Il Milione

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Wikipedia logo
Varda anca la vose El Miłion su Wikipedia.
Il Milione
(versione veneta)
XIV secolo
Edission e fonte ▼
antica traduzion veneta de anonimo autore de Il Milione de Marco Polo

INDICE[canbia]

CAPITOLI I-X[canbia]

  • CAPITOLO I — Del prolago: sì come misier Nicollò e misier Mafio Pollo, zitadini de Veniexia, andò inprimamente in Chostantinopolli, e dapuo’ in Soldania, e possa là dove era Barcha Achaan; e molte altre cosse.
  • CAPITOLO II — Chome misier Nicollò e misier Mafio andò chon uno anbasiator al Gran Chaan e chomo egli fo visti vollentiera.
  • CAPITOLO III — Chome misier Nicollò e misier Mafio andò anbasiatori al papa per lo Gran Chaan, qué 'llo i mandasse <omeni de> seno per desputar.
  • CAPITOLO IV — Chome misier Nicollò e misier Mafio menò Marcho, fio de misier Nicolò, ala chorte del Gran Chaan; e molte altre cosse.
  • CAPITOLO V — Chome Marcho intrà in grazia del Gran Chaan, e chome lui lo mandava in tute suo’ gran fazende e anbasiate.
  • CAPITOLO VI — Chome misier Marcho vete chotante cosse, e chome lui le fè’ scriver in questo libro.
  • CAPITOLO VII — Chome i anbasiatori de uno re vene ala chorte del Gran Chaan e domandò per grazia al signior che quel misier Nicollò, Mafio e Marcho andasse con loro.
  • CAPITOLO VIII — Chome misier Nicollò, Mafio et Marcho tornò a Veniexia; et molte altre cosse.
  • CAPITOLO IX — Chome chomenzo a dire delle cosse che vete misier Marcho andando e vigniando e stagando; e prima de Armenia Pizolla, et de quella mollte altre cosse.
  • CAPITOLO X — De Llagiaza, o’ che meteno tute le merchadantie che vien de zia da mar.

CAPITOLI XI-XX[canbia]

  • CAPITOLO XI — De Turchomania, [o’] se trova boni chavali e muli, e dove fo martorizià san Biaxio.
  • CAPITOLO XII — Della Grande Armenia, dove è l’archa da Noè e risorze una fontana d’oio.
  • CAPITOLO XIII — De Zorzania, la qual non poté prender re Alexandro, e dove è una tore de fero.
  • CAPITOLO XIV — Del monestier de sen Lunardo, hove è uno lago che non se trova pesie se non de quarexema.
  • CAPITOLO XV — De Mosul, dove è el papa de’ cristiani ch’è de llà dal mar.
  • CAPITOLO XVI — Del castello dove sta el papa de’ saraini, e chome el fo prexo, e del texoro i fo trovato.
  • CAPITOLO XVII — De Turis, là dove abita diverse zenerazion de zente.
  • CAPITOLO XVIII — De uno bel miracollo che adevene dentro Baldacho e Mosul; et altre cosse.
  • CAPITOLO XIX — Del castello ch’è in Persia, innel qual stano quelli che adorano el fuogo.
  • CAPITOLO XX — De Tonochain, là dove è destrieri da CC livre de tornexi grossi, et axeni da XXX marche d’arzento de p<ri>ex<i>o.


CAPITOLI XXI-XXX[canbia]

  • CAPITOLO XXI — De Chrerina, là dove nasie le turchexe e i falchoni pellegrini; et altre cosse.
  • CAPITOLO XXII — Della grande desexa et del pian dove è grandisimi boi e moltoni.
  • CAPITOLO XXIII — De uno piano dove addiviene alle fiate sì gran caldo che lla zente chonvien star soto aqua se deno viver.
  • CAPITOLO XXIV — De uno piano ove nasie formento che fa el pan amaro sì che el non se puo manzar.
  • CAPITOLO XXV — De do dexerti, là dove non abita alchuno se non axeni salvadegi.
  • CAPITOLO XXVI — De Chobinan, dove se fa la tuzia e ’l spudio.
  • CAPITOLO XXVII — De Chanochai, là dove è l’Alboro Solo che s’apella Secho.
  • CAPITOLO XXVIII — De Mulete, dove abitava el Vechio della montagnia.
  • CAPITOLO XXIX — Chome fu morto e dexerto el Vechio della montagnia.
  • CAPITOLO XXX — De Sipurgan, dove è i mior meloni del mondo.


CAPITOLI XXXI-XL[canbia]

  • CAPITOLO XXXI — De Balach, dove Allesandro tolsse per moier la fia de Dario; e altre cosse.
  • CAPITOLO XXXII — Del chastello de Taichan, là dove è le montagnie de sal e li porzispini.
  • CAPITOLO XXXIII — Del regniame de Balastia, là ove porta le femene brage; et altre cosse.
  • CAPITOLO XXXIV — De Basia, là ove se porta zerchi d’oro ale orechie.
  • CAPITOLO XXXV — De Chesimur, hove è i grandi inchantatori.
  • CAPITOLO XXXVI — De Vochan, dove è molti moltoni ch’àno sì grande le chorne che se fano schudelle.
  • CAPITOLO XXXVII — De Chaxar, dov’è la zente molto scharssa e avara.
  • CAPITOLO XXXVIII — De Sanmarchan, dove è el miracolo della colona.
  • CAPITOLO XXXIX — De Charchan, dove abita cristiani e saraini insieme.
  • CAPITOLO XL — De Chotan, dove nasie el banbaxio asai.


CAPITOLI XLI-L[canbia]

  • CAPITOLO XLI — De Pein, hove l’omo può tuor moier s’el sta XX dì fuora della chassa, e lla femena marito.
  • CAPITOLO XLII — De Ciarcian, dove la tera è pur sabion.
  • CAPITOLO XLIII — De Lop, dove è uno dexerto che abita demonii che inganano i omeni.
  • CAPITOLO XLIV — De Fochion, dove i non sotora i morti nì <li> ardeno se non al tenpo dato per li astrologi.
  • CAPITOLO XLV — De Chamul, la provinzia de’ chagozi.
  • CAPITOLO XLVI — De Chinguitalis, là dove se trova la salamandra.
  • CAPITOLO XLVII — De Fechur, dove se trova el reobarbaro.
  • CAPITOLO XLVIII — De Chanpion, là dove l’omo pò aver XXX moier segondo soa lezie.
  • CAPITOLO XLIX — Chome li Tartari fexeno signior primieramente <uno> de soa zente.
  • CAPITOLO L — Chome el signior d’i Tartari se volse aparentar chon Prete Zane.


CAPITOLI LI-LX[canbia]

  • CAPITOLO LI — Chome Chinchis Chaan feze oste contra Prete Zane per la risposta i reportà i suo' anbasiatori.
  • CAPITOLO LII — Chome Prete Zane fu morto e schonfito.
  • CAPITOLO LIII — Della morte de Mongu Chaan.
  • CAPITOLO LIV — Della vita e maniera de' Tartari.
  • CAPITOLO LV — Della leze d'i Tartari; et de molte altre cosse.
  • CAPITOLO LVI — De Metrit, ove se chavalcha i zervi.
  • CAPITOLO LVII — De Gagni, dove è i buò grandi come elifanti.
  • CAPITOLO LVIII — D'Egringaia, dove se fa i zanbelloti.
  • CAPITOLO LIX — De Ciachamaor, dove se truova de zinque mainiere de grue; et altre cosse.
  • CAPITOLO LX — De Cianedai, dove si sfendeno le chane e sì sse chuovre le chaxe.


CAPITOLI LXI-LXX[canbia]


CAPITOLI LXXI-LXXX[canbia]

  • CAPITOLO LXXI — Della festa che fa i Tartari el so chavo d'ano.
  • CAPITOLO LXXII — Delli baroni che vesteno el Gran Chan; e altre cosse.
  • CAPITOLO LXXIII — De quel che fa el Gran Chan nel tenpo ch'el dimora nella zità de Chanbellu.
  • CAPITOLO LXXIV — Delli oxelli e bestie che <à> el Gran Chan, afaitati a hoxellare.
  • CAPITOLO LXXV — Delli chani et della caza del Gran Chan.
  • CAPITOLO LXXVI — Quando el Gran Chan se parte da Ganbellu per andar oxelando.
  • CAPITOLO LXXVII — Della zità de Ganbellu et della corte del Gran Chan.
  • CAPITOLO LXXVIII — Della moneda del Gran Chan.
  • CAPITOLO LXXIX — Dei dodexe baroni ch'àno a proveder sopra la corte del Grande Chaan.
  • CAPITOLO LXXX — Chome el Gran Chan manda i so messi.


CAPITOLI LXXXI-XC[canbia]


CAPITOLI XCI-C[canbia]

  • CAPITOLO XCI — Della provinzia de Achalae Man<gi>, dov'è molto zenzero.
  • CAPITOLO XCII — Della rendita del ponte de Quiantun.
  • CAPITOLO XCIII — Della provinzia de Teber, dove è le chane che fano grande schiopo quando l'ardeno.
  • CAPITOLO XCIV — Della provinzia de Guandi, là dove l'omo, quando l'à briga, se mete el capello al'uxio, et è signior de chaxa quanto el vuol.
  • CAPITOLO XCV — Della provinzia de Charaian et de laci, dove l'omo non à vergognia a chi zaxe chon so moier, purché 'la sia in conchordia; e li se spende le porzellane per moneda.
  • CAPITOLO XCVI — Della zità de Charaian et de Iaci, là dove se truova i serpenti colobri, e chome li prendeno.
  • CAPITOLO XCVII — Della provinzia de Ardanda, là dove l'omo zaxe in parto quando la moier à partorito.
  • CAPITOLO XCVIII — De una bataia che fo tra uno gran baron del Gran Chaan et d'uno grande re.
  • CAPITOLO XCIX — Della gran dessessa, dove l'omo va pur in zio do zornade e meza.
  • CAPITOLO C — Della provinzia de Mian, dove el re se fexe far sì bella sepoltura.


CAPITOLI CI-CX[canbia]

  • CAPITOLO CI — Della provinzia de Ganbala, dove è i buò grandi sì chome lionfanti.
  • CAPITOLO CII — Della provinzia de Tangigu, dove el re à tre<xento> moler.
  • CAPITOLO CIII — Della provinzia de Chamu, dove i omeni e lle femene portano brazali d'oro.
  • CAPITOLO CIV — Della provinzia de Taloman, dove se spende le porzellane per moneta.
  • CAPITOLO CV — Della provinzia de Gingin, dove è i chani mastini cusì forti.
  • CAPITOLO CVI — Della zità de Cinvanglu, ove se fa de tera sal.
  • CAPITOLO CVII — Della zità de Signi, ov'è el gran navilio.
  • CAPITOLO CVIII — Del fiume de Charamoira, dove è una zità da una riva et dal'altra.
  • CAPITOLO CIX — Là dove Baian Cint'ogi aquistà la provinzia de Mangi.
  • CAPITOLO CX — Della prima zità della provinzia de Mangi.


CAPITOLI CXI-CXX[canbia]

  • CAPITOLO CXI — Della zità de Cingui, ove stete signior Marco Pollo ani tre per lo Gran Chan.
  • CAPITOLO CXII — Della zità de Saianfu, ove fexe far Marco Polo i mangani.
  • CAPITOLO CXIII — Del fiume de Quian, che è el maor fiume del mondo.
  • CAPITOLO CXIV — De Chaigui, ove nasie tanta biava.
  • CAPITOLO CXV — De Cingianfu, ove è doe giexie de cristiani; della zità de Tangigui, dove queli che la prexeno fono tuti morti; et altre cosse.
  • CAPITOLO CXVI — Della gran zità de Singui, ch'è a dir la zità della te[r]a.
  • CAPITOLO CXVII — Della zità Quinsai, ch'è a dir 'la zità del ziello', e la qual è lla maor zità che sia al mondo, ove è cotante zente e cotanti ponti e tante meravele.
  • CAPITOLO CXVIII — De molte zità della signioria de Quinsai.
  • CAPITOLO CXIX — Del regniame de Fongu, dove i omeni se manzano.
  • CAPITOLO CXX — Della zità de Nigni, ove se fa schudelle de porzelane.


CAPITOLI CXXI-CXXX[canbia]


CAPITOLI CXXXI-CXL[canbia]


CAPITOLI CXLI-CL[canbia]

  • CAPITOLO CXLI — De Coilon, dove è molto endego.
  • CAPITOLO CXLII — De Comari, ove è simie che par homeni.
  • CAPITOLO CXLIII — De Lila, ove i merchadanti non olsa arivar per mal tenpo.
  • CAPITOLO CXLIV — Del Melibar, ove sono chotanti chorsari de mare.
  • CAPITOLO CXLV — De Gonzarach, ove sono i arbori che fano el banbaxio.
  • CAPITOLO CXLVI — Del regniame de Chana e de Chanbrach e de Semerach e de Resmachoran.
  • CAPITOLO CXLVII — De do ixolle dove in una abita pur homeni senza femene, et in l'altra pur femene.
  • CAPITOLO CXLVIII — De una ixolla de Schoira, ove sono pur cristiani.
  • CAPITOLO CXLIX — Del'ixolla de Madeigoschar, ove se dixe del'oxello che è chusì grando.
  • CAPITOLO CXL — Del'ixolla de Zanchibar, ove è homeni chusì grandi e forti; et altre cosse.


CAPITOLI CLI-CLV[canbia]

  • CAPITOLO CLI — De Albaxia, ove el re manda el veschovo al sepulchro de misier Iesu Cristo.
  • CAPITOLO CLII — Della provinzia de Aden, ove i dàno a manzar ale suo' biestie el pessie.
  • CAPITOLO CLIII — Della chondizion della chorte che èno verso tramontana, là o' tirano i chani le tra[z]e.
  • CAPITOLO CLIV — Della Oschurità, dove non àno mai la luxe del sol.
  • CAPITOLO CLV — De Rosia, che è la dredana provinzia de questo libro.