Sessanta volte 'l Sol hà zirà tuto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 79 modifica]
L'AUTOR SE ILLUMINA, MA TARDI.


SONETTO


Sessanta volte 'l Sol hà zirà tuto
    El Zodiaco dal dì, ch'hò averto i occhi,
    Da zovene mi giera tra' i alocchi,
    4E a vegnir vecchio hò fatto qualche fruto.

Hò visto, che 'l Demonio no xe bruto,
    Come, ch'i lo depenze sti marzocchi,
    E che me cogionava, ma coi fiocchi,
    8A creder, che ghe fusse Giove, e Pluto.

El mal xe, ch'in quel tempo, ch'aumentando
    S'andava in mi la bella cognizion,
    11M'andava 'l Cazzo sempre più calando,

A segno tal, ch'ancuò no l'è più bon,
    Tanto, che trà de mi vago digando,
    14Giera meggio morisse da cogion.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Sessanta_volte_%27l_Sol_hà_zirà_tuto&oldid=46488"