Missier Cazzo baron xe tempo alfin

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 129 modifica]
AL MEDESIMO.


QUARTINE


Missier Cazzo baron xe tempo alfin
    De sbassar zò la testa sui cogioni,
    Più no vedo per vù certi bocconi,
    4E bisogna quietarse un pochettin.

Bella! De tanti membri, che gò addosso;
    Gnessun me costa tanto, come vù,
    Ma no me farè miga spender più,
    8S'anca me stessi duro, come un osso.

No cade farme gola a recordarme
    Dei gusti, ch'in so tempo v'avè tiolto;
    Mi no ve credo più, più no v'ascolto,
    12Ve sfadighè de bando a stuzzegarme.

[p. 130 modifica]


Ma Cazzo, missier Cazzo, Visdecazzo,
    Vù cogionando cazzè sù a bon ziogo,
    E no vardè de far peccai da fuogo,
    16Purchè ve possiè tior gusto, e solazzo.

Discrezion la vuol esser, sier cogion,
    E bisogna desmetter certi vizi,
    Ma vù no vardè tanti precipizi,
    20Purchè ve pussiè tior soddisfazion.

Se vù farè, sier Cazzo, el vostro conto;
    Dirè ben con rason d'esser cattivo:
    Orsù proveve ben sin, che sè vivo,
    24De star in le braghesse sempre sconto.

Vù no savè far altro, che far spender,
    No savè senza bezzi farve strada;
    Che termini da bestia buzarada
    28Voler sempre comprar senza mai vender!

[p. 131 modifica]


La buzara! Me vien rabbia de cuor,
    Altro no savè dir, che fotti, fotti,
    Per Dìo, che ve darò dei scopellotti,
    32Se in braghesse farè più el bell'umor.

Vadagneve dei bezzi, se volè
    O trovè, chi de bando ve ne daga,
    Del resto in busi, che pissa, o caga,
    36Co avè da spender bezzi no ghe andè.

Orsù vù m'avè inteso, abbiè creanza,
    E se volè sborar, trovè persona,
    Che senza bezzi daga e Culo, e Mona,
    40Se nò stè pur de banda sulla panza.

No voggio più per vù dolori, o guai,
    Ve recordeu de quel mio gran travagglo,
    Ch'averla dà la testa sotto un Maggio,
    44E da sto intrigo nù semo passai.

[p. 132 modifica]


Ve recordeu de quel continnuo pianto,
    Che zorno, e notte in camera faceva,
    E che conforto da gnessun gaveva,
    48Vìa d'un amigo, che me stava accanto.

Repplico, no voi più dolori, e guai,
    Che m'arrecordo ancora el scolamento,
    Pianzevi vù a pissar per el tormento,
    52Ma pò sè deventà pezo, che mai.

Cerco; che cosa brontoleu frà vù
    Anca alla fè? Disè quel, che ve piase;
    Disè pur sù, disè con tutta pase,
    56Diseme 'l vostro interno anca de vù.

Diseme vìa? Che cosa dir pensevi,
    Forse, che no avè bù dei spassi grandi,
    Che no avè buo bocconi, e Contrabbandi,
    60Che licchetti da Prencipe godevi,

[p. 133 modifica]


Che avè bù chiettinette desgrezae,
    Che colle man le ve dava solazzo,
    E che le ve tegneva stretto, o Cazzo,
    64Sborando da sassine desperae?

Forse me voleu dir le muneghette,
    Che v'hà dà in parlatorio tanto spasso?
    Se vù v'arrecordè de queste 'l chiasso,
    68Me ricordo anca mi delle gazzette.

Xe vero, che, co gieri alle ferriae,
    Giera mille, e più gusti messi in tola,
    E sò, che de quei spassi gavè gola,
    72Ma troppi bezzi val quelle sborae.

Forse de maridae voleu parlar,
    Che per no farghe torto a so Marìo,
    Le ve metteva in Magazen da drìo,
    76E in quel le ve lassava bagolar?

[p. 134 modifica]


Siben le lo tioleva in sto bel liogo;
    Le sborava da Cagne, e da sassine;
    E mastegando le so camisine,
    80Sempre vù le trovevi de sto ziogo.

Forse me voleu dir de quelle Putte,
    Che cussì cogionando gavè rotto,
    E che v'avè cazzà, sier cazzo, sotto,
    84Senza vardar, che le sia belle, o brutte?

Digo de quelle Putte, che savè,
    Cosa hà costà de bezzi a mi, gramazzo,
    De quelle Putte cussì fatte al Cazzo,
    88De quelle, che trovevi larghe un piè.

Putte, che dopo averghe dà do spente,
    E d'aver fatte de Pignate crepe,
    Le sbora ingiostro, co fà tante sepe;
    92E pò le lo tiol drento allegramente.

[p. 135 modifica]


Forse me voleu dir delle Bagasse,
    Che m'hà fatto trar via bezzi, e mesate
    Col giustarvela drento le culate,
    96Perchè i gusti coi bezzi mi pagasse?

Digo de quelle mantegnue da mì
    Per dar a vu siorìa solazzo, e gusto,
    De quelle, che hà la Mona, e'l Cul più frusto
    100De quel, che la Marantega gà dì;

E de quelle bagasse, che finzeva
    De sborar cento volte a tiorlo in culo,
    E menando la Mona per trastulo,
    104Spenzi, spenzi, Ben mio, le me diseva.

Basta mi credo zà, ch'abbiè capio
    Senza replicar più 'l mio sentimento,
    Donca vù prepareve al pentimento,
    108Che l'istesso pensier sarà anca 'l mio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Missier_Cazzo_baron_xe_tempo_alfin&oldid=43774"