Quanto più m'avvisino alla vecchiezza

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 243 modifica]
LA VOLPE PERDE 'L PELO, NÒ EL VIZIO.


SONETTO


Quanto più m'avvisino alla vecchiezza,
    Tanto più me fà voggia la puttana,
    O istinto sìa della Natura umana,
    4O sìa, perchè a sborar la mia xe avvezza.

Ma osservo, ch'in tei zorni d'allegrezza,
    Co se xe al fin, se fà assae più chiassana,
    L'ultima è in Carneval gran Settimana,
    8Tutti quanti se cava la cavezza;

Ghe sarìa una rason, che mi lassasse
    De più chiavar sto poco, che m'avvanza,
    11Se savesse de là, che se chiavasse;

Ma come, che xe morta ogni speranza,
    Che no ghè più puttane, nè bardasse,
    14Perchè hoggio da lassar sta bell'usanza?
                    Ah! Che fin, che gò panza

Voggio magnar, e voi per mio solazzo
    17Andar a Donne fina, che gò Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Quanto_più_m%27avvisino_alla_vecchiezza&oldid=45727"