Perchè sò ve sarà d'aggradimento

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 294 modifica]
RACCONTO SORA L'ISTESSO ARGOMENTO.




Perchè sò ve sarà d'aggradimento
    Saver d'un vostro amigo la fortuna,
    3Ve dago parte del mio avvanzamento.

M'hà manda l'altro zorno in sulla bruna
    A chiamar una Vedoa d'un Mercante,
    6Che del negozio no vuol star dezuna,

Se mi voleva unir al so contante
    Anca el mio capital con patto espresso
    9De tiorlo in drìo co voggio in t'un istante;

Ch'ella in riscontro me metteva appresso
    La so bottega, e la chiave addosso
    12Per avrirla, e serrarla a un tempo istesso:

[p. 295 modifica]


Che l'avesse da usar più, che mai posso
    In ogni sò richiesta, e manizarse
    15Tutti, finche'l negozio vegna grosso,

Che no s'abbia gnessun mai da lagnarse,
    Ma reciproca fusse la fadiga,
    18E goda più quel, che sà più inzegnarse.

In te la so bottega, sta mia amiga,
    Sò, che la gà de bon, e mi per questo
    21La servo in tutto, basta la mel diga.

Ghe xe un da dir, che me xe assae molesto;
    Perchè tegnir la chiave anca vorrìa
    24D'un armaretto fatto con bon sesto.

La lo tien nella porta da drìo vìa,
    E drento mì son certo persuaso,
    27Che la gabbia la meggio mercanzìa,

[p. 296 modifica]


Mi gò sospetto, che là drento un vaso
    Ghe sia pien d'oro, e un balsamo prezioso;
    30Che no la vuol, che mi ghe metta el naso;

V'assicuro, che son assae curioso
    De saver quel negozio, e no capisso,
    33Perchè in questo la gà del misterioso

Tanto, e tanto però molto gradisso
    Quejlo, che la me fà, e ben chiamar
    36Me posso fortunà, co no falisso;

Ve digo ben, che mi del negoziar
    Mai tanto le regole hò imparà,
    39Quanto, che co sta Donna a praticar.

Del vero trafficar la m'hà insegnà
    El modo, che bisogna i primi zorni
    42Far boni patti, ma con civiltà;

[p. 297 modifica]


Ghe vuol, perchè 'l contratto no se storni,
    Co 'l negozio và ben tirar avanti,
    45Se anca un corrispondente ve fà i corni.

Xe utile conoscer dei Mercanti
    La so Natura, se i xe tardi, o presti,
    48E no bisogna vegnir zoso avanti;

A conchiuder insieme esser ben lesti,
    Contrattar alla muta no và ben,
    51Ma gnanca colle ciarle esser molesti.

Fatti, e poche parole far convien;
    E xe utile assae saver valerse
    54Delle so man, e della lengua ben.

In t'un negozio solo contenerse
    No xe da bon Mercante, e quando preme
    57Bisogna d'altri capi anca valerse;

[p. 298 modifica]


S'hà da bandir per negoziar insieme
    I scrupoli, che questi un dì ve puol
    60Farve fallir in sù'l più bel, credeme,

Qualche volta del spasso se se tiol
    Coll'imbriagar el so compagno ancora,
    63E pò'l se zira, come, che se vuol.

In summa a negoziar se se innamora,
    Credelo, in sta maniera, e v'assicuro,
    66Che 'l capital i frutti butta fuora;

Ve dirò, che bisogna tegnir duro,
    E no molar la robba cussì presto,
    69Come chi del negozio vive a scuro;

V'avviso pò, che la m'hà dà anca 'l resto,
    Perchè un di la m'hà visto in gran pensier,
    72Che giera per andar tutto in prottesto.

[p. 299 modifica]


Quel vaso la m'hà dà, che in tel armer
    Ella s'aveva sconto, come hò dito,
    75E allora hò tornà a far el mio mestier.

De negoziar m'hò messo più in petito,
    E in tempo, che mi fava poco, o gnente;
    78Xe andà avanti el negozio assae pulito;

M'hò messo a star in casa allegramente,
    E se mi negoziava per Levante,
    81Adesso anca negozio per Ponente.

La mia compagna xe fida, e costante,
    E perchè'l mio negozio vada ben,
    84La m'hà dà le so zogie tutte quante;
    E quà finisso, e v'auguro ogni ben.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Perchè_sò_ve_sarà_d%27aggradimento&oldid=42656"