Hò tanto pregà Amor, che 'l me soleva

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 95 modifica]
PER LA GRAZIA AVUDA DA CUPIDO.


SONETTO


Hò tanto pregà Amor, che 'l me soleva
    De scriver in materie tonde, e grasse,
    De parlar de puttane, e de bardasse,
    4Che 'l m'hà fatto la grazia, che voleva.

No sento più quel peso, che gaveva,
    Che me tegniva oppresso in cose basse,
    E se i oggetti no xe de prima classe
    8El mio spirito adesso no se leva.

Come mai hoggio fatto sto gran salto,
    Che me par con i dei toccar el Cielo!
    11Forza d'Amor, che m'hà levà sì in alto;

El m'hà scoverto un Mondo assae più belo;
    A tal comparsa, a cussì bell'assalto,
    14Me son messo a svolar, come un Oselo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Hò_tanto_pregà_Amor,_che_%27l_me_soleva&oldid=45444"