    Con Marte ancora
    Farave guerra
    50In Cielo, e in Terra,
    Se'l volesse sto cagao
    Tiorme fuora de bocca sto bonlao.

Oh, caro Adon,
    Ti gà rason,
    55Gà dito la Dea Venere

[p. 164 modifica]

    Con parolette tenere,
    L'è un gusto cussì grando,
    Ch'ogni tristo pensier và tutto in bando.

Ah! Che no posso pì,
    60Aspetteme anca mì,
    Che voggio vegnir con tì.

Tutti do allora hà dito, oh Dìo! oh Dìo,
    E la guerra d'Amor cussì hà fenìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Nell%27Isola_di_Baffo&oldid=42532"