Del Decreto della Franza

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 153 modifica]
AI EXGESUITI.


CANZONE


Del Decreto della Franza
    Ve lagnè, o Gesuiti?
    Anderè cussì all'usanza,
    4No sarè più tanto affliti.

Metter suso un collarin
    Ve sentì dell'amarezza?
    Anzi fare un bel festin
    8Dovaressi d'allegrezza.

Come, che no sè più Frati,
    No sarè tanto osservai;
    Poderè cussì da Abati
    12Far l'amor da desperai,

[p. 154 modifica]


Poderè cussì sentarve
    Delle Donne alla Toletta,
    E con elle solazzarve,
    16E ziogar alla Bassetta.

Averè fatto 'l guadagno
    D'andar soli zorno, e notte,
    Senza quel Padre compagno,
    20Che ve secca le ballotte.

No avere più ancuò la briga
    De far scuola a sti ragazzi,
    Ne farè la gran fadiga
    24D'insegnar ai visdecazzi.

Più trà i miseri mortali
    No anderè per Missionari
    Ne farè più al Culo i cali
    28A scaldar Confessionarj

[p. 155 modifica]


Zà xe persa la fattura
    Predicar la carità,
    Che la zente ancuò paura
    32Più del Diavolo no gà.

Contro 'l vizio no val gnente,
    Che criè da desperai,
    Perchè zà hà fissà la zente
    36No se daga sti peccai.

Non occorre vegnìr vìa
    Dell'Inferno coi terrori;
    In ancuò l'è 'na pazzìa
    40Da Poeti, e da Pittori.

Per correger el costume
    No ghè più dottrine sane,
    Giera meggio farghe lume
    44Anzi a quei, che và a puttane;

[p. 156 modifica]


Co volevi conservarve
    Ghe voleva più giudizio,
    No dovevi altro intrigarve,
    48E a seconda andar del vizio.

Vù dovevi a più no posso
    Far dei bei peccai d'accidia,
    Che no v'averessi addosso
    52Tirà tanta gran invidia;

Studiar tanto no dovevi,
    Ch'a studiar continnuamente,
    L'è un rimprovero, che devi
    56A quei, che no studia gnente;

Bisognava, che no fessi
    Tanto i Santi, nè i devoti,
    Ma piuttosto a far ve dessi
    60I ruffiani, e i zerbinoti.

[p. 157 modifica]


Averessi assae più dà
    In tel genio alle persone;
    Se v'avessi immascherà
    64A sentir le vostre Done.

No dovevi veramente
    Negoziar de tante strazze;
    Ma dovevi solamente
    68Negoziar delle ragazze;

Ma v'avviso, ch'anca i Preti
    No farà negozj boni,
    S'i sarà tanto indiscreti,
    72Voggio dir secca-cogioni;

Se volè trovar fortuna
    In la vostra proffession,
    Dovarè de qualcheduna;
    76Procurar la prottezion;

[p. 158 modifica]


Dovarè farghe i braccieri,
    Aspettar de dirghe Messa,
    Darghe drìo ai so pensieri,
    80Se la xe filosofessa.

Una qualche gran Signora,
    Che servìa d'un boccon grosso
    Ve puol far avere ancora
    84Un dì, o l'altro un capel rosso.

A sto passo cussì alto
    No saressi zonti mai
    Senz'aver fatto 'l gran salto
    88D'esser Frati desfratai;

E de più podè arrivar,
    Co un gran nome v'avè fato;
    El Conclave a cogionar,
    92E portarghe vìa 'l Papato;

[p. 159 modifica]


Perchè sempre hò sentìo dir,
    Che, se i dà 'l Papa a Gesù,
    El se lo vorrà tegnir,
    96E nol lo darà mai più.

Gesuiti pò no siè,
    Per mi digo, è meggio assae,
    Perchè un dì cussì podè
    100Deventar so Santitae.

Podè in somma in sta maniera
    Tiorve tanti gran solazzi,
    E star via tutta la sera,
    104E tegnirve anca i ragazzi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Del_Decreto_della_Franza&oldid=46534"