Senza starve a cantar d'arme, e d'amor

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 137 modifica]
TUTTO 'L MALE NASCE DALLA MONA.


CANZONE


1Senza starve a cantar d'arme, e d'amor,
    Senza dirve de guerre, e de fracassi,
    Per soddisfar el genio, e un certo umor
    Voggio cantarve della Mona i spassi;
    No voi però, che ve mettè in rumor,
    Siben, che sti me versi è troppo grassi,
    Perchè ve voi provar con rason bona,
    Che tutti i mali nasce dalla Mona.

[p. 138 modifica]


2Tiolemo esempio prima in Salamon;
    Che per la Mona hà dà in te le pazzìe,
    E privo de giudizio, e de rason
    Hà fatto tante, e tante idolatrìe;
    Orlando, che coll'arme giera bon
    Far tremar un Golia da capo a pìe,
    Zeloso per la Mona l'è stà visto
    Andar matto per strada per sto acquisto.

3Sanson per un tantin de quel servizio
    A Dalida infedel si fà soggetto,
    Tanto se gà oscurà tutto 'l giudizio,
    Che 'l trovava in la Mona ogni diletto,
    L'è andà per una Mona in precipizio,
    Orbo, senza cavei, a so despetto,
    L'hà copà i Filistei colla colonna
    Per la Mona fatal della so Donna.

[p. 139 modifica]


4Neron, che se puol dir Rè de tiranni,
    Del popolo roman strage, e rovina,
    Dopo aver fatto tanti gran malanni,
    Hà fatto avrir so Mare una mattina,
    Fà Seneca svenar, che per tanti anni
    Xe stà 'l maestro, che gà dà dottrina,
    E pò alfin el l'hà fatta alla so Dea
    Per la semplice Mona de Popea.

5Per gelosia Ermolao della consorte
    Brusò Troja una notte all'improviso,
    Ma nel so primo amor costante, e forte
    Nol podeva aver ben per quel bel viso,
    Anzi l'hà stabilìo piuttosto a morte
    Riddurse, che lassarla ad un Narciso,
    E per quanto, che lù gabbia studià,
    La sorte rìa gà tutto rovinà.

[p. 140 modifica]


6Ruggier xe andà più volte in man d'Alcina,
    Credendo, che la fusse Bradamante,
    El gustava la Mona ogni mattina
    Per farse publicar un vero amante.
    Priamo per una Mona è andà in rovina
    Dopo aver bù dolori, e pene tante,
    E Giove senza onor, senza decoro
    Hà lassà d'esser Dio per farse un toro.

7Paris Omo da ben per ogni conto
    Per la Mona de Vienna è andà in deliri,
    Alfonso per Biancafior xe stà a dir pronto,
    Che 'l viveva de lagreme, e sospiri,
    Marte, che al mio parlar no resta sconto,
    Lù hà fatto colla lanza dei bei tiri,
    Marte, ch'è stà costante a ogni cimento
    Hà fatto el Dio Vulcan becco contento.

[p. 141 modifica]


8Anca Ercole hà invidià molti bravazzi,
    Che perdea per la Mona le so glorie;
    Col cuor intento sempre a più solazzi
    Trava là in un canton palme, e vittorie,
    Scipion, Cesare, e tant'altri Omenazzi,
    Ch'ai so eredi hà lassà grande memorie,
    S'hà lassà dominar da più proriti,
    Che fà tirar el Cazzo anca ai Romiti.

9Lassa Alcide el so sdegno, e la so ira
    A debellar i mostri avezzo, ed uso,
    E perchè della Mona gà la mira
    Abbandona le gaerre, e tiol el fuso.
    Orfeo col son della so dolce lira
    Frenetico d'amor mesto, e confuso
    Per placar colla Mona el duol interno
    Và Euridice a cavar fuor dell'Inferno.

[p. 142 modifica]


10Monarchi, Potentati, e Imperatori
    Gà fatto de capello a sta gran Mona,
    Filosofi, sapienti, e gran Dottori
    L'hà fatta del so cuor sola parona,
    Rè, Duchi, Gardenali, e gran Signori
    S'hà cavà riverenti la corona,
    E xe stà messi i regni a ferro, e fuogo
    Per trovar in la Mona un pò de liogo.

11Donca bisogna dir, che sta Pottazza
    Sia 'l giubilo, e 'l contento dei mortali,
    Giubila tanti, e tanti se ne ammazza,
    Per la Mona sbasisce i Dei immortali.
    La Mona infame d'una scarabazza
    Fà nascer tante risse, e tanti mali;
    Donca ve provarò con bona frase,
    Che la Mona è un boccon, ch'a tutti piase.

[p. 143 modifica]


12Mona, manna del Ciel, e dolce vita,
    Refrigerio dei Cazzi, ch'è languenti,
    Mona, che dell'Osel xe calamita,
    Mona consolatrice nei tormenti,
    Mona cara, soave, e assae gradita,
    Che morsega l'Osello, e no gà denti,
    Mona del miel più dolce, e delicata,
    O dolcissima Mona, o Mona amata.

13No se puol aver gusti, nè dileti,
    Se no se gà 'na Mona al so comando,
    Mona, che divertisce i Frati, e i Preti,
    Boccon curà, che tutti và cercando.
    Scrivè in lettere d'oro, o vù Poeti,
    Che 'l gusto della Mona xe 'l più grando;
    E acciò, che no credè, che ve cogiona,
    Metto zoso la penna, e vago in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Senza_starve_a_cantar_d%27arme,_e_d%27amor&oldid=43799"