Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo/Tomo III

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB   MOBI   PDF   RTF   TXT
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. Frontespizio modifica]


RACCOLTA UNIVERSALE

DELLE OPERE

DI

GIORGIO BAFFO

VENETO

T. III


Cosmopoli 1789


Indice
  1. Vorrave, cari amici benedeti 
  2. Semo in ancuò a 'na dura condizion 
  3. Vedo un zorno alla finestra 
  4. A ben pensar da Omeni sul serio 
  5. Hà da viver le belle, e le brutte 
  6. L'Omo se stima assae generalmente 
  7. Gran bestia, che xe l'Omo! lù defforma 
  8. Cosa me fà peccà la spezie umana 
  9. Podemo ben ruzar quanto volemo 
  10. Quando lezo quel passo de Scrittura 
  11. Baffo ti, che ti è un Omo de gran testa 
  12. Me domandè cosa doveva far 
  13. Dai pulpiti se sente una gran ose 
  14. Voleu, che 'l Cazzo 
  15. Quando sento sti gran Predicatori 
  16. Senza, che mi me porta alla lezion 
  17. Ogni cosa me par sia ben intesa 
  18. Ghe xe una leze disè, che no se fotta? 
  19. Vago filosofando, come mai 
  20. Mi no sò per qual causa, ch'a spuar 
  21. Zoroastro all'Inferno un dì xe andà 
  22. Per quell'istessa causa, per la qual 
  23. Xe falso quel principio, che la Dona 
  24. Fava do Amanti una grisonerìa 
  25. L'altro dì caminando per l'ingresso 
  26. Una bellezza mi vorrìa lodar 
  27. Tette fatte de latte, e de zonchiada 
  28. Nel boschetto della Diletta mìa 
  29. Senti, Nina, sta notte m'hò insognà 
  30. Son tanto innamorà d'una ragazza 
  31. Son tutto de fuogo 
  32. La xe ben una leze buzarona 
  33. Vorrave, mia bellissima parona 
  34. Frà tante, che cognosso, una me resta 
  35. Come, che và incontro un picolo puttello 
  36. De tante Donne, che xe in sta Cittae 
  37. Donca l'oggetto del mio amor più bello 
  38. Dopo, che per culìa mi ho tanto fato 
  39. Donca la mia Morosa xe novizza! 
  40. Cosa, che pagherave d'esser mì 
  41. Cosa hoggio mai da far più quà a sto Mondo 
  42. No patisse cussì chi gà la gotta 
  43. Vardeme pur in ciera co destrutto 
  44. Chi vuol far del so nemigo 
  45. Una Donna no ghè, che più me piasa 
  46. Son stà veder un zorno un bel Convento 
  47. Da un rustico Paese 
  48. In Cielo Marte, e Amor s'hà messo al ponto 
  49. No se puol dir, che 'l Re Prussian no sìa 
  50. Hò tanto pregà Amor, che 'l me soleva 
  51. In alto son andà tanto svolando 
  52. Sto aver d'andar in letto, co xe sera 
  53. Se al Mondo no ghe fusse più la Mona 
  54. Sol tormento le xe, solo dolore 
  55. S'alza da per se stessa la gonnella 
  56. L'impareggiabil Potta in odio avesse 
  57. Se nò che della Potta 'l gran podere 
  58. Ch'a so piaser gavea mille, e più Mone 
  59. Più, ch'in Potta Real in Concubina 
  60. Ravviva in un momento le persone 
  61. Tutto me fà da pianzer a sto Mondo 
  62. Sentì mo, che bell'arte, e che dottrina 
  63. De Platon la dottrina giera questa 
  64. Son tanto stracco, e sazio della Dona 
  65. Sto no pensar ad altro, che a chiavar 
  66. L'anno niovo, bisogna confessarse 
  67. Padre, m'hà tirà 'l Cazzo, e l'hò menà 
  68. Sò, che chi hà fatto mi senza de mì 
  69. Delle volte me passa per la mente 
  70. Cartesio quel filosofo eccellente 
  71. D'esser solo a sto Mondo mi gò in testa 
  72. Chi dise accidental combinazion 
  73. Come chi stà per veder qualche festa 
  74. Amici da quà avanti 
  75. V'andè lodando d'aver Morose 
  76. Hà pagà el so tributo alla Natura 
  77. Se fusse vero quel, che dise tanti 
  78. Anca st'anno della Sensa 
  79. Putte, zà, che sè bone 
  80. Una putta hò tentà con arte, e bezzi 
  81. Dirghe al mio Cazzo 
  82. Chi dopo aver basà 
  83. Chi sente le parole 
  84. Cosa xe mai sta buzara, che sento 
  85. M'hà parso ben de far al mio servizio 
  86. Quel bardassa d'amor m'hà cogionà 
  87. Credeva, Amor, che avessimo fenìo 
  88. Al Tribunal d'Amor hò fatto un zorno 
  89. Credeu, amici, che con tutto'l Spazzo 
  90. Ancora, amici, la gran lite pende 
  91. Se lagna, e se scontorze un certo tal 
  92. Quel vostro pedantismo assae me stracca 
  93. Un dì, ch'in trono Amor giera sentà 
  94. Amor dopo, che tanto t'hò servìo 
  95. Sier Cupido avè fatto un bel giudizio 
  96. Venere, a vù riccorro, a vù, che sè 
  97. Oh Sommo Giove, che 'l celeste coro 
  98. Se Amor xe fìo d'un Dìo 
  99. Ancuò st'uso de Franza xe sortìo 
  100. Dopo, che tanti gà letto 
  101. Se spiana i Monti 
  102. Querini, della to sorte tirana 
  103. Quel grand'Omo, quel spirito elevato 
  104. Indosso ti te porti el to tesoro 
  105. Chi dise, che xe scritto per dies'ani 
  106. Come, se dopo una gran longa piova 
  107. Co mi penso a quel povero Marcello 
  108. Mo xela longa sta cogionerìa! 
  109. Adesso, che vù sè in quel Tribunal 
  110. Considerè col vostro alto giudizio 
  111. Estinguendo se và tanti ricconi 
  112. Voleu fiorissa l'arti, e le fatture 
  113. Savio è in Colleggio Paulo Contarini! 
  114. Avendo i Tripolini rotto el pato 
  115. Quanti stolidi mai, ch'i s'hà ridotto 
  116. Oh Dìo, xe morto l'Emo! Oh Dìo, che testa 
  117. Dell'Areopago i Giudici prudenti 
  118. Per ordinario 
  119. Vìa, caveve dalle Dame 
  120. Co semo gonzi 
  121. Tre volte sole 
  122. Sarielo un caso 
  123. Che Diavolo de moda xe mai questa 
  124. Che moda buzarada, che xe quella 
  125. De negro và vestìe le nostre Dame 
  126. Se pensa a riformar solo 'l privato 
  127. Una volta se dise no le andava 
  128. Perchè tanto se critica, e se crìa 
  129. Certe finezze 
  130. Cos'hà da far ste nostre Donne adesso 
  131. Dov'è quella Città cussì brillante 
  132. Oh Dìo! Quella Città cussì famosa 
  133. I se lagna, perchè ste nostre Done 
  134. Se fusse vivi i vecchj, e ch'i vedesse 
  135. E chi questo agitò spergiuro letto? 
  136. Chi hà strapazzà sto letto, e chi la testa 
  137. Chi è stà colù, che hà strapazzà quel letto? 
  138. Far della bocca un sacco 
  139. Nù, amigo, semo do, che componemo 
  140. Amigo, voi contarve in t'un Sonetto 
  141. Credendo fussi morto all'improviso 
  142. Amigo caro, no se cogionemo 
  143. Amigo, del mio mal xe causa l'ira 
  144. Vedarè 'l mio ritratto, o gran Frugoni 
  145. D'Eurisbe col favor vù sì, ch'in cima 
  146. Gnessun puol concepir quant'allegrìa 
  147. Dove missier Cupido avè trovà 
  148. Giera là in quiete, e più no ghe pensava 
  149. Quanto più m'avvisino alla vecchiezza 
  150. Torna, amigo, el Diluvio universal 
  151. In un paese 
  152. Zonti del fiume Lete in sulla sponda 
  153. Compare el mio Cotal me l'hà ficada 
  154. Vìa, fenìla, sier Cazzo: abbiè giudizio 
  155. Hò fatto col mio Cazzo 'na scrittura 
  156. Con tutto quel poder, e quel schiamazzo 
  157. Mio Perini, se vedè 
  158. Quel Baffo, che stà in campo a San Maurizio 
  159. Erostrato per farse nominar 
  160. Mi no son un cogion, sior Baffo caro 
  161. Quando, che quella tisica indiscreta 
  162. Se no me fussi amigo, sior frascon 
  163. Come quel, che all'Inferno è condannà 
  164. Oh! Estu ti quel bravo visdecazzo 
  165. Saverè, che m'è stà scritto 
  166. Zorno, e notte la testa me zavaria 
  167. Saveu, amigo, perchè son in Occa 
  168. La Concorrenza, amici, xe fenìa 
  169. Amici, la regata xe fenìa 
  170. Baffo, savè, che quando se gà mal 
  171. Baffo, ghe xe in Venezia sì, o nò 
  172. Un arrecordo voggio darve, amici 
  173. Socrate in tempo, ch'i ghe desligava 
  174. Che i Atomi abbia fatto el Mondo a caso 
  175. D'opinion mi sarave francamente 
  176. Co penso al Pittagorico argomento 
  177. El morir no me dà pena 
  178. Cosa sia l'Omo, e cosa 'l fazza quà 
  179. Mi no vorrìa aver fatto quel, ch'hò fato 
  180. Cosa serve avvenenza, e cosa 'l brìo 
  181. Son stà col far sonetti allegramente 



Indice alfabetico
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo/Tomo_III&oldid=54677"