Cosa sia l'Omo, e cosa 'l fazza quà

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 289 modifica]
MISERIE DELLA VITA UMANA.


SONETTO


Cosa sia l'Omo, e cosa 'l fazza quà,
    Voggio filosofarghe un poco suso;
    Mi vedo, che co 'l vien fuora del buso
    4Subito 'l pianze, come un desperà;

Quando l'averze i Occhj el xe incantà,
    Nol sà dove, che 'l sia, el xe confuso,
    A questo, a quello lù ghe varda 'l muso,
    8Ma cosa, che lù guarda, nol lo sà.

El và crescendo, ma dei gran tormenti
    Bisogna che 'l sopporta, e malattìe,
    11E in primo liogo quel de far i denti;

Dopo, ferze, variole, e rosolìe,
    Spasemi, batticuori, e patimenti,
    Avanti, se puol dir, che'l staga in pìe.
                    15El gà dell'allegrìe,

[p. 290 modifica]


Ma queste da puttello poco dura,
    Che sempre ghè de mal qualche mistura,
                    18O ch'i ghe fà paura,

O ch'i ghè dà, o ch'i ghe tien la cena,
    Ora ghe crìa la Mare, ora la Nena;
                    21Vien vìa pò la gran pena

D'andar a scola, e quella de studiar
    Per aver qualche scienza da imparar;
                    24Se un'arte pò 'l vuol far,

Avanti, che 'l la impara a sufficienza,
    Cosa ghe vuol de tempo, e de pacienza!
                    27Fenìa l'adolescenza

In tel Mar del gran Mondo lù se mete,
    Dove un'ora nol gà de vera quiete.
                    30Allegrezze perfete

[p. 291 modifica]


Per quanto, che 'l le cerca, nol le trova,
    E quel, che piase, per el più no giova.
                    33Se ghè 'na cosa niova

Con tutto 'l cuor el se ghe butta drento,
    Ma pò cosa ghe resta, 'l pentimento.
                    36El ben dura un momento,

Tanto, che se puol dir al mal, che resta,
    Dopo curto seren longa tempesta;
                    39Se Amor pò in la testa

Ghe vien co tutti quanti i so despeti,
    Altro, che 'l Cà del Diavol dei poeti,
                    42I più contrarj effeti

Lo combatte, e lo strapazza a 'na misura,
    Che quasi lo reduse in sepoltura.
                    45Oh misera natura!

[p. 292 modifica]


Che in quell'unico ben, che ne xe caro,
    Nù ghe trovemo drento tanto amaro.
                    48Se esamino l'avaro,

Mo, che vita infelice no xe quella
    Per no metter la man in la scarsella!
                    51Che serve quella bella

Cassa, che 'l gà de scudi, e de dobloni;
    Che 'l se li petta tutti sù i cogioni.
                    54Mai do bocconi

Nol sà magnar, e quel, ch'allegramente
    Farìa star tutti, a lù no ghe val gnente.
                    57Chi lambica la mente

Per arrivar a qualche dignità,
    Che perder pò ghe fà la libertà,
                    60O intrigai, se no i sà,

[p. 293 modifica]


O, se pur questi xe gran talentazzi,
    I xe perseguitai dai visdecazzi.
                    63Ghè pò tanti gramazzi,

Che zorno, e notte zira colla testa
    Per sostentar la vita, che ghe resta.
                    66Che passion pò molesta,

Che xe quella dell'Omo lussurioso,
    Che, se nol fotte, nol gà mai riposo;
                    69El xe sempre voggioso

De quella cosa, nè 'l se stuffa mai,
    Siben, che la ghe porta cento guai;
                    72Come i cani arrabbiai,

Sia maridae, sia vedove, sia Pute,
    El ghe la liccarìa, mi credo, a tute;
                    75Nol varda la salute,

[p. 294 modifica]


Nè de perder la robba, ma contento
    Lù no xe mai, se nol ghe nesta drento.
                    78Fin quà mi gò depento

Cosa sìa l'Omo, e come sempre in guera
    El sia colle passion quà sulla tera;
                    81Zonta, che sia la sera

Della so zoventù, lù crede allora
    Dal Mar delle passion cavarse fuora;
                    84Ma più che mai 'l xe allora,

Vedendo, che l'hà perso tutto quanto,
    E le passion ghe resta tanto, e tanto;
                    87Massime quel ch'hà pianto

Per amor delle Donne, e che xe stà
    In tel bel sesso tanto innamorà.
                    90Oh! Questo sì, ch'è quà,

[p. 295 modifica]


Vedendo, che nol puol più andar in Porto,
    Nol trova più in sto Mar gnessun conforto,
                    93E 'l vorrave esser morto;

Cosa ghe serve 'l Sol, cosa la Luna,
    Quando, ch'in Donne nol gà più fortuna?
                    96Dirà mo qualcheduna,

Ch'ai vecchj resta i gusti della mente,
    Ma i xe gusti cogioni finalmente;
                    99De real no ghè gnente;

I xe tutti capriccj del cervello,
    Ma gnente serve, co no ghè più Osello.
                    102In che consiste 'l bello?

No lo sà ben gnessun, se quel, che piase
    In t'un liogo, in te l'altro pò despiase:
                    105Tutti gà la so frase,

[p. 296 modifica]


E tutti crede, che la soa sìa bona,
    Ma certo o l'un, o l'altro se cogiona.
                    108Solamente la Mona

Per consenso de tutti universal
    La xe bona salada, e senza sal.
                    111La vecchiezza xe un mal;

Ma del vecchio el più perfido destin
    Xe no poder più andar in quel zardin.
                    114Chi de lù più meschin!

Sora marcà ogni tanto pò vien vìa
    Un mal, che della morte xe la spìa.
                    117Vien pò la malattìa,

Che xe l'ultima affatto della vita,
    Che più 'l Cipro no val, nè l'Acquavita.
                    120Oh! Dìo, che gran desdita

[p. 297 modifica]


A vedarse in quel stato là davanti
    Parenti, e amici, che se desfa in pianti;
                    123Quei Medici, ignoranti,

Che zà altro no i sà dir, co i xe in error,
    Che bisogna chiamar el Confessor.
                    126Gran cose, che fà orror!

Questo xe l'Omo, e questo xe 'l so stato,
    Che, co ghe penso, no vorrìa esser nato.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Cosa_sia_l%27Omo,_e_cosa_%27l_fazza_quà&oldid=45778"