Me domandè, se gò casin? ve digo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 90 modifica]
SULLO STESSO ARGOMENTO


TERZINE


Me domandè, se gò casin? ve digo,
    Che ghe n'hò più de diese al mio comando,
    3E uno meggio dell'altro, sì d'amigo.

Da Camerieri, che no stà de bando,
    Mi son servìo con tutta l'attenzion,
    6E mi gò tutto quello, che domando;

Tanto, che gò più stima, e devozion
    Per el primo, che al Mondo hà fatto l'Osto,
    9Che per quel, ch'hà inventà le prucission.

Sempre cotto se trova un lesso, un rosto,
    E subito magnà vien suso in pressa
    12Quello, che v'hà servìo, che el porta costo;

[p. 91 modifica]


Se volè, che mi 'l vero ve confessa,
    Mi gò più gusto andar all'Osterìa,
    15Che no xe, co xe festa, andar a Messa.

Là se và soli, come in compagnìa,
    E se và colla so cara Donnetta
    18Sicuri, che gnessun ve para vìa;

Oh! Quella xe una vita benedetta,
    Quello xe 'l vero stato de Natura!
    21Tutto 'l resto sul Cul, ch'i se lo petta;

Che serve per magnar tanta coltura?
    Quà se magna con quella purità,
    24Come se fava avanti la scrittura.

Cosa più allegra al Mondo no se dà;
    Questa svegia l'idea dei Baccanali,
    27Che fava Roma in la so prima età.

[p. 92 modifica]


Par l'Osto un General coi so Offiziali,
    Le caldiere xe i schioppi, e xe i Cannoni,
    30L'arme bianche xe i spei, bozze, e boccali;

Quei rosti, che và attorno sù i cavioni,
    E quel fuogo, che par quella fornasa,
    33Dove s'hà buttà drento quei Cogioni.

Mi vardo, che ste cose no le piasa
    A tutti quanti, e che ghe sìa de quelli,
    36Che ga più gusto de magnar a casa.

Come mai se puol dar de sti cervelli,
    Che voggia andar a casa a star in occa,
    39Quando i puol star in mezzo dei bordelli?

Avanti de andar là se gua la bocca,
    Co se xe là se sente un'allegrezza,
    42Che più voggia ve fà d'andar in Cocca.

[p. 93 modifica]


A veder l'Ostarìa l'è una bellezza,
    Chi và, chi vien, chi cria, chi batte i piati,
    45E chi da rider proprio se scavezza.

Là se canta, se balla, co fà mati,
    E le camere tutte le xe piene,
    48De Puttane, Bardasse, Preti, e Frati,

Quante stanze ghe xe, ghè tante cene,
    Chi zioga alla bassetta, e chi alla mora,
    51E se sente a far mille cantilene,

Chi và da quella porta drento, e fuora
    Chi và sù per magnar, chi vien zò pieni,
    54Chi sona, magna, beve, pissa, e sbora.

In sta forma se passa i dì sereni,
    E quando se xe là, a mi me par,
    57Ch'in tel centro se sìa dei veri beni;

[p. 94 modifica]


Ste cose in altri lioghi se puol far,
    Ma, se nù pesaremo queste, e quelle,
    60Vedaremo, che quelle suol calar.

De so Natura tutte le xe belle,
    Ma de gusto ghè tanta differenza,
    63Quanta ghè dal sturion alle sardelle.

Ah! Quel dar alle maschere licenza,
    Quel viver sciolto, e quella libertae,
    66Che se gode in sto liogo, de conscienza

Fà, che la robba piasa meggio assae
    Tanto, che per no andar all'Ostarìa
    69Essere mi no vorrìa so Santitae.

Cosa serve magnar co pulizìa
    In bacili d'arzento, e piatti d'oro,
    72Quando, che no se magna in allegrìa?

[p. 95 modifica]


Co se xe stracchi questa xe un ristoro;
    E in viazo, quando all'Ostaria s'arriva,
    75Par, che s'abbia trovà qualche tesoro;

Gode ogni facoltà l'intellettiva
    A pensar d'aver presto da magnar;
    78E gode in tel magnar la sensitiva;

Se xe inverno, se gode quell'andar
    Subito al fuogo, e quando, che xe istae
    81Se se consola averse da muar;

Se in tel deserto là ghe fusse stae
    Otto, diese Ostarie, quei gran Ebrei
    84No s'averave dà tante seccae.

Per l'Ostaria ghe dono Archi, e Trofei,
    Cariche, onori, e i più gran bei palazzi,
    87Anca l'abitazion dei Semidei.

[p. 96 modifica]


El centro quella xe dei bei solazzi,
    E tutti quei, che l'Ostarìa condana,
    90Per mi digo, ch'i xe gran visdecazzi.

I tre bei gusti della vita umana,
    Hò sempre sentìo a dir fin da mia Nona,
    93Xe l'Ostarìa, la Posta, e la Puttana,

L'Ostarìa per chi hà fame xe assae bona,
    La Posta, per chi hà pressa de viazar,
    96E la Puttana per andar in Mona,

Quando, che se gà voggia de sborar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Me_domandè,_se_gò_casin%3F_ve_digo&oldid=42436"