Son stà col far sonetti allegramente

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 300 modifica]
NO CURA ONORI DOPO LA MORTE.


SONETTO


Son stà col far sonetti allegramente,
    E m'hò tiolto a sto Mondo gran solazzo,
    Cussì hò fatto dei fioli colla mente
    4Zà, che no li hò podesti far col Cazzo;

Che in questi starò vivo longamente
    Me dise el morbinoso gran Mondazzo,
    Ma, come no gò idea, che del presente,
    8Dell'avvegnir no me n'importa un Cazzo;

Anzi la rabbia me vien sù in pensar,
    Che se li goderà più d'una Dona,
    11E mi sarò andà a farme buzarar.

Cosa serve, che dopo i me incorona,
    E ch'i me fazza anca la Statua alzar,
    14Se più no saverò cosa sìa Mona?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Son_stà_col_far_sonetti_allegramente&oldid=45781"