In materia del senso gran cose s'hà sentìo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 19 modifica]
FESTINO DI NERONE


CANZONE


In materia del senso gran cose s'hà sentìo,
    Al dito de Petronio, Neron xe stà un gran fio.
Sentì, se de più grando lù mai podeva far,
    Perchè la so lussuria l'avesse da sfogar.
5Sul lago delizioso d'Agrippa nominà
    Sù d'un vascel d'avorio, e d'oro l'è montà.
I remiganti tutti de quella zente i giera,
    Ch'in le dissolutezze portava la bandiera;
Un superbo banchetto l'hà fatto sul vascello,
    10Che dar no se podeva el più superbo, e bello;
Figureve, che i cibi, e i più preziosi vini
    Vegniva della terra dai ultimi confini.
L'hà fatto pò innalzar dei porteghi sontuosi,
    E quanto tira el lago casini deliziosi;

[p. 20 modifica]

15El gà volesto metter là dentro in quelle porte
    Un numero infinito de Donne d'ogni sorte;
Da una banda ghe stasse le belle illustri Dame,
    Che ghe cavasse ai Cazzi più nobili la fame,
Che ognuna fusse pronta, e facile, e contenta
    20De tior drento quel primo, che'l Cazzo ghe presenta,
Perchè 'l so gusto giera veder ste belle Done,
    Giusto per esser Dame, a far le Buzarone.
Dall'altra l'hà volesto, che in varie forme strane,
    E in varj atteggiamenti, nue stasse le puttane.
25Oh quà mi me figuro cosa doveva far
    Ste Donne, perchè i Omeni gavesse da sborar,
Chi colle gambe larghe puzade a una colona
    Menarse le doveva in publico la Mona;
Chi co una gamba alzada, come che stà la grua,
    30Aspettava, che un Cazzo ghe dasse una fotua

[p. 21 modifica]

Chi stava là attendendo colla so Mona in mostra
    Chi ghe 'l mettesse dentro, come se và alla giostra,
Chi colle man in terra, come hà pensà Aretin,
    All'uso delle piegore sù lo tiolea a passin;
35I Omeni più forti se le chiappava in brazzo,
    E pò i se le impirava sù, e zoso per el Cazzo,
I Vecchj da qualcuna ai piè se inzenocchiava,
    E co un deo in tel Culo la Mona i ghe licava;
Altri ghe 'l dava in man con belle parolette,
    40Perchè le ghe 'l menasse in mezzo delle Tette,
Altri ghe prometteva de darghe ogni diletto,
    Perchè le ghe tiolesse in bocca l'Oselletto.
Gran cose se vedeva, ghe giera fin de quelli,
    Che 'l so gran gusto giera sborarghe in te i cavelli.
45In mezzo a ste lascivie Neron tutto quel zorno
    Con pompe, e con gran fasto quel liogho hà zirà intorno

[p. 22 modifica]

Al comparir dell'ombre, perchè se ghe vedesse,
    Illuminar l'hà fatto le Case, e le Barchesse,
L'hà volesto ghe fusse per tutto dei Strumenti,
    50E delle Canzonette al foter attinenti,
Tanto, che dai vicini boschetti, e dai Palazzi,
    L'Eco diseva, evviva, viva le Mone, e i Cazzi.
Per coronar Neron st'azion cussì famosa
    Da femena el s'hà fatto vestir, come una Sposa;
55L'hà volesto, che i ghe metta el so gran velo in Testa,
    E fin anca la Dote per far sta bella festa;
E, perchè el matrimonio usasse quel so Bulo,
    In publico l'hà fatto, che 'l ghe lo metta in Culo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=In_materia_del_senso_gran_cose_s%27hà_sentìo&oldid=42038"